Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Fidc Marche: Posta alla beccaccia. Denunciamola

| 10 marzo 2014 | 56 Comments

FEDERCACCIAPOSTA ALLA BECCACCIA. DENUNCIAMOLA.

Prendo spunto dall’articolo pubblicato a pag. 20 del n. 2 della Rivista “Beccacce che Passione” dal titolo “Posta alla beccaccia. Denunciamola” per informare che la Sezione Prov.le Federcaccia di Macerata è intervenuta con le proprie Guardi Volontarie in collaborazione con la Polizia Provinciale per cercare di arginare questa forma di bracconaggio.

Sono state censite e mappate le località dove viene effetuata la posta grazie alla segnalazione dei veri cacciatori e si è intervenuti con molti controlli che sono stati un forte deterrente. Purtroppo le Guardie Venatorie Volontarie hanno notato

che alcuni “postaioli” sono cacciatori che sostano nelle vicinanze delle proprie autovetture con i cani nei carrelli; gli stessi che poi si lamentano di non incontrare beccacce per i propri cani!!!

E veramente una vergona! C’è bisogno da parte di alcuni cacciatori di una crescita culturale per esercitare l’attività venatoria nel rispetto delle norme e del buon senso.

Comunque il gruppo di Vigilanza Venatoria della Federcaccia continuerà anche nel prossimo anno ad effettuare dei controlli, invitando il cacciatore a segnalare questi atti di bracconaggio perchè è ora di chiamare con il prorio nome questo fenomeno telefonando tutti i giorni al coordinamento provinciale al seguente numero 339/5981898.

Concludendo sarebbe meglio essere cauti e non generalizzare, come è stato fatto nell’articolo sopra citato dove si evidenzia che le Associazioni Venatorie non fanno cultura e forse non vogliono nè vedere nè sentire!

Il Vicepresidente FIDC MARCHE
Galassi Nazzareno

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Beccaccia, Federcaccia, Marche

Comments (56)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. luigi scrive:

    Il problema della caccia in generale di oggi, quindi compresa la caccia alla beccaccia, sono le strade, vorrei vedere senza le strade quante beccacce alla posta si ammazzerebbero!!! La caccia di oggi è troppo impari, a parte che le strade tolgono habitat ma permettono di recarsi luoghi di caccia in un batter d’occhio, quando prima per arrivare in un posto ci volevano ore e tanta ma tanta fatica. Quindi dovrebbero vietare anche le macchine e non solo, per una riproduzione della selvaggina tali luoghi dovrebbero essere vietati anche ai turisti e a qualsiasi frequentatore della montagna. Invece qui è andato il formaggio sotto e i maccheroni sopra: quello che una volta era la casa dei cacciatori oggi è la casa di tutti, questo solo per commentare e non per essere egoista, ma non si può avere la moglie ubriaca e la botte piena.

  2. ennio scrive:

    ………….?? (:n)
     

  3. valentino carbone scrive:

    anche da me in campania(e credo in tutto il sud),quelli con i cani fanno la posta anche da vicino stesso alla macchina,sono questi quelli che condanno di più lo dico sempre!!!!

  4. Bepi scrive:

    La posta alla beccaccia mattutina la fanno perché rischiano poco o nulla in quanto si è in orario di caccia; mentre quella serale è quasi debellata in quanto rischiano molto di più essendo fuori orario.Pertanto o si mette mano all’orario mattutino o si ascoltano le fucilate dei “beccacciai postaioli” imprecando perchè non fai incontri col cane!!!!!!!!Un’altra arma che io ho adottato è quella di mettermi vicino al postaiolo di turno e quando sta per imbracciare gli urlo che fai? quasi sempre non spara.

