Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Sondrio: Caprioli affamati, scontro sul salvataggio

| 21 febbraio 2014 | 0 Comments

Caprioli affamati, scontro sul salvataggio. “Aiutiamoli”, “No, la natura è sovrana”
Campodolcino: perplessità sulla petizione animalista di Fanetti

Capriolo e Daino

Capodolcino (Sondrio), 21 febbraio 2014 – Caprioli alla fermata del bus cercano riparo per sfuggire alla morsa del freddo e della neve, scesa abbondante su tutta la Valle Spluga. Altri gironzolano per la frazione di Fraciscio, lungo il viale del cimitero a Campodolcino o fanno visita alla casa del farmacista nel bel mezzo del centro abitato stazionando nel suo giardino in cerca di cibo.
«La neve di quest’anno sta mettendo in seria difficoltà gli animali selvatici – osserva Gregorio Luigi Fanetti, ex sindaco di Campodolcino -. Camosci, cervi e soprattutto caprioli non supereranno l’inverno che rischia di fare una strage di ungulati. Un cervo è precipitato in località Acqua delle Scale, sopra le Corti di Campodolcino, ed è facile presumere che molti altri faranno la stessa fine».
Fanetti lancia un’idea: «Propongo una petizione per chiedere la moratoria della caccia agli ungulati in Val San Giacomo per un anno. Credo sia necessario introdurre un periodo di stop forzato alla caccia per consentire il ripopolamento dei selvatici e garantire nei boschi la presenza di camosci, cervi e caprioli che rendono più attrattive le località turistiche della nostra valle».

L’iniziativa, lanciata attraverso la sua pagina personale di Facebook e accompagnata dalla tenera immagine del capriolo che attende la corriera, ha suscitato in breve tempo l’interesse di numerosi internauti che hanno espresso un sentimento di adesione alla petizione.
Per avere un quadro più preciso, ci siamo rivolti all’agente della Polizia provinciale che opera in Valchiavenna. «Sicuramente l’inverno e le forti nevicate della stagione in corso portano con sé inevitabili difficoltà di sopravvivenza per la fauna selvatica – osserva -. Ma queste sono le leggi della Natura e si ripetono ogni inverno.
È prematuro stabilire se il tasso di mortalità degli ungulati aumenterà più che lo scorso anno ma è indubbio che i piani di abbattimento per la caccia saranno come sempre calibrati in base ai capi che saranno censiti. Ciò significa che, se ci dovessero essere saranno meno ungulati, risulterebbe inferiore anche il numero di esemplari cacciabili».

I guardaccia hanno ricevuto segnalazioni di caprioli in difficoltà. «Il capriolo è l’animale che soffre di più la neve perché ha le zampe corte – viene riferito -. Siamo intervenuti più volte per realizzare dei sentieri nei terreni innevati che consentissero il passaggio dei capi in punti strategici».
Chi si occupa della tutela della fauna selvatica sottolinea: «Gli ungulati sanno resistere al freddo e non necessitano di foraggio, che anzi può risultare dannoso perché d’inverno i ruminanti mangiano molto meno.
C’è troppa disinformazione su questi temi e, nella maggior parte dei casi, l’uomo con i suoi comportamenti fa più danni agli ungulati della Natura.
Per esempio, utilizzando le motoslitte in quota oppure avvicinandosi troppo per scattare una fotografia».

di Davide Tarabini

http://www.ilgiorno.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Capriolo, Lombardia

Leave a Reply


2 + = 4

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.