Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Brescia: Richiami vivi, un futuro delicato

| 7 febbraio 2014 | 0 Comments

merlo gabbiaLe modalità di applicazione degli anelli ai volatili impiegati come richiami vivi ma anche una riflessione sui ruoli e le competenze delle guardie zoofile. Sono questi i temi più caldi affrontati l’altro ieri dalla commissione a Palazzo Broletto.
Un dibattito che ha voluto smarcarsi dalla battaglia a colpi di carte bollate sulla questione dei roccoli cercando piuttosto di fare chiarezza sulla controversa materia offrendo ai cacciatori bresciani interpretazioni autentiche sulle regole di ingaggio. Particolarmente delicata la questione degli impianti di cattura di uccelli migratori destinati poi a diventare richiami vivi per i capannisti. Per non inciampare come avvenuto ripetutamente in passato nei ricorsi al Tar della Lega abolizione caccia (l’ultimo pronunciamento è stato tuttavia favorevole al Pirellone), il piano quinquennale della Regione prevede la riduzione progressiva della cattura di uccelli selvatici che andrà di pari passo con l’impiego come richiami vivi di volatili di allevamento.
Un processo che dovrebbe portare alla chiusura di tutti i roccoli entro il primo gennaio 2017. Alle guardie provinciali dovrebbe essere affidata l’applicazione degli anelli di riconoscimento come peraltro stabilito dall’Ue che ha anche fissato il varo di una mega banca-dati. Misure tese a scoraggiare il mercato clandestino di volatili selvatici catturati in impianti abusivi che prolifera anche attraverso anelli contraffatti. Per il territorio di Brescia, dove è fissato in 90 mila esemplari il tetto massimo di cattura, si annuncia un lavoro immane. Più complesso, giuridicamente parlando, sciogliere il nodo dei difficili rapporti fra i cacciatori e le guardie zoofile. Da tempo, le doppiette denunciano un pressing che a loro modo di vedere andrebbe oltre i ruoli e le competenze dei volontari impiegati in ruolo di pubblico ufficiale ma la tesi delle «doppiette» non ha mai trovato elementi oggettivi a supporto.
La Provincia si sta interfacciando con la Prefettura per cercare di trovare soluzioni che raffredino le tensioni fra gli appassionati dell’attività venatoria e le guardie zoofile senza per questo garantire l’immunità ai cacciatori che violano le regole.
Ma il percorso è sospeso in un limbo visto che la sopravvivenza delle Province è appeso a un filo

.A.MAFF.

http://www.bresciaoggi.it

Tags: , , ,

Category: Lombardia

Leave a Reply


5 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.