Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

quei viaggi di troppo… nuovi guai per la Brambilla

| 13 febbraio 2014 | 4 Comments

Brambilla, quei viaggi di troppo

L’ex ministro al Turismo accusata di peculato e abuso d’ufficio per due trasferimenti, di cui uno a Rimini, con l’elicottero di Stato

BrambillaGaleotto fu l’elicottero. E un viaggio di troppo, non per fini istituzionali, anche a Rimini. L’ex ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla è accusata dalla Procura della Repubblica di Milano di peculato e abuso d’ufficio per essersi appropriata illegittimamente “restituendolo dopo l’uso” di un elicottero di Stato, in uso all’Arma dei carabinieri, dopo avere attestato, “falsamente in almeno due occasioni”, di averne bisogno per ragioni attinenti alle finalità istituzionali. Tra i viaggi finiti all’attenzione della Procura anche uno compiuto a Rimini.
I reati contestati risalgono al 9 dicembre 2009 e al 13 marzo 2010 e si riferiscono a trasferimenti in elicottero dalla località, in provincia di Lecco, in cui risiede la Brambilla, e ritorno.
Secondo i giudici l’allora ministro Brambilla avrebbe violato la direttiva della presidenza del Consiglio, varata proprio da Berlusconi il 25 luglio 2008, che ha introdotto paletti molto rigorosi all’uso dei voli di Stato da parte degli esponenti del governo procurandosi “un ingiusto vantaggio consistito nell’utilizzo dell’elicottero dell’Arma dei carabinieri anzicheé dell’autovettura di servizio con autista” e procurando così un danno all’erario di 7.000 euro a tratta (in tutto 28.000 euro) “oltre alle spese per la predisposizione dei servizi conseguenti all’utilizzo del velivolo”.
Per poter processare l’ex ministro, oggi parlamentare di Forza Italia, è però necessaria una autorizzazione a procedere dalla Camera. La richiesta è stata già inviata dalla Procura milanese.
Se la Camera risponderà in maniera positiva alla richiesta la Brambilla sarà processata dal tribunale ordinario perché i voli non sarebbero stati effettuati nell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali né vi erano ragioni di sicurezza inerenti.
Il procedimento trae origine da un esposto presentato alla polizia di Domodossola, il 18 novembre 2010 corredato dalla copia dell’articolo tratto da Il Fatto Quotidiano del 9 novembre 2010 dal titolo “Brambilla, il Ministro preferisce l’elicottero”.

http://www.nqnews.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Curiosità

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. gianni scrive:

    Speriamo che la magistratura indaghi molto bene,perche’ secondo me’,questo e’ …… ai danni dello stato.

  2. Giacomo scrive:

    A parte i soldi del risarcimento, ma se uno risultasse colpevole di peculato e abuso di ufficio può fare carriera politica o viene interdetto ? Boh !   :-?   Salutiamo 

  3. Renzo scrive:

    A certi politici l’elicottero porta evidentemente  sfiga  :-P :-P

  4. matteo scrive:

    éla prediletta di berlusca non gli faranno mai nulla!!

Leave a Reply


3 + = 4

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.