Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Su Radio Radio scontro tra Tozzi e Veneziano

| 8 marzo 2014 | 37 Comments

Scontro “a fuoco” tra Mario Tozzi e il presidente di Arci Caccia
A “Un Giorno Speciale” su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: “I cacciatori sono dei poveracci

I cacciatori sono dei poveracci. Spero che si estinguano il prima possibile sterminandosi fra di loro. Auguro a lei di ricevere un proiettile in fronte come accade agli animali che voi abitualmente uccidete“.

Tozzi - VenezianoUna dichiarazione che non lascia spazio a troppi equivoci quella di Mario Tozzi, indirizzata al presidente dell’Arcicaccia, Osvaldo Veneziano. Come si può evincere facilmente, la mattinata di “Un Giorno Speciale” su Radio Radio si è rivelata assai “elettrica”. La discussione fra Tozzi e Veneziano è scoppiata a seguito del commento su una foto che sta circolando in queste ore, che ritrae una volpe uccisa dopo la caccia in tana.

“Questa prassi – ha dichiarato Tozzi – è davvero macabra: i cacciatori introducono un cane nella tana delle volpi. Questi prima stermina i cuccioli, poi attende l’uscita della volpe per uccidere anche essa. Purtroppo coloro che si comportano in qusto modo sono persone con seri problemi interiori”.

Dopo queste affermazioni è intervenuto in trasmissione Osvaldo Veneziano, che inizialmente si è trovato in sintonia con Tozzi nel condannare la pratica della caccia al falco diffusa a Messina, dove alcune persone sparano pure dalla finestra. Ma dopo questa iniziale uniformità di vedute, i due sono stati divisi su tutto, dando inizio a uno scambio di battute piccate.

Quando Veneziano ha detto che durante la caccia alla beccaccia si instaura un rapporto speciale tra cane e cacciatore Tozzi ha asserito:”Quindi voi amate gli animali? Come potete sostenere una cosa del genere quando li uccidete senza pietà?”. Il presidente di Arci Caccia ha risposto:”Anche per i banchetti nuziali vengono uccisi gli animali eppure nessuno ha nulla da eccepire”. “Io sono vegetariano – ha replicato Tozzi – ma capisco chi mangia carne per necessità. Voi cacciatori, invece, ammazzate gli animali esclusivamente per divertimento. Personalmente disprezzo le persone che agiscono in questo modo”.

Veneziano ha controbattuto spiegando le proprie ragioni:”Sappiamo cosa è giusto e cosa no. Per esempio mi sono opposto alla caccia al falco e alla caccia primaverile ma non ho nulla im contrario alla caccia alla volpe poiché essa è legittimata dalla scienza, la quale afferma che è il metodo meno cruento”.

“Mostriamo alle persone – ha affermato Mario Tozzi – le foto che stanno circolando in queste ore sulla volpe barbaramente uccisa e vediamo cosa ne pensano gli italiani. Mi chiedo, inoltre: perché la provincia di Siena abbia abolito la caccia alla volpe quando secindo voi non ci sarebbero controindicazioni?”.

“Lo hanno fatto per ideologia – ha risposto il presidente di Arci Caccia – e comunque debbo constatare che lei ha un atteggiamento urbano, mentre nelle campagne vi è un’altra sensibilità”.

“Questa è una fandonia – ha detto Tozzi – io sono stato presidente di un parco nazionale e conosco bene l’approccio alla materia che si ha nei contesti extraurbani. La verità è che i caccitori sono una minoranza, la quale spero si estingua presto. Anche gli italiani si sono espressi in tal senso con il referendum, che però non ha raggiunto il quorum”.

“Allora non siete la maggioranza – ha dichiarato Veneziano – e comunque le faccio notare come in Italia e in Europa ambientalisti e cacciatori vanno d’accordo e non hanno l’atteggiamento che lei sta mostrando in questo momento”.

