Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Bologna: contributi a chi migliora l’habitat naturale

| 6 marzo 2014 | 2 Comments

Provincia di Bologna: contributi a chi migliora l’habitat naturale

agricolturaEntro il 30 maggio 2014 gli agricoltori possono far domanda di contributo per la realizzazione di elementi di qualificazione ambientale a fini faunistici. Le maggiori risorse sono destinate a chi contribuisce a mantenere la fauna in aree non coltivate e fuori dai centri abitati.

Il Servizio Tutela e Sviluppo Fauna della Provincia di Bologna ha approvato un nuovo bando per la concessione di contributi annuali ai proprietari o conduttori di fondi che si impegnano a realizzare e/o conservare elementi di qualificazione ambientale a fini faunistici.

Il 60% delle risorse economiche è destinato a finanziare il recupero di pascoli o terreni incolti da destinare a coltivazioni per i selvatici nei territori di collina e montagna (altitudine superiore a 400 m s.l.m.). L’intento è quello di consentire la permanenza di animali selvatici in aree non altrimenti coltivabili, contrastando il degrado di vaste porzioni del territorio montano e, nel contempo, l’espansione di questi animali verso i centri abitati e la loro diffusione nelle aree coltivate. Il contributo per quanti si impegnano, con alcune semplici operazioni di sfalcio, a mantenere vitali vecchi pascoli è pari a 400 euro ad ettaro, a cui si possono aggiungere altri 1.000 euro/ha nel caso si proceda a una risemina con miscugli a prevalenza di leguminose. Per le superfici sottoposte a risemina, nei due anni successivi, viene concesso un contributo di mantenimento, da attuarsi attraverso uno sfalcio annuale, di 500 euro a ettaro.

Una parte delle risorse viene destinata agli agricoltori che eseguiranno interventi di miglioramento e tutela ambientale come la conservazione e salvaguardia di siepi, anche alberate, di alberi isolati o in filare o in piccoli gruppi in zone di pianura o come il mantenimento di maceri, stagni in pianura e/o di laghetti, stagni e punti di abbeverata in collina e montagna. Per questi interventi il contributo massimo previsto ammonta a 0,155 euro/m2.

Il bando si rivolge al territorio gestito direttamente dagli ATC ai sensi del 1° comma dell’art. 15 della Legge 157/92.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 30 maggio 2014.

Il testo integrale del bando e il modulo di domanda sono scaricabili dalle pagine tematiche Caccia e Pesca sul sito istituzionale della Provincia di Bologna.

http://www.ladeadellacaccia.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags:

Category: Emilia Romagna

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Non so se e’ un contributo adeguato….ma e’ certo che si dovrebbe fare ovunque se si vuol sperare in un habitat idoneo a sosta , riproduzione , mantenimento di popolazioni selvatiche…

  2. Giacomo scrive:

    Un vecchio  proverbio dice : “chi ben incomincia è alla metà dell’opera”  questi sono segni di inizio di buona gestione che dovrebbero prendere ad esempio tutti ! L’ habitat è malmesso e non si può più aspettare.  :-?   Salutiamo  

Leave a Reply


2 + = 6

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.