    • Picchio scrive:

      Buona idea, bravo, apertura della caccia alle 10:00 per tutti così dormi qualche ora in più, chiusura alle 16:00 per tutti così porti la moglie un po’ a spasso, vietiamo la caccia nei fiumi, qualcuno potrebbe per sbaglio trovarne una nei periodi più freddi, autorizziamo la caccia alla beccaccia solo se in possesso di patentino da rilasciare dopo corsi triennali, così i vecchietti li facciamo fuori tutti, il beeper lo vogliamo vietare o magari ce l’hai anche tu, quindi meglio di no…………. serve altro ??????
      No dimmelo, tanto quelli come me che la mattina aspettano veramente un tordo o un merlo, si daranno alla pesca, noi non siamo cacciatori di serie A come i beccacciari.
      Mamma mia, ma su questo sito c’è rimasto un cacciatore ?? oww oww oww
       

      • Springer scrive:

        Il problema e’ la mentalita’ del cacciatore ; o perlomeno di quei cacciatori che pensano di esserlo solo perche’ dotati di porto d’armi a uso caccia e solo in base a quanto portano a casa o mettono in mostra ai loro amici . Cacciare non significa ” fucilare ” un animale in qualsiasi modo pur di portarselo a casa. Poteva essere giustificato in passato quandoi andare a caccia significava ” mangiare “… Oggi non piu’…. Se non si capisce questo e non si cerca di lavorare nella direzione di una miglior etica venatoria sempre piu’ difficile da incontrare, non ci si puo’ stupire se poi ognuno cerca di tirare l’acqua al suo mulino a scapito di altri. Dove vedi unione fra cacciatori….? Vuoi venire alla riunione del mio ATC e godere dell’unione fra cacciatori…? Ti divertirai osservando cinghialai contro lepraioli….Lepraioli contro stanzialisti….Selecontrollori contro tutti….etc…etc….etc… Questa e’ la realta’ dei fatti non solo mia ma credo di tutti gli ATC italiani. 
        Se ci fosse etica venatoria e rispetto reciproco….se chi caccia il Tordo ( e lo dico come esempio a caso senza generalizzare e puntare il dito contro chi fa questo tipo di caccia ) non sparasse alla Beccaccia alla posta mettendosi nei panni di quel povero cristo che da li a poco andra’ in giro con il suo cane pieno di belle speranze ignorando che quella Beccaccia non c’e’ piu’….Se chi caccia il Cinghiale non sparasse al Capriolo mettendosi nei panni di quel povero cristo a cui lo hanno assegnato e che non riesce piu’ a trovare . Se ci fosse il rispetto dei limiti di carniere per la Stanziale per far si che chi e’ dotato di cani validi e conoscenza del selvatico che caccia abbia durante gran parte se non tutta la stagione ( e non solo nei primi quindici giorni o mese al massimo ) la possibilita’ di incontro…tutte queste iniziative volte a tutelarsi e tutelare il ” proprio selvatico e forma di caccia ” non esisterebbero…
        Cosi’ invece non e’….Quindi prepariamoci a tutto perche’ questo ” tutto ” in definitiva lo abbiamo voluto / causato  noi….
        Sui corsi di specializzazione che farebbero fuori i ” vecchi cacciatori ” non sono assolutamente d’accordo. Vuol dire , Picchio , che non ne hai mai frequentato nemmeno uno. Se lo avessi fatto ti saresti reso conto che la maggior parte dei frequentatori sono proprio ” vecchi cacciatori ” ( anche solo per questioni legate all’eta’ media dei cacciatori italiani ). Li frequentano….studiano….passano gli esami….si arricchiscono di nozioni che prima sicuramente non conoscevano….capiscono e danno piu’ importanza ( e rispetto ) al selvatico e alla forma di caccia oggetto del tale corso. Di troppa cultura ( venatoria ) non e’ mai morto nessuno….di troppa ignoranza( sempre venatoria )  invece si… E la caccia italiana sta morendo , anche se non soprattutto per questo…:wink:

        • fabio guidi scrive:

          ……….se per mentalita’ intendevi cultura, sono completamente d’accordo con te, su tutto. Perche’ se si parla di mentalita’ e basta, allora bisognerebbe fare un discorso molto piu’ allargato ed approfondito, che porterebbe ad’una condanna pressoche’ totale della categoria in quanto atavicamente portata ad un certo tipo di comportamento.
          Parlando invece di cultura venatoria, si presuppone che un insieme di coincidenze negative abbiano fatto sì che questa , non potesse essere instillata a tutti.
          Quelli che  la possiedono,  dovrebbero  cercare di elevare gli altri, con l’esempio ed il dialogo.
          Parlandone e scrivendone, sempre piu’ spesso, e’ probabile che qualche risultato venga raggiunto.
           