La polemica è proseguita a oltranza, con Tozzi che ha controbattuto:”Dato che la caccia non è stata abolita è normale che tra associazioni ambientaliste e animaliste e cacciaotori si trovino accordi e compromessi. Poi non capisco come sul vostro sito voi vi vantiate di amare la natura, quando uccidete per divertimento i suoi componenti essenziali, gli animali. Avete una strana concezione dell’amore!”

Veneziano ha spiegato il punto di vista suo e dei cacciatori:”Per amore intendiamo garantire agli animali le migliori condizioni per vivere. Poi, bisogna mettere in conto che nel loro percorso di vita gli animali possono trovare anche la morte…”.

“Peccato – ha sottolineato con sarcasmo Mario Tozzi – che siete voi a decidere quando gli animali moriranno. Voi cacciatori dovreste capire che l’unico sentimento che dovreste provare è la vergogna!”

“Meno male – ha replicato il presidente di Arci Caccia – che non tutti gli ambientalisti sono come lei…”.

Il “duello” è durato circa mezz’ora. La sensazione che ha lasciato è quella di un’incomunicabilità totale fra i sostenitori e i detrattori della caccia.

Tratto da http://www.ilquotidianodellazio.it

Per ascoltare l’intera trasmissione: http://www.radioradio.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Arcicaccia, Generale

Comments (37)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. estevan scrive:

    Stendiamo un velo pietoso

  2. Bartoccini Mario scrive:

    Le lobby animaliste consapevoli dell’odio che stanno seminando nella società, procurano decadenza morale, disastri ambientali, distruzione delle biodiversità!
    Le lobby della cannabis di cultura animalista/vegetariana procurano sconcerto e disadattamento tra le giovani generazioni! 
    Ora, sfrontatamente, le lobby del “GENERE” di cultura metropolitana/vegetariana/animalista - “GLI STREGONI DEL GENDER” - tentano in ogni modo di affrancare un’antistorica identità sessuale, DICENDO CHE “IL SESSO MASCHILE E FEMMINILE E’ COSA D’ALTREI TEMPI”.  
    Uomini tozzi, privi di amor proprio, di buon senso, di cultura storico/realistica, IGNORANTI DELLE EFFETTIVE POTENZIALITA’ DELLA NATURA e della cultura del lavoro; ignoranti dei processi spontanei che si consolidano nell’ecosistema agreste; ignoranti della simbiosi che si articola tra interesse alimentare e ludicità del prelievo venatorio: strisciano viscidamente nei “palazzi” alla ricerca di spazi artefatti ove poter sgraffignare l’immeritato. 
    Noi, orgogliosi della nostra cultura e della nostra condizione, gridiamo:
    EVVIVA LA DONNA … IL SESSO FEMMINILE E … LA PASSERA SCOPAIOLA!!!!!  

  3. Giacomo scrive:

    Il cacciatore che usa la parola amore per definire la propria passione per un selvatico non sa cosa dice. Ha ragione Tozzi nel dire che è una stupidata dire che hai amore per un animale e poi lo uccidi. Io da cacciatore di beccacce posso dire che il mio non è amore per la beccaccia è passione ! Passione è il sentire dell’animo nella sua massima estensione, il sentimento più completo e più complesso, l’energia dirompente che sviluppa in chi la prova – qualità sconosciute a lui stesso. Ma non tutti la incontrano nella loro vita: ci sono persone che nemmeno immaginano che cosa sia la passione e vivranno per sempre senza saperlo… ” La caccia nata con l’uomo è anche confrontarsi con la natura e con il selvatico, il quale per volere del Signore è un frutto che madre natura ci ha donato e noi cacciatori lo raccogliamo di persona. Tengo a precisare che molti anni fa tutti gli animali vivevano allo stato selvatico per cui uccidere un selvatico oggi non fa differenza con l’uccidere un animale di allevamento, anzi secondo il mio avviso è più dignitoso ucciderlo personalmente che mandare qualcuno ad ucciderlo per proprio conto come si usa con i polli, gli agnelli ecc. La parola amore noi cacciatori la riserviamo ai nostri cani che trattiamo come fosse uno della famiglia ed in questo caso la parola amore è affetto è d’obbligo usarlo. Comunque per concludere visto che si è parlato di beccacce, voglio dire che non è facile prendere una beccaccia, selvatico che vive prettamente in montagna per cui è una caccia molto difficile e faticosa ci vuole passione e la parola passione comprende anche il patimento, la fatica, la soddisfazione. Molti selvatici sarebbero attualmente estinti se non fosse per la passione dei cacciatori che molta fatica impiegano nel lavorare per mantenere gli habitat idonei alle necessità dei selvatici e di immetterli a proprie spese la dove gli animali nocivi come la volpe,l’inquinamento e la distruzione ambientale ne fanno scempio. A questo punto la domada sorge spontanea : cosa fa chi denigra la caccia e i cacciatori per l’ambiente e gli habitat per la sopravvivenza della fauna ? Io da cacciatore ho tutto il diritto ( la legge me lo consente ) di mangiare selvaggina a tavola per il mio piacere di gustare carne ( se non si è capito sono carnivoro ) e caccio anche per questo. Salutiaaamo

