Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Cpa: Toscana, poche luci molte ombre

| 15 febbraio 2014 | 2 Comments

cpaSi è conclusa la stagione venatoria nella nostra regione e già si può fare un resoconto.
Per quanto riguarda la caccia agli uccelli migratori, poche sono state le giornate favorevoli: probabilmente il vento di scirocco, il grande caldo nel mese di ottobre e altre condizioni ambientali hanno fatto si che il passo sia stato veramente povero, soprattutto per il tordo bottaccio.
Passo migliore per i colombi anche se in diminuzione rispetto agli anni passati.
Una riflessione importante invece andrebbe fatta per la piccola selvaggina stanziale, che anche per quest’annata venatoria, risulta in forte diminuzione nei nostri territori.
Le cause principali di questo sono senza dubbio due: la prima l’agricoltura e la seconda il proliferare dei predatori oltre la soglia di equilibrio.
Credo che senza dubbio dovremmo riorganizzarle regole della gestione della fauna, perché no, partendo proprio da un tavolo con i proprietari dei terreni, facendo accordi mirati per il sostentamento dell’agricoltura e per una più favorevole condizione per la selvaggina che popola i nostri territori.
Un capitolo a parte e molto importante e’ quello degli antagonisti; certamente in questi ultimi anni le volpi, le cornacchie ecc… hanno avuto un incremento non indifferente, tanto che spesso le vediamo “bussare” alle porte delle nostre case.
Non sono pochi gli avvistamenti all’interno dei centri abitati, ma quello che mi stupisce e’ vedere persone che portano i viveri a questi animali, forse non conoscono le doti distruttrici di questi mammiferi non solo verso la fauna selvatica ma anche nei confronti degli animali da cortile.
Abbiamo più volte richiesto agli enti preposti una maggiore tutela della fauna incrementando i loro prelievo, soprattutto con una minore burocrazia per fare gli interventi di contenimento.
Ma da essi nessun risposta concreta.
Altro capitolo la caccia al cinghiale, che per la prima volta dopo tanti anni, sembra avere una consistente diminuzione di capi abbattuti. Una causa probabile potrebbe essere il numero sempre maggiore dei lupi nei nostri boschi che ne uccidono i piccoli.
Ecco perchè vedo tante ombre: la caccia sta finendo grazie alla troppa burocrazia e alle troppe prese di posizione di enti che percorrono sempre più strade lontane dal mondo venatorio, e pensare che l’indotto occupa ancora centinaia di migliaia di persone!
Credo che non si possa più restare miopi di fronte agli atteggiamenti persecutori nei confronti dei seguaci di Diana.
Certamente però non è restando immobili che le cose possono cambiare, ecco perchè il CPA, è sempre pronto a denunciare le discriminazioni a tutti i livelli, nazionale, regionale, provinciale e anche a livello locale. Proprio da questo mio piccolo intervento voglio ringraziare in modo particolare i dirigenti delle sezioni periferiche per il loro supporto che ogni giorno ci stimola ad andare avanti, senza di loro il CPA non esisterebbe.

Maurizio Montagnani
Presidente CPA Toscana

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: CPA, Lupo, Toscana, Volpe

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. colombaio senese scrive:

    Disamina efficiente ed obbiettiva sig.Montagani.Nulla o quasi nulla da eccepire a quanto lei afferma.
    Mi “consenta”,nel mio piccolo,un consiglio che in parte potrebbe fugare,o aiutare a farlo,qualche dubbio sulla gestione della piccola selvaggina stanziale :
    Trattasi del libro del sig.ROBERTO MAZZONI DELLA STELLA in collaborazione con FRANCESO SANTILLI,che presumo già conoscerà come ex tecnico faunistico di svariate province toscane (Adesso in pensione).
    Il titolo del libro è : “LA GESTIONE FAUNISTICA VENATORIA DEL FAGIANO Buona lettura.. in attesa di un suo parere…….

  2. colombaio senese scrive:

    ERRATE CORRIGE :  sig. MONTAGNANI..pardon  (:i)

Leave a Reply


7 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.