        • Picchio scrive:

          ….Quindi prepariamoci a tutto perche’ questo ” tutto ” in definitiva lo abbiamo voluto / causato noi….
          No Springer, ti sbagli, lo avete voluto/causato VOI, che non siete troppo accolturati (venatoriamente parlando,) ma siete degli egoisti prepotenti (sempre venatoriamente parlando) .
          Io ho cacciato sempre con il massimo rispetto delle leggi, delle persone e delle forme di caccia di ognuno, chi mi vuol fare andare a caccia dalle 10:00 di mattina, NO.
           

        • Springer scrive:

          Fabio…hai compreso bene l’oggetto del mio intervento anche se non vedo un netto confine fra le parole ” cultura ” e ” mentalita’ ” . Dove finisce una inizia l’altra….non sempre….non per tutti…ma per molti si ….. Maggior cultura venatoria  puo’ portare a ” miglior mentalita’ venatoria ” senza snaturare la natura stessa del cacciatore che , solo in quanto tale , ovvio esce la mattina con la speranza di cacciare qualcosa. Cacciare , pero’ , nel rispetto del selvatico che ricerca, delle regole che disciplinano l’attivita’ venatoria , delle altre forme di caccia e dei cacciatori che le esercitano e non del ” machissenefrega lo piglio io prima che lo prenda un altro in che modo non mi importa ” . I tempi in cui si andava in giro a tirar clavate a destra e a manca alle tigri con i denti a sciabola o ai bisonti e magari anche al concorrente che voleva soffiarceli sotto il naso sono finiti da un pezzo. Ma per diversi di noi , oggi che non si va piu’ a caccia per mangiare , sembra invece di no…. :-D
           
          Un caro saluto :wink:

        • Springer scrive:

          Caro Picchio….egoista e prepotente credo proprio di non esserlo… Come non sono quello che vuole mandarti a caccia alle 10 di mattina ( fosse solo perche’ ci dovrei poi andare anche io che faccio altri tipi di caccia ). Forse ti e’ sfuggito il senso di quello che intendevo dire…..o magari non son stato capace io di spiegarlo. Lo riassumo brevissimamente : Se ci fosse maggior rispetto delle regole e degli altri e maggior etica / cultura venatoria fra noi, di certo a nessuno verrebbe l’idea di proporre soluzioni estreme come quelle che paventi.
          Il sostenere questo non vuol dire che a me sta bene mandarti a caccia alle 10 di mattina….Ho semplicemente indicato la causa….il capire perche’ succede questo . L’amico Luigi e Ennio hanno parlato di intere zone dove viene fatto quel genere di prelievo . Non e’ solo da loro….sicuramente ci saranno altre zone dove questo accade in barba alle regole che dicono di non farlo. Ce ne sono anche da me….ce ne saranno anche da te. Sta a tutti noi che invece le regole le rispettiamo cercar di far in modo che questa mentalita’ cambi….altrimenti il percorso gia’ iniziato , perche’ qua si parla non di ipotesi ma di richieste ben specifiche da parte di club specializzati , prendera’ piede e volenti e nolenti prima o poi si andra’ a caccia dalle 10 di mattina… La colpa se tutto questo dovesse accadere non e’ la mia che rispetto le regole….nemmeno la tua o quella di molti altri….nemmeno di chi le propone….ma solo di quei tanti cacciatori che  non rispettandole  non rispettano nemmeno chi fa di quel selvatico , la Beccaccia , la sua forma di caccia esclusiva portandolo a formulare il pensiero ” tu non mi rispetti ?….io il rispetto te lo impongo “… 
          Saluti  :wink:

  5. *Antonio scrive:

    A quanto pare, da qualche tempo le associazioni venatorie non si limitano più alla sola ragione esistenziale facendo quanto più  tessere possibile.
    Mi domando: dove viene fuori tanto zelo?
    Invece di blaterare ed inveire contro cacciatori a favore di… altri cacciatori che guarda caso, vedono sempre più diminuire il divertimento per i propri cani, non sarebbe il caso di impegnarsi un tantino in più contro il turismo venatorio che vergognosamente “assassina” migliaia di beccacce ancora nel nido? 
    C’è una moda sempre più pericolosa tra di noi.
    Metterci a fare i guardiacaccia per “punire” altri cacciatori…quando “guardiacaccia non siamo mai nati” non è una bella cosa.
    Prima di giungere a dare dei numeri di cellulare per segnalare “disfunzioni” tra di noi,  sarebbe stato meglio chiedersi come mai si è giunti a cotanta aberragine  e,  COME E PERCHE’ LA NOSTRA INCAPACITA’  HA RAGGIUNTO TALI LIMITI. Bravi, continuate così, vi daranno un encomio. *Cacciatore a vita.

    • Pietro Pirredda da Arzachena (Sardegna) scrive:

      Concordo col suo punto di vista Antonio. Perdipìù da poco ho letto proprio su il cacciatore che in Abruzzo si sono inventati il corso per cacciatore di beccacce. altro modo insomma per dividere sempre più la categoria e inventare nuove tasse.

      • Pietro Pirredda da Arzachena (Sardegna) scrive:

        …..chi le inventa poi queste tasse abbinate al corso? Lo stato? No! La Regione? No! La Provincia? Noooooo…..sempre le solite Associazioni … 

  6. *Antonio scrive:

    Difatti, a mio parere, quella del corso per cacciatori di beccacce, è un’altra stronzata organizzata da gente che non “sa” che cacciatori si nasce e che  beccacciai non si diventa.*Cacciatore a vita   

  7. ennio scrive:

    la posta alla beccaccia purtroppo  è una piaga che  non si debella….a meno che non si voglia penalizzare tante altre cacce,intendo  imponendo  l’ora del  mattino a giorno inoltrato.Oggi purtroppo per molti  non conta più come si trova  e come si risolve  la caccia alla beccaccia ,ma bensi conta  il numero….oggi è  tutta una gara,così è pure  per la piccola selvaggina tordi e merli, tanti  gruppi di amici  cacciatori parlano di 50 capi-100-150 capi ad  uscita…
    La posta quì da  noi viene fatta sistematicamente  lungo i fiumi dalla foce   su su per una ventina di km…poi nelle ptopaggine dell’appennino ,nelle gole dove abitudinalmente  le beccacce entrano….in un comune del maceratese  che non dico,la posta viene fatta dai residenti con assiduità tant’è che  ognuno ha  il  suo posto…e guai a chi osa occuparlo se anche solo sparare a merli o tordi !!! troverebbe subito le gomme tagliate.Pertanto dico che  è una guerra persa in partenza…perchè quello che spara alla beccaccia in posta  lungo il  fiume dirà di aver sparato a un merlo…a una alzavola..a una gallinella ..un beccaccino… l’atro che sta sul valico  idem…sparerà al merlo ..al tordo…ci vorrebbe  una guardia ogni cacciatore.Io ho sempre praticato la caccia  lungo il  fiume…quando  ero  giovane….nessuno stava alla posta…se ci stava  si metteva in qualche ansa del  fiume cacciando le anatre…..oggi negli stessi posti  la mattina  già un’ora prima dell’alba c’è un cacciatore  ogni cinquanta metri !!…cosa si spera di  trovare  poi con i cani???!!!!
     

  8. calibro 28 scrive:

    La legge c’e’ e va rispettata,ma non titoliamo bracconieri, chi spara ad un volatile migratorio che è inserito nelle specie cacciabili.Allora per essre giusti si dovrebbe vietare,la posta alla lepre al fagiano e cosi via.

  9. Ezio scrive:

    Più leggo certi post e più spero che tra qualche anno il mio periodo di caccia potrò trascorrerlo interamente all’estero in piena serenità e senza dover leggere ed ascoltare continuamente tutto ed il contrario di tutto, anche tra di noi che ne siamo le prime vittime di questi modi di intendere le cose.
    Qui si passa dal mantenere cani per tutto l’anno e poi tenerli nel carrello o nel baule per poter tirare alle bekke alla posta e poi cercarle con i cani lamentandosi che non ce ne sono!!  :roll: :roll: :roll: :roll:
    Al giustificare la posta in Italia …che è GIA’ illegale per LEGGE…. e al continuare a condannare pratiche venatorie di altri Paesi che la sono LEGALI!!  -o-
    Boh…non so…il matto sarò io e me ne farò una ragione. 
     