    • Giacomo scrive:

      ?…

    • Ezio scrive:

      Pensa Giacomino cosa si trova sull’enciclopedia “Treccani” alla parola “amore”:
      “b.      Vivo attaccamento o inclinazione per qualche cosa: prendere, avere amore allo studio, al lavoro, all’arte, al gioco, alla caccia;”
      :wink:

      • Giacomo scrive:

        Certo Ezio, ma l’amore in questo caso è specifico alla caccia cioè verso una passione. L’amore diretto verso un animale (non per la caccia) non può conciliarsi con l’ucciderlo, un po come se uno di noi avendo tutto l’amore verso il proprio cane ritiene poi di ucciderlo quando e come vuole. Il “caro amico” di sopra si faceva ragione e batteva il chiodo proprio su questo perche sapeva di aver ragione ( secondo me ) se ami un animale non puoi ucciderlo è un controsenso. Forse bastava fargli capire ( cosa che fa finta di non capire) che il nostro amore è per la caccia e tutto il suo contesto, la quale per volere naturale comprende anche il selvatico che cogliamo come un frutto che ci piace mangiare e che soprattutto ci fa bene alla salute. La cosa che io ho sempre messo in evidenza su questo sito è, che i vegetariani credono che l’insalatina non è una cosa che vive, vegeta e muore anche quando la uccide chi la mangia. Io così la vedo ma è solo il mio punto di vista.  :wink:   Salutiamo 
         

  4. Renzo scrive:

    I cacciatori sono dei poveracci. Spero che si estinguano il prima possibile sterminandosi fra di loro. Auguro a lei di ricevere un proiettile in fronte come accade agli animali che voi abitualmente uccidete“.
    ————————————————————————————————————
     Dopo le infamanti offese di tempo fa dove affermava che i cacciatori sono da paragonare ai pedofili, la sua mente illuminata di scienziato pronuncia la frase di cui sopra . Da uno studioso di pietre mi aspettavo ben altro spessore , e già siamo in tema con lo spessore, frasi simili me le aspetto dalla gattara di turno che , poveretta , probabilmente di scarsa cultura,articola parole senza il minimo accostamento alla grammatica e alla sintassi. Non certo da uno che appare in tv e in radio ,sbandierando la propria cultura, per poi ridursi a così poca familiarità con l’educazione e il rispetto, pur avendo idee completamente diverse ed opposte . Complimenti ! . Un vero Gentleman d’altri tempi . Ma per piacere ………….. (:n)

    • Ezio scrive:

      Caro Renzo mi stupisco che ti stupisci!

    • Roberto scrive:

       Da uno studioso di pietre mi aspettavo ben altro spessore
      Ho Renzo , e che ti volevi aspettare da un simile soggetto ??

      • Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

        Caro Roberto ce ne sarebbe tanti di esseri umani da eliminare. La loro inutilità alla società ed alla scienza  è conclamata ed il signore in questione ne fa degnamente parte.

  5. Giovanni59 scrive:

    …c’è poco da commentare, ma con un po di DDT il problema “parassiti” è risolto….e poi BASTA con sto cazz di dialogo.

