Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Fidc Pavia: La stagione è a rischio

| 24 febbraio 2014 | 4 Comments

L’allarme di Federcaccia: «La stagione è a rischio»

Il presidente Baldi: «Non c’è ancora un assessore provinciale di riferimento». Il piano faunistico e venatorio risale a 8 anni fa. La crisi tocca pure le doppiette

FedercacciaPAVIA. Federcaccia, 3mila iscritti in provincia di Pavia, rinnova i vertici e il presidente appena riconfermato, Mario Baldi, ingrana subito la marcia. «Siamo seriamente preoccupati dalla situazione che si è venuta a creare in amministrazione provinciale – dice –. Non c’è ancora l’assessore con delega alla caccia. Ed è come un treno che viaggia senza il macchinista. La prossima stagione venatoria è a rischio». Il presidente Daniele Bosone si è assunto la delega, per ora. Ma si vocifera di una possibile nomina imminente. La caccia sembra essere un argomento scomodo.

«Una delle cose che ci preoccupa maggiormente è il piano faunistico venatorio provinciale, strumento che ci dovrebbe permettere di governare il territorio – sottolinea Baldi –. Coinvolge le associazioni venatorie, agricole, i comuni, gli ambientalisti. Dovrebbe tenere conto delle esigenze di tutti». L’ultimo piano, approvato dal consiglio di piazza Italia risale al marzo 2006. Otto anni fa. La giunta, nel 2012, ha approvato la procedura per avviare il rinnovo del piano.

«Ma da quanto ci risulta siamo ancora in alto mare – dice Baldi– . E senza questo strumento la prossima stagione venatoria è a rischio. Non vogliamo fare la fine di Bergamo che ha dovuto bloccare tutto per un intoppo burocratico».

Se otto anni posso far sembrare il piano ormai datato, il presidente di Federcaccia fa notare come il capitolo relativo alla “vocazionalità faunistica” risalga addirittura al 1963. «In mezzo secolo il territorio si è modificato, è più antropizzato e urbanizzato – dice Baldi –. E la fauna è cambiata. Un esempio? In Oltrepo ora ci sono anche i lupi e gli ungulati. E non è un caso che siano diminuiti i cuccioli di cinghiale».

Federcaccia invoca un intervento per arginare alcune specie che rischiano di essere dannose anche per l’agricoltura. «Nel 1963 i campi non erano infestati di nutrie, corvidi e volpi – dice – Non sono predati da nessuno e alterano gli equilibri. Sono un flagello. Bisogna difendere le nidiate di fagiani e lepri. Ma solo l’uomo può intervenire».

Nel mirino di Federcaccia anche gli Atc, ambiti territoriali di caccia. «Attualmente sono 5 – spiega Baldi – ma sentiamo voci strane su ipotesi di raddoppio. Gli altri, in tempi di crisi, stanno ridimensionando. Qui cosa si fa? Si va in controtendenza?».

La crisi, un nervo scoperto anche per i cacciatori. I tagli del Governo sulla caccia hanno ridotto le risorse. Per sopravvivere le federazioni puntano ancora di più sul volontariato. La sezione di Pavia si può permettere poco: l’affitto della sede e una segretaria. Ai tagli, fanno notare nella sede di viale Montegrappa 30, si deve aggiungere il calo delle entrate per i tesseramenti. «Un calo che ogni anno in Lombardia è di circa il 10% – spiega Baldi –. Le tasse sono alte. Quella governativa è di 173,16 euro, quella regionale di 64,56. E poi ci sono i bolli per le richieste di rinnovo, perché nel 2014 scade il porto d’armi rilasciato nel 2008, il costo delle attrezzature, le cartucce, ma anche i cani e il loro mantenimento. Attorno alla caccia ruota un indotto notevole. Se alla crisi che colpisce tutti i settori, compreso questo, si aggiunge una vacatio nella gestione istituzionale, allora siamo davvero a rischio».

di Maria Grazia Piccaluga

http://laprovinciapavese.gelocal.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Federcaccia, Lombardia

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Dopo 6 rinnovi sto pensando di “riflettere” per almeno un anno versando la tassa di concessione statale e l’iscrizione al i° atc per non perdere eventualmente i diritti se decidessi un domani di ricominciare ed anche perchè per andare all’estero senza porto d’armi non puoi trasportare quelle in possesso. Ma in questo paese si continua ad andare ancora a caccia? Se questa è caccia allora quella che viene pratica nei paesi dell’area mediterranea come dovrebbe essere definita?  Di tutta questa situazione credo che i cacciatori italiani sapranno senz’altro a chi rivolgersi e ringraziare quanti si sono adoperati per farci avere questo vomito di legge.
     
    P. S. Sto cercando un paio di persone dato che sono solo per andare a beccacce in Marzo e Aprile in Romania. Chi potrebbe essere interessato può scrivermi a:
    g.bagnolesi@gmail.com

  2. Massimo Marracci scrive:

    Caro Bagnolesi,
    leggo bene? Lei andrà a beccacce in Romania in marzo e aprile? Ma a caccia o ad allenare il cane?

  3. Fabio Guidi scrive:

    ” Ma in questo paese si continua ad andare ancora a caccia? “……………..
    noi si’ ma lei scrivendo quello che scive dopo, dubito molto che si possa ritenere
    un cacciatore, e non ci venga a dire ora che raccogliendo l’assist di Marracci,
    porta ad allenare i cani, perche’ non ci crede nessuno.

Leave a Reply


6 + = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.