  10. sergio scrive:

    SCUSATE, FACCIO UN ESEMPIO:
    Se mentre asspettate un tordo o un merlo allo “Spollo” o al “rientro” viene su un falco, una poiana, un airone, LO SPARATE?
    NO, OVVIO.
    E ALLORA PERCHE’ C…O LA BECCACCIA SI?
    NON SIETE CAPACI DI RICONOSCERLA E DISTINGUERLA DA UN TORDO O UN MERLO, ALLORA SONO GIUSTIFICATI I CORSI.
    LO FATE DELIBERATAMENTE ALLORA SIETE DEI ……. LO SAPETE BENE COSA.

  11. sergio scrive:

    SCUSATE, FACCIO UN ESEMPIO:
    Se mentre asspettate un tordo o un merlo allo “Spollo” o al “rientro” viene su un falco, una poiana, un airone, LO SPARATE?
    NO, OVVIO.
    E ALLORA PERCHE’ C…O LA BECCACCIA SI?
    NON SIETE CAPACI DI RICONOSCERLA E DISTINGUERLA DA UN TORDO O UN MERLO? ALLORA SONO GIUSTIFICATI I CORSI.
    LO FATE DELIBERATAMENTE? ALLORA SIETE DEI ……. LO SAPETE BENE COSA.

  12. fiore scrive:

    sempre con questa storia, allo spollo gli tiro non ci sono seghe, non vado apposta questo è sicuro, sono tre anni che che non ne raccatto una,  quest’anno è capitata tre volte (sempre allo spollo intendo) una era lunga una l’ho vista tardi e non l’ho chiappata e una era l’ultima domenica quindi già chiusa. Per me potete mettere tutte le leggi che volete, potete fare e dire tutte le morali che volete, ma sarà difficile che cambi abitudine, e come me penso ce ne siano parecchi.
     

    • fabio guidi scrive:

      No Fiore, quello che dici non e’ giusto e spero che non lo pensi davvero.
      Per assurdo, lasciamo stare la legge, i divieti, gli orari e quant’altro, ma consideriamo
      solo una cosa : il rispetto. E non solo il rispetto che si deve agli altri, cacciatori e non,
      ma venatoriamente parlando, il rispetto che dobbiamo all’animale in questione.
      Uno tra i piu’ belli ed intriganti, un selvatico che da solo, ha riempito pagine di racconti intrisi di una miriade di sentimenti ed emozioni che pochi altri animali hanno suscitato.
      Solo per questo dovremmo alla regina il rispetto di cui parlavo prima, e questo non puo’ comportare il perfido agguato, perpetrato vigliaccamente all’alba, quando tra l’altro con il volo appesantito dall’essersi nutrita risulta oltremodo indifesa, e facile
      da colpire.
      No, se vogliamo continuare a chiamarci cacciatori, dobbiamo crescere e per farlo bisogna cambiare abitudini e “tradizioni” che, pur nel rispetto della nostra passione,
      sono diventate anacronistiche e controproducenti.
      saluti 

      • fiore scrive:

        Fabio,  non voglio entrare in polemica perchè sò che sbaglio io ma vorrei dire alcune cose che possono sembrare un’arrampicata sugli specchi ma quando la becca rientra non sempre arriva a farfallona… a volte viene veloce e veloce bene, poi se manchiamo di rispetto alla beccaccia al rientro mattutino allora perchè accettiamo l’uscita ai tordi ? per me ogni animale ha il solito valore che sia una lepre o un’allodola sempre un selvatico è, e sempre una preda la considerò. Poi ripeto ho tutti i torti in questo caso, e per il resto mi sono adeguato bene alle varie restrizioni anche se qualcuna non la condivido ma la rispetto.

