Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Milano: corso per selecontrollori di ungulati

| 4 febbraio 2014 | 0 Comments

cinghiale neveTroppi cinghiali in collina, l’Ambito territoriale della caccia, Atc 3 di San Colombano e la Provincia di Milano organizzano un corso per diventare selecontrollori di ungulati, cioè per ottenere un apposito patentino per l’abbattimento controllato e autorizzato di ungulati.
Secondo le stime condivise dei cacciatori dell’Ambito di San Colombano, i cinghiali oggi in collina sono tra i 40 e i 50. Solo un anno fa erano non più di una dozzina. A questo ritmo di crescita, nel giro di due o tre anni potrebbero esserci 200 cinghiali, un numero spropositato per il piccolo territorio collinare tra San Colombano, Miradolo e Graffignana.
A favorire l’ambientamento sono le condizioni del terreno, con molte zone umide e diverse aree a bosco o a incolto. Nell’ultimo anno sono state avvistate diverse cucciolate, e se i primi cinghiali potevano essere considerati di passaggio, la presenza dei piccoli dovrebbe rendere stanziali le bestie.
Per tutti questi motivi, l’Ambito territoriale della caccia di San Colombano e la Provincia di Milano organizzeranno per aprile il primo corso di selecontrollore per ungulati, aperto a cacciatori anche degli altri ambiti lodigiano e pavese. Una volta ottenuto il patentino per lo sparo di contenimento, non sarà aperta una caccia indiscriminata perché comunque i selecontrollori possono operare solo su mandato della Provincia e con un piano di contenimento autorizzato.
I dettagli possono essere richiesti all’ambito stesso, che punta ad avere una trentina di iscritti. «A oggi non c’è ancora alcun piano di contenimento, ma se la popolazione di cinghiali diventa troppo numerosa, un problema c’è e va gestito – dice Pier Borella, presidente dell’Atc di San Colombano -. Come Ambito di caccia siamo impegnati in diversi progetti per realizzare una caccia sostenibile e modificare l