  6. Pietro Pirredda - Arzachena (Sardegna) scrive:

    Sinceramente come cacciatore non mi sentirò MAI rappresentato dal tale Osvaldo Venaziano.

  7. peppol@ scrive:

    Noto con dispiacere che l’operazione simpatia, leggasi basta deroghe, sta dando i suoi non frutti…c’è ancora qualche illuso che pensa di riavere un’immagine positiva parlando con queste persone ? 

  8. Giacomo scrive:

    Il presidente Veneziano ha fatto bene a confrontarsi a mio avviso, e comunque gliele ha dette ! Certo che sperare di colloquiare con questi sperando di convincerli bisogna toglierselo dalla testa, ma quando chiedono un confronto bisogna dirgli anche la nostra altrimenti credono sempre di avere ragione loro, tenendo conto che già sui media parlano solo loro. A ogni modo al presidente oltre a dirgli che mi è piaciuto rendendogli pan per focaccia vorrei dire : caro presidente vista la loro chiara opinione e come affrontano ( insultando) un confronto perché non desiderano altro che la chiusura della caccia, non credi che bisogna rafforzarsi portando la unione delle associazioni che avete fatto in Toscana anche a livello nazionale ? Spero in un tuo impegno in questa direzione. Bravo ! Salutiamo  :wink:   

  9. Peter scrive:

    Ma che cosa si vuol ragionare con questa tipologia di persone? Hanno i paraocchi come i muli, i loro ragionamenti sono solo a sesso unico, basta un semplice contraddittorio ed ecco che esce fuori la loro natura di presuntuosi, arroganti e maleducati; basta pensarla in modo diverso da loro e…………….. apriti cielo. Per chi non l’avesse ancora capito le dittature si instaurano proprio con personaggi come questi. Per come la vedo io, loro da una parte e noi dall’altra. Purtroppo al momento le cose sono a nostro sfavore, ma se ci organizziamo nel modo giusto sapremo vendere cara la pelle.

  10. Ezio scrive:

    Certo che i nostri NEMICI  sono inclini soprattutto all’insulto ed alla diffamazione.
    Per le persone per bene quali siamo noi e Veneziano che ci ha in questa occasione rappresentati è sempre dura, per non dire impossibile,  instaurare un dialogo o un confronto costruttivo con chi ha il solo interesse di vederci MORTI.

  11. alessandro pani scrive:

    un dialogo tra ” illuminati”:Un animalista spocchioso che viene pagato dalla Regione Lazio,ente tecnicamente fallito, per fare il commissario Straordinario di un ente inutile,il Parco dell’Appia Antica e un presidente per tutte le stagioni che non riesce a difendere la caccia sapendone molto poco .
    Tozzi ed il suo sponsor politico,Zingaretti, sono sodali assieme nello stesso partito,quello del fallimento .Ci mancava solo Storace a completare la commedia

  12. Argo scrive:

    Presidente Veneziano, dopo questa vicenda spero che Le sia chiaro che con certe frange oltranziste dell’animalismo puro non può esserci dialogo/confronto/discussione/convergenza di vedute. 
    Persino i vertici del PD stanno cominciando a mettere in discussione l’opportunità di circondarsi di simili rifiuti tossici. 
    Ci arriva l’associazione venatoria che non si può condividere niente con simili personaggi?

  13. Mari scrive:

    Avete fatto un tavolo di discussione oi e la fdercaccia con questi ignori ben vi sta’ chi semina zizzania raccoglie tempesta…….

  14. giannirm scrive:

    meno male che il Presidente dell’Arcicaccia è rinsavito ed ha capito che con gli animalisti non si può mediare, solo combatterli, mentre solo 3 anni fà Arcicaccia organizzava i “Tavoli degli Stakeholder” con loro per ridurre la caccia ai minimi termine, (1°ottobre 31 dicembre) e “passare un’estate tranquilla” :mrgreen: la  fortuna volle che fosse presente chi fece saltare quel Tavolo. (up)

  15. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Veneziano dopo averci tolto le cacce primaverili con il suo dialogare con certa gente sta cercando di farci perdere anche parte di quelle invernali. Mi dispiace ma ne lui ne l’arcicaccia mi rappresentano ne mai mi rappresenteranno insieme ai suoi nuovi amici feder-anuu.