        • fabio guidi scrive:

          vedi Fiore, in questo caso potresti aver ragione sul fatto che tutti gli animali dovrebbero essere considerati uguali, ed in questo caso, forse, pecco io di mancanza culturale a non
          considerarli tali. però nella mia ignoranza mi riesce un pò difficile considerare un tordo ed una beccaccia al solito livello.
          Per quanto riguarda la posta alla bekka, sei indifendibile, non volermene.
          Senza acrimonia.

        • fiore scrive:

          Chiaro Fabio, me ne assumo tutte le responsabilità
           

    • Springer scrive:

      Mah…..  :(  :(  :(

    • Giacomo scrive:

      Bravo Fiorello ! Ti sei sempre distinto per essere uno dei pochi che dice la verità.
      E’ la verità è, che siamo Itagliani !   :-?   

      • fiore scrive:

        la questione è semplice…. odio tutti i bugiardi, quindi mi tocca dire la verità
         

      • Ezio scrive:

        “E’ la verità è, che siamo Itagliani ! ”
        Credo che Giacomo abbia sintetizzato egregiamente.   :(

      • fiore scrive:

        per dovere di cronaca mi sono giocato la credibilità perchè in verità odio anche i disonesti e in questo frangente lo sono pure io ….. per le leggi dell’uomo ma non per quelle della natura … mi salvo in calci d’angolo
         

      • fiore scrive:

        per dovere di cronaca mi sono giocato la credibilità perchè in verità odio anche i disonesti e in questo frangente lo sono pure io ….. per le leggi dell’uomo ma non per quelle della natura … mi salvo in calcio d’angolo
         

  13. Renzo scrive:

    Il problema è molto differente dallo sparare vigliaccamente alla Becca sulla posta ( oltretutto è FUORILEGGE farlo ) ,il vero problema è che manca l’educazione a chi compie questo gesto. Caro Fiore, ti stimo perche lo ammetti in maniera talmente plateale che non me la sento di dire altro, lasci sbigottito chiunque. Onore alla Tua onestà. Resto comunque dell’idea che è sbagliato farlo,e tutto questo ci porterà a provvedimenti che pagheranno tutti anche chi non si sogna nemmeno di alzare la mira sulla Regina che passa lenta come una farfalla sulla testa . E non riesco nemmeno a starmene zitto quando leggo commenti come quello sopra, di Springer, quando denuncia le varie liti e scaramucce tra i vari “”cacciatori “” solo perche praticano un tipo diverso di caccia ; non sto zitto e dico : HA RAGIONE ! Purtroppo conosco persone( poche per fortuna )  che sono eccellenti cittadini , onesti e tutto il resto ma che pur di dimostrare al bar che hanno preso un uccello in più si dannerebbero l’anima . Sono in costante competizione , anche con loro stessi. E questa ,mi dispiace , NON E’ andare a caccia , ma andare solo per poter sparacchiare il più possibile .  :evil:

    • sergio scrive:

      Non sono per nulla in sintonia ne’ tantomeno d’accordo,anzi stando a queste affermazioni tolgo anche la mia stima a Fiore.
      Come si fa’ a dire, ed affermare queste cose?
      faccio un esempio:
      E’ come dire, esplicitamente, che rubare e’ reato, ma siccome tanto non mi beccano, se mi capita l’occasione lo faccio, felicemente e deliberatamente.
      Pazzesco!!!!! 

    • fiore scrive:

      Renzo capisco le tue rimostranze come quelle di altri,  magari avete pure ragione, chiaramente ho una visione della caccia (in generale) personale ad esempio trovo sbagliato aver circoscritto la caccia agl’ungulati a parte il cinghiale, l’elitè della selezione, trovo anche non più praticabile la caccia ai turdidi con i richiami ( anche questa con immenso dolore, visto che mio nonno era un capannaio)  la questione della beccaccia da cacciare solo con il cane non l’ho mai accettata, anche perchè in questi ultimi anni c’erano più beccacce che tordi, cosa facciamo non si fa più lo spollo hai tordi?  vi chiederete allora perchè lo spollo si e le gabbie no! beh questo è il risultato di una continua diminuzione dei tordi  aggravata da leggi europee e da il continuo e progressivo diminuire dell’habitat in buona sostanza la caccia non finirà ma dovrà cambiere le sue prede.

