Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana: Cal.Ven. in funzione della tutela della produzione

| 6 marzo 2014 | 3 Comments

DANNI DA UNGULATI ALL’AGRICOLTURA DI PREGIO
Il convegno dell’ATC Firenze 5 dedicato al tema della protezione delle produzioni agricole di pregio

Orientare il calendario venatorio in funzione della tutela della produzione”. E’ questa la richiesta emersa nel corso del Convegno dell’ATC Firenze 5 dedicato al tema della protezione delle produzioni agricole di pregio.

Selezione Daino CaprioloSan Casciano (Fi) 6 marzo 2014 – “La politica deve assumersi la responsabilità di orientare il calendario venatorio in funzione della tutela delle produzioni agricole, autorizzando quindi gli abbattimenti degli ungulati anche a settembre, cioè prima della vendemmia”. E’ questo il messaggio lanciato dal Presidente dell’Ambito Territoriale di Caccia Firenze 5 Piero Certosi nel corso del convegno organizzato oggi a San Casciano dal titolo “Ambiente e colture di pregio: strategie gestionali di tutela”.

Un messaggio rivolto ai rappresentanti delle istituzioni competenti in materia di Caccia presenti all’incontro, tra cui la Regione Toscana, rappresentata da Sabrina Nuti dell’Ufficio Caccia, e gli assessori provinciali Pietro Roselli (Agricoltura) e Renzo Crescioli (Caccia), oltre che ai rappresentanti delle Associazioni agricole, venatorie e ambientaliste. Inoltre gli Atti del Convegno saranno trasmessi alla Commissione agricoltura della Camera.

Il Problema dei danni da ungulati nel territorio gestito dall’ATC Firenze 5 (tutti i comuni della Provincia di Firenze a sud dell’Arno) ha infatti ormai raggiunto un carattere di vera emergenza. Un fenomeno in crescita: nelle ultime due stagioni venatorie la somma versata dall’ATC5 come rimborso agli agricoltori è stata di circa 300.000 euro l’anno, mentre solo pochi anni prima era di 150.000. Di pari passo sono aumentate anche le recinzioni elettrificate finanziate dall’ATC 5 e l’impegno in ricerca e sperimentazione finalizzata alla prevenzione.

“Negli ultimi anni – prosegue Certosi – sono cresciute sia le somme spese in prevenzione sia gli abbattimenti, tutti ovviamente autorizzati dall’Ispra. Nell’ultima stagione, nel territorio a caccia programmata e per controllo negli istituti a divieto di caccia, sono stati abbattuti circa 7000 capi, tra caprioli e cinghiali, specie responsabili di quasi il 90% dei danni ai vigneti. Un dato che non è più compatibili con il nostro territorio”.

In questo contesto i cacciatori hanno fatto la loro parte, concentrando gli abbattimenti selettivi nelle zone dove si sono verificati i maggiori danni; noi attraverso il forte impegno nella prevenzione dei danni, attraverso sistemi non impattanti. Tutto ciò non ha impedito il proliferare delle recinzioni metalliche “Non possiamo però recintare tutto il nostro territorio – dice ancora Certosi – peraltro di grande valore paesaggistico, oltre che agricolo. Ecco perché puntiamo molto sui nuovi strumenti di prevenzione e di dissuasione con uso di repellenti, presentati oggi al nostro convegno.
Ma rimane il fatto che solo intervenendo sul numero di capi presenti, con una diversa articolazione del calendario, potremo porre un freno a questo grande problema. Quindi un appello alla politica perché si superino i pareri dell’ISPRA relativamente alla caccia della femmina del capriolo, da effettuarsi non nei soli mesi invernali ma anche nel mese di settembre e in particolar modo nei vigneti.
Condividere le strategie di gestione degli ungulati in modo omogeneo sul territorio è quindi essenziale, anche perché – conclude Certosi – non si può abbattere da una parte e ripopolare dall’altra. Infine ci auguriamo che il confronto di oggi con tutti i soggetti interessati possa farci fare un passo avanti verso una gestione del territorio sempre più condivisa”.

La parte scientifica del convegno si è svolta con i seguenti interventi:

- ATC FI 5 e GESAAF: 5 anni di collaborazione sulla prevenzione dei danni da ungulati Francesco Sorbetti Guerri, Veronica Racanelli, GESAAF Università degli Studi di Firenze.

Esperienze e prospettive sulla prevenzione dei danni da ungulati mediante l’uso di sostanze repellenti. Sara Bartolozzi, Orazio La Marca, Marco Vieri, Marco Rimediotti, GESAAF Università degli Studi di Firenze.

- Utilizzo delle recinzioni elettrificate per la prevenzione dei danni da ungulati

selvatici in aree comprensoriali Andrea Marsan, DISTAV Università degli Studi di Genova.

Alla Tavola rotonda dal titolo: “Ambiente e colture di pregio: strategie gestionali di tutela”, moderata da Ermanno Bonomi, Sociologo Ambiente e Turismo, erano presenti inoltre:

Luigi Giovanni Cappellini, Unione Agricoltori; Filippo Legnaioli, Presidente CIA Firenze,

Roberto Nocentini, Presidente Coldiretti Firenze-Prato; Massimiliano Pescini, Sindaco San Casciano in Val di Pesa; Marco Rustioni, Legambiente; Simone Tofani, Presidente Federcaccia Firenze.

Atc Firenze 5 – Via Cittadella 25/a Firenze Tel 055 334082 www.atcfi5.it.

http://met.provincia.fi.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , ,

Category: Capriolo, Cinghiale, Toscana

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Ho due ciliegi nel campo dietro casa e tutti gli anni se voglio mangiare qualche frutto sono costretto a coprirli con le reti anche se delle volte non basta perchè gli storni entrano lo stesso. Non è un danno anche questo anche se io non sono un agricoltore? Non dovrebbero classificare lo storno com altamente nocivo e permetterne l’abbattimento  tramite l’art. 37?

  2. Pietro Pirredda da Arzachena (Sardegna) scrive:

    Insomma tra le righe io leggerei….” la prossima stagione i cacciatori dovranno dedicarsi di  più alla caccia stanziale che alla migratoria…..”?

  3. Silvano (Toscano) scrive:

    Visto e considerato il totale fallimento della caccia sociale gestita a Siena ( non ultimo l’episodio che riguarda il controllo delle volpe) si cerca di cambiare la legge 157 dando la tutele del prodotto agricolo agli agricoltori per primi ! 
    Il tutto parte  in Toscana (regione con il più alto numero di cacciatori, circa 90.000 ) e da Firenze presso l’atcfi 5 che conta circa 13000 soci!
    Se ancora qualcuno non lo ha capito cosa sta cambiando nell’aria può benissimo mettere la testa sotto terra come fa lo struzzo !
    SVEGLIA POPOLO CACCIATORE !

Leave a Reply


2 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.