    • Pietro Pirredda da Arzachena (Sardegna) scrive:

      Concordo totalmente. O si è cacciatori o arci-cacciatori. io faccio parte della prima e più antica categoria 

  16. begallo scrive:

    il bello è che il sunnominato ha fatto la sua apparizione anche in qualche programma televisivo…..uno che augura la morte ad un suo simile…..(per modo di dire)….in poche parole un animalaroambientalista che gira con il martello(strumento atto a offendere) sproloquiando sull’ambiente ece.ec.ecc…pagato con soldi pubblici……..speriamo che un giorno o l’altro(cioè il prima possibile) lo prendano a calci nel culo……

  17. IO scrive:

    Colloquiare anche con chi non si convincerà mai ,serve unicamente a far conoscere alle persone ,e sono tante, che della caccia non interessa un fico secco,che argomenti usano i nostri antagonisti. E questo non è poco.

  18. franc scrive:

    Ho ascoltato la trasmissione e mi son fatto una opinione: Tozzi ha una stima incommensurabile di se stesso e delle sue conoscenze. Oltre a Lui e alle sue conoscenze non esiste altro. Per quanto ha pubblicamente affermato, se non lo querela Veneziano, lo dovrebbero fare almeno le altre associazioni venatorie.
     

    • Peter scrive:

      Crede di avere in mano la verità rivelata e dall’alto del suo piedistallo crede di poter dare lezione a chiunque. Guai a chi si fida di simili individui.

  19. Ezio scrive:

    Ci sono persone che danno una risposta, che può piacere o non piacere, che accettano comunque il confronto, anche quando è molto difficile ed in contesti non amichevoli.
    Altri che vivono beatamente delle e nelle loro certezze e lasciano le domande che a loro  vengono rivolte  o in sospeso o con risposte lapidarie.

  20. Giacomo scrive:

    A noi in Campania risposte e confronti non ne esistono e in particolare di nessun tipo. E’ scaduto ai primi di Marzo il termine per rientrare nel 30% di aree vietate alla caccia ( cosa che prevede già la legge nazionale) e non si sa niente di niente. La nuova legge regionale ha dato un termine di 6 mesi che per chi se ne fosse dimenticato è scaaaduuuuto ! Qualcuno fino ad ora si è preoccupato di vedere l’assessore alla caccia Campana cosa stava /sta facendo per questo ? Per rientrare nel 30% si doveva fare un calcolo di tutto il territorio delle varie province, è stato fatto lo stanno facendo ? Ecco, anche queste sono domande che si stanno ponendo tutti i cacciatori Campani e chi ci deve dare delle risposte o chi deve denunciare, non ci sta, è assente !!!  Spero temporaneamente. Intanto molti cacciatori dicono che non rinnoveranno, e sono soldi che la regione butta nel cestino secondo il mio modesto avviso. Poi si vanno cercando soldi per risanare l’ambiente dalla CE !! A questo punto io mi domando è dico : visto che il rientro nel 30% di aree protette è già previsto dalla legge nazionale e niente è stato fatto, per giunta è stato dato un termine dalla legge regionale per assolvere a questa mancanza e fino ad ora niente è stato fatto, ma allora dove si vuole arrivare ? Salutiaaamo  

