Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Berlato querela gli animalisti di Hunting Show

| 13 febbraio 2014 | 10 Comments

L’ON. SERGIO BERLATO QUERELA GLI ANIMALISTI DI HUNTING SHOW

Berlato SergioL’on. Sergio Berlato si è recato oggi in Questura a Vicenza presso l’ufficio della DIGOS (Divisione Investigazioni Generali Operazioni Speciali ) per sporgere formale denuncia/querela nei confronti degli animalisti che hanno manifestato di fronte alla Fiera di Vicenza il pomeriggio di sabato 8 febbraio u.s. in concomitanza con la manifestazione fieristica denominata “Hunting Show-Pescare“.
“Rispettiamo il diritto di ogni cittadino di manifestare democraticamente e civilmente il proprio dissenso nei confronti di idee diverse dalle proprie o di attività non condivise – ha commentato l’on. Sergio Berlato – ma non tolleriamo e non tollereremo alcun tipo di minaccia o offesa o ingiuria rivolta gratuitamente a degli onesti cittadini (uomini, donne e bambini) colpevoli solo di voler passare qualche ora in serenità per assistere ad una manifestazione che esibisce le migliori eccellenze italiane nel settore della caccia, della pesca e della gestione ambientale e dell’utilizzo del tempo libero”.
“Quello a cui abbiamo assistito sabato 8 febbraio davanti alla Fiera di Vicenza – continua l’on. Sergio Berlato – non è una democratica manifestazione di dissenso ma una palese dimostrazione di inciviltà, di maleducazione e di mancanza di rispetto nei confronti di chi ha opinioni diverse dalle proprie.
Nel chiedere come sia mai possibile che certe manifestazioni continuino ad essere regolarmente autorizzate dalle autorità competenti, ho preceduto a sporgere formale denuncia/ querela, con riserva di costituirmi parte civile, contro gli autori di una serie di reati che ci auguriamo possano essere severamente perseguiti come prevede la legge.
Non è più tollerabile – ha concluso l’on. Sergio Berlato – che dei cittadini di “serie a” dalla fedina penale perfettamente pulita siano offesi e minacciati con le loro mogli e con i loro figli, unicamente perché sono cacciatori o famigliari di cacciatori.
Se non si porrà rimedio a questa situazione, punendo severamente i responsabili di questi misfatti, si potrebbe ingenerare la convinzione che le forze dell’ordine, anziché proteggere e tutelare le persone per bene, siano costrette, loro malgrado, a proteggere e tutelare i delinquenti che minacciano le persone per bene“.

https://www.facebook.com/sergio.berlato

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Manifestazioni, Veneto

Comments (10)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

     anziché proteggere e tutelare le persone per bene, siano costrette, loro malgrado, a proteggere e tutelare i delinquenti che minacciano le persone per bene
    —————————————————————————————————————
     Purtroppo ho il grande dubbio che sia così da troppo tempo :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: .

  2. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Mi sembra che ogni anno avvengano le solite cose e che niente venga fatto da parte degli organi di polizia per tutelare quella categoria di persone che intende visitare la fiera. Un modo ci sarebbe per risolvere la questione ma poi i violenti diventiamo noi e “loro” le povere indifese vittime.

  3. niki scrive:

    Vorrei sapere per quale motivo le “grandi” associazioni venatorie riconosciute, non hanno MAI, in tutti questi anni denunciato questi personaggi, detti animalisti.
     

  4. laser scrive:

    Bene, voglio vedere proprio come va’ a finire.
    ma forse gia’ lo sappiamo, purtroppo…..

  5. gianni scrive:

    X me è valida la seconda ipotesi.Io denuncerei anche chi ha autorizzato la manifestazione,visto che sono anni che va a finire cosi’.

  6. Baghy scrive:

    E la triplice del cravn??? che fa????? Baghy

  7. Bekea scrive:

    Quest’anno a Vicenza c’è un nuovo questore che probabilmente non conosce ancora bene questo gruppo di animalari e le loro deliranti offese,quindi concediamo il beneficio del dubbio,per adesso.Vedremo in seguito come si svilupperà la faccenda.

  8. hunter scrive:

    La stessa cosa succedera’ a Belluno fra pochi mesi. A denunciare questi violenti, oltre alle latitanti associazioni venatorie,dovrebbe essere l’organizzazione. Ma, se le offese superano la normale tolleranza,  ognuno di noi.

Leave a Reply


4 + = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.