Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Grosseto: di nuovo un furto di cani da caccia

| 18 febbraio 2014 | 4 Comments

cinghiale Grosseto: Furto di cani da caccia: «Colpo da 30 mila euro, forse su commissione. È la quarta volta»

BRACCAGNI – Quattro dei migliori cani da caccia. Quattro cani da seguito da cinghiale. Ennesimo furto tra i cacciatori. Questa volta a Braccagni, nel comune di Grosseto, dove i ladri sembrano proprio aver aspettato l’occasione giusta. «Avevo otto cani, quattro eccezionali, quelli che mi hanno rubato, mentre degli altri quattro tre non valgono nulla, li tengo solo perché ormai li ho allevati e ci sono affezionato.
I quattro migliori ogni sera li portavo a dormire a casa, proprio per paura dei furti. Erano due giorni che li lasciavo nel pezzo di oliveto dove ho il canile, perché avevo scaricato la cassetta per il trasporto. Solo due notti, ma forse li aspettavano, perché tra giovedì e venerdì li hanno portati via».

È amareggiato il cacciatore. Oltre al valore commerciali dei cani da caccia (sui 25-30 mila euro) c’è l’affetto di cani cresciuti e allevati negli anni «uno era con me da sette anni, da quando era un cucciolo». Inoltre questo è il quarto furto che subisce, 25 cani dal 1995 ad ora.
«In passato però hanno fatto razzia, mi hanno rubato tutto, non hanno scelto, questa volta invece mi fa pensare ad un furto su commissione, e quello che mi amareggia di più è che magari è qualcuno che è vicino a me, e che conosceva bene i cani oltre a sapere che da due giorni non li portavo a casa».

I cani avevano tutti microchip, ma come precisa «non c’è un’anagrafe canina in cui controllare e dunque le speranze di ritrovarli sono quasi nulle». Inoltre in questi casi i cani possono essere stati trasportati anche molto lontani, forse in un’altra regione, cosa che rende ancora più difficile un eventuale ritrovamento.

http://www.ilgiunco.net

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Cinghiale, Toscana

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Mah…..io se avessi cani da 25- 30 mila euro non li terrei liberi ( e incustoditi ) in un uliveto….Soprattutto se non e’ la prima volta che me li rubano…. :wink:

  2. lucas scrive:

    Non acquistate cani senza pedigree. E’ l’unico modo per stroncare questi traffici.

    • ennio scrive:

      ma questi potrebbero utilizzarli…senza venderli……………
      mai elogiare  i propri cani finche sono in vita ….goderseli in silenzio.

Leave a Reply


1 + = 5

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.