  21. Terfiro scrive:

    In questa discussione si evincono tre cose: prima, una inaudita stupidità da parte dei cacciatori che per fanatismo mettono sempre in mostra foto dei loro trofei urtando le sensibilità anche a chi ne sarebbe indifferente e mettono in mano jolly a personaggi come il sig. Tozzi. Seconda, il professore è un grande maleducato, arrogante, offensivo e senza rispetto delle culture ed opinioni diverse dalle sue. Si sente una prima donna e viaggia su un terreno che si è preparato e si è presentato con gli argomenti pronti alla mano. Terza cosa,purtroppo, un Veneziano non all’altezza del confronto che non ha saputo difendersi dalle offese verso lui e verso la nostra categoria, non ha saputo dare le spiegazioni e le risposte che quell’individuo ignorante e fazioso meritava. Con questi personaggi si deve combattere senza indugi,  con risolutezza, preparati e giocare sempre di anticipo, perché alla fine non è poi così difficile combattere la sola demagogia. Giacomo, dalle risposte che  ha dato nel forum, avrebbe avuto sicuramente un confronto molto più difensivo e superiore. Anche io gli avrei fatto rizzare meno la cresta ed avrebbe avuto pan per focaccia.
    Mai dubitare ed aver paura quando la ragione gioca dalla nostra parte.

  22. Giacomo scrive:

    Caro Terfiro ti ringrazio della generosità nei miei confronti, ma io credo che il confronto diretto con uno di questi non sia molto facile e sicuramente io avrei fatto meno di Veneziano, il quale anche più volte provocato ha saputo mantenere la calma nel colloquiare da vero dirigente. Certo che questi confronti se fossero più frequenti uno potrebbe farne tesoro di quello che ha avuto precedentemente cercando poi di fare ancora meglio, bisognerebbe invitarli in TV ma della RAI. Comunque sia andata l’ho già detto sopra per me il presidente ha saputo tenere il confronto, come avrebbe fatto se fosse stato a caccia di volponi. Spero che qualcuno di questi possa un giorno incontrare uno come te.  :wink:   Salutiamo 

    • Ezio scrive:

      Bravo Giacomo! Chi di noi, compreso Veneziano, è abitiato ad avere a che fare con trasmissioni radiofoniche e/o televisive??!!
      E per di più a parteciparvi sapendo e constatando di essere insultato e diffamato senza alcun moderatore.
      Almeno Osvando ci ha nesso la faccia e ci ha provato, ed alla fine della fiera brutta figura non l’ha fatta certo lui, a meno che non si voglia far passare la teoria che chi unsulta e diffama è da stimare di più da chi invece parla educatamente e correttamente.
       

  23. Giacomo scrive:

    Un regalo ai vegetariani.  :-D   :wink:    Salutiamo   
    http://www.bighunter.it/Natura/ArchivioNews/tabid/220/newsid734/14575/Default.aspx   
        

  24. Terfiro scrive:

    Giacomo, il giudizio verso Veneziano è puramente mio e solo mio con tutto il rispetto nei suoi confronti e niente di personale. Mi ha soltanto dato noia quando è stato offeso dicendogli che aveva problemi nel parlare correttamente l’italiano e quando non ha saputo sfruttare  le infauste parole che il sig.Tozzi ha speso dicendo che per fortuna i cacciatori si ammazzano da se, è stato un bel autogol da prendere al volo ma Veneziano non lo ha preso. La cultura del   Presidente dell’ARCICACCIA sarà  notevole  e sicuramente molto più elevata della mia, ma eccede troppo in diplomazia  al punto di dare la sensazione di essere senza risposte adeguate. Io credo che   ci siano momenti  dove per onestà intellettuale e dignità personale e di quelli che rappresentiamo, anche la diplomazia vada accantonata, proponendosi e rispondendo con argomenti decisi e razionali  in nome della verità e la correttezza.       Purtroppo caro Giacomo credo che ne a te ne a me verrà mai concesso un incontro pubblico con personaggi così distorti e irrispettosi e prima di tutto “Prime donne” e quindi sarà difficile vedere se saremmo più bravi di Veneziano, potrei anche essermi sbagliato.
    Saluti

  25. sergio scrive:

    I cacciatori sono dei poveracci. Spero che si estinguano il prima possibile sterminandosi fra di loro. Auguro a lei di ricevere un proiettile in fronte come accade agli animali che voi abitualmente uccidete“.
    Se veramente sono state pronunciate, diffuse, queste parole, di una violenza e di una cattiveria inaudita, mi stupisco che non vengano prese iniziative, adeguate.
     

Leave a Reply


6 + 5 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.