Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana: Arcicaccia, abbiamo fatto centro

| 4 marzo 2014 | 3 Comments

ArcicacciaSe la bontà di un progetto si misura anche dalla reazione con il quale viene accolto dal fronte culturalmente opposto, possiamo senz’altro affermare che la CONFEDERAZIONE CACCIATORI TOSCANI ha centrato l’obiettivo: è infatti stizzito e nervoso il comunicato diramato da “Restiamo Animali” il 23 febbraio scorso a commento della nascita della C.C.T., definita con i soliti anatemi imbevuti di falso moralismo e con la consueta incapacità di comprendere il perché, ampi settori della società, della politica e della cultura hanno condiviso ed apprezzato il raggiungimento di questo traguardo.
Pur sapendo di confrontarci con un fronte impregnato di pregiudizi insormontabili, possiamo soltanto limitarci nell’invitare costoro a leggersi l’ampia documentazione di merito posta a fondamento della nascita della Confederazione; semmai riuscissero a spogliarsi della scadente armatura ideologica che li caratterizza, potrebbero trovarci i perché del consenso trasversale e di qualità che ha accompagnato la fondazione della C.C.T.
In modo altrettanto asettico ci permettiamo di segnalare a coloro che in questi giorni – sul versante venatorio – si sono dilettati a polemizzare con la Confederazione, che il fatto stesso di considerarci la risposta più strutturata per difendere la caccia, dovrebbe consigliare loro di riconsiderare lo spirito inutilmente polemico che li ha animati.
Dal canto nostro, è con particolare piacere che abbiamo accolto la decisione del Congresso dell’ARCI Toscana, svoltosi a San Miniato (PI) gli scorsi 1 e 2 marzo, di chiamare a partecipare al nuovo Consiglio il Presidente dell’Arci Caccia Regionale.
Nell’intervento al Congresso, Fabio Lupi, ha espresso come i valori dell’ARCI siano stati di riferimento imprescindibile nel costruire il progetto della Confederazione: <<… essere capaci di estrapolare i momenti ludici e ricreativi dal loro ristretto ambito settoriale e di riposizionarli nel contesto più generale degli interessi complessivi di una comunità …>>.
È un grande valore, quindi, che le tematiche venatorie possano ancora oggi trovare cittadinanza nella più grande rete di volontariato esistente in Toscana; in questo modo la caccia e la sua cultura possono entrare in contatto con la ricchezza del terzo settore, mettersi in relazione con il disagio, le disuguaglianze sociali e la volontà di contribuire alla costruzione di una società migliore.
Rappresenta un grande stimolo culturale “contaminare” la nostra passione con le dinamiche culturali che attraversano la società ed avere, come è avvenuto al Congresso dell’ARCI, la possibilità di confrontarsi con il Segretario Regionale della CGIL (tra l’altro componente dell’Assemblea C.C.T.), con i rappresentati dei Partiti, delle Istituzioni a partire dal Presidente della Regione Enrico Rossi e del terzo settore (Libera, CESVOT, Banca Etica, Soci Coop, UISP, ecc.).
È stato pertanto riconosciuto quanto l’Arci Caccia possa contribuire ad affermare i valori della partecipazione democratica e di una visione dell’ambientalismo che pianti saldamente le radici nelle dinamiche sociali e nella ricerca dell’eguaglianza, per superarne un approccio troppo spesso “salottiero” ed improntato alla conflittualità discriminante verso altre esperienze e culture.

Di seguito il link del comunicato di “Restiamo animali

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Arcicaccia, Toscana

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bartoccini Mario scrive:

    Noi del Club Cacciatori “Le Torri” esultiamo spinti dalla benevolentia, quando – finalmente – s’intravedono orizzonti di unità e speriamo di propositività.
    Corretta informazione vuole, che l’esempio di unità ideologica ed operativa, rappresentato dal nostro Club sin dal 1985, sia rivendicato anche ai fini dell’incidenza mediatica, cosicché i contenuti sfuggono ai falli d’immagine complessiva del “popolo” venatorio.
    Ecco allora che riemerge, ed in futuro dovrà sempre di più scardinare, la visione di sudditanza politica che impropriamente svilisce il contesto prettamente tecnico.
    Caccia intesa come problema tecnico/scientifico e non certo come problema di natura politica.
    D’altronde l’apporto economico scarsamente evidenziato, autentico Prodotto Interno Netto, del valore intrinseco  della selvaggina cacciata, supplisce all’importazione di carni di dubbia qualità provenienti da Paesi comunque meglio organizzati nel settore primario.       
    Evviva l’unità! Evviva la trasparenza!
    Cordialità.    

  2. Silvano (Toscano) scrive:

    L’unità del mondo venatorio è l’unico obbiettivo da perseguire per mantenere la nostra passione ad un patto però :
    CHE TUTTI COLORO CHE CI HANNO GESTITO O RAPPRESENTATO FINO ADESSO SI TOLGANO DALLE PALLE !!!!!!
    NON COME HA FATTO LA NUOVA CCT IN TOSCANA DOVE HANNO ELETTO UN DIRETTIVO REGIONALE (ma chi lo ha eletto ?) FACENDO LA SOMMATORIA DEI DIRETTIVI DELLE 3 ASSOCIAZIONI CHE LO COSTITUISCONO !!!!!!!!!!!!
    Largo ai giovani di 30 anniiiiiiii, il resto vadano tutti a casa……

  3. Mari scrive:

    Questi sono come i politici le poltrone nn le mollano mnco se gli spari…..

Leave a Reply


5 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.