      • Renzo scrive:

        E’ comprensibile, “tirare “” alla Becca frullata con i piedi, anche se poco accettabile può essere comprensibile. Certo lo stato d’animo del – cacciator viandante- che compie un gesto simile potrebbe essere quello di ripensarci sopra o per lo meno sdegnarsi con il destino che non ha permesso di mettere nella bisaccia la stessa beccaccia sotto una bella ferma del cane .Molto diverso è prenderla fuori orario, non mi risulta che il tartufo del cane abbia l’orologio come da tesserino ( anche se è prevista la multa ) . Faccenda diversa ed estremamente controversa è spararLe mentre nel chiaro scuro passa lenta ed inerme sul nostro cappello. Stimo FIORE,mi è sempre piaciuto per la sua schiettezza e la sua educazione , ma questa esternazione da sparatore ( non ostante la difesa d’ufficio di Ezio ) non la condivido. Se fossi presente e capitasse una cosa simile, mi limiterei a sgridarlo amichevolmente , nulla di più, ma almeno quello lo farei di certo. A quanto ne so, il nostro Amico caccia senza cane e se capita non lesina l’idea di impossessarsi di una preda ambita da tutti . Dalla sua c’è comunque un fatto : ma quante volte in dieci anni gli capita ? Forse DUE, TRE ? E allora , che danno compie ? Nessuno, solo ne contesto vivamente l’etica. Premetto che NON è la mia caccia e se il mio Breton , come è accaduto, me ne trova qualcuna e sono capace a centrarla, bene , vuol dire che è stata una buona stagione … altrimenti la guardo e basta . Quini : NESSUN ACREDINE NEI CONFRONTI DI FIORE , che abbraccio . 

        • fiore scrive:

          Ricambio l’abbraccio Renzo e come detto a Fabio non sono scusabile e non voglio esserlo questa è una questione mia personale, ognuno ha le sue magagne!!  a presto :mrgreen:
           

  14. giannirm scrive:

    Ma è la beccaccia che denuncia al Commissariato di zona, il tentato omicidio quando viene padellata da parte di ignoti. :mrgreen:

  15. massimiliano scrive:

    …e pensare che per certi aspetti stimavo il sig.Fiore…quantomeno per coerenza e vera passione ideologica..che certo non potrà mai essere la mia,sia ben chiaro !
    Ma dopo gli scivoloni pazzeschi dei post sopra(sempre del sig Fiore) non posso far altro che rimanere totalemte allibito e senza parole..tanto è lo sbigottimento a simili candide innocue ammissioni di trasgressione delle leggi e di un minimo di etica venatoria
    Fatte le dovute proporzioni..se nn erro,lui che ammette la fucilata alla posta alla beccaccia (VIETATA)professa il suo credo ideologico sinistroide sempre e comunque(Lecito e dovuto in democrazia) mettendo in croce ed alla “gogna pubblica ad ogni occasione buona,prima l’esule di Hammamet e poi il Rubygate nano ladro … il reato è sempre reato…non scordarlo caro mio corregionale !
    Mi spiace se parlo francamente,senza acredine, ma questo è quello che ho pensato leggendoti e vedendoti in postina all’alba che indirizzi il colpo vigliacco verso la regina al rientro.

    • fiore scrive:

      Massimiliano, posso capirti, farei anche io lo stesso, ma non entriamo nella politica sennò addio

      • massimiliano scrive:

        no no ..figurati,niente politica ! Era solo per fare un “paragone azzardato”sul concetto “legalità”.
        Ripeto,ti credevo di principi sani…duro e puro..
        e invece mi hai profondamente deluso……..
        tutto lì senza acredini latenti ne nulla..ragionamento a voce alta inaerente alla posta alla regina !
        ps:errare è umano ..perseverare è diabolico !

  16. Ezio scrive:

    La difesa d’ufficio a Fiorello gliela faccio io, gli voglio troppo bene per vederlo “massacrato”  così. :)
    Lui gli tira a qualcuna per caso e per disperazione, visto che non becca mai un tubo. :mrgreen:
    Altri lo fanno in modo premeditato e consapevole.
    Quelli poi con il cane nel carrello che fanno la posta sono il massimo del minimo!! :evil:

    • fiore scrive:

      Ezio, tu scherzi, ma in effetti è vero quest’anno, record in negativo sia per le uscite sia per le catture. 
      Grazie comunque ricambio più che volentieri il bene, visto il tempo che ci conosciamo virtualmente.
      Qui è bene che ci venga di rado altrimenti trovo da discutere più che dai miei amici animalari…. ora torno da loro 
      Alla prossima

  17. giannirm scrive:

    la maggiorparte dei beccacciari sono tutti con la puzza sotto il naso quando raccontano con veemenza e “poèsia” le loro imprese beccacciare esaltando i loro cani coi loro consensi, poi senti che ti risenti loro non condannano, anzi lo ritengono giusto la sparo a terra, quando riescono a vedere la beccaccia sotto ferma e non riuscirebbero a sparare perchè si trovano nel fitto…tutti beccacciai, ma come? Io non faccio nessuna posta, ma se capita fuori orario o la frullo camminando, non le faccio la riverenza.

  18. Renzo scrive:

    Una NOTA : il post di risposta a Fiore andava scritto qui sotto , perche è presente in esso anche la risposta a giannirm , in cui aggiungo: sparare per terra ? ORRENDO ! :twisted:

  19. Ezio scrive:

    La questione è sempre semplice ma agli esseri umani piace complicare tutto. Per quanto concerne il “caso” in esame, la posta alla bekka è illegale.  Fare “altro” che può risultare disdicevole ma non illegale, non è semplicemente …illegale. Si può combattere affinchè la prima diventi un’attività lecita ed il “resto” invece no. Oppure darsi da fare per creare un miscuglio diverso. Sbattersi per far cambiare le regole non è impedito ad alcuno.  Ma fino ad oggi le cose stanno semplicemente, banalmente, così. Ognuno può trarne le conclusioni e fare le azioni che meglio crede ma certo a nessuno è consentito “cadere dal pero”. Quantomeno per non …scadere nel ridicolo.

  20. eraldo martelli scrive:

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra!
    Non me la sento di condannare chi ammette di aver trasgredito una norma della nostra supersevera legge. Ammetto che a volte, in passato, è capitato anche a me. Il problema principale è quello della mancanza dei controlli che favoriscono le violazioni, quindi se vogliamo andare verso una caccia più etica ritengo utile anche una sorta di vicendevole controllo tra cacciatori.
    Nella mia regione la caccia alla beccaccia è consentita a partire dalle ore 7, ma secondo voi tutti rispettano tale orario?
    Per quanto mi riguarda ho spesso fatto la posta in punti da me ben conosciuti ma nella mia lunga carriera NON LE HO MAI SPARATO , ho solo osservato le direzioni e gli orari , questo mi consentiva di intuire dove andarla a cercare con il cane successivamente a partire dalla tarda mattinata( anche perché prima vado a tordi).
    Voglio ricordare a Pietro e Antonio che il corso al quale si riferiscono è rivolto esclusivamente alla formazione di cacciatori per svolgere il monitoraggio a caccia chiusa, durante il ripasso, i corsi sono stati gratuiti, almeno qui in Umbria e le associazioni venatorie, tutte, hanno collaborato all’iniziativa che anche quest’anno è in corso per tutto il mese di marzo.

  21. Daniele scrive:

    Su richiesta di Ezio, vi riporto un link che mi ha chiesto di inserire:

    http://www.youtube.com/watch?v=JlMZ9PChfWA#t=654

     

  22. Ezio scrive:

    Grazie Daniele, non riuscivo a postarlo. Misteri della tecnologia. Comunque quel video rappresenta abbastanza bene ciò che intendo io, e non solo io, per “caccia alla bekka”. :wink:

  23. Giacomo scrive:

    Mentre noi discutiamo del nulla in parlamento si sta approntando la legge 394/91 sui parchi. Ma nessuno ne parla ! Bravo Ezio !  :-?   Salutiamo 

Leave a Reply


+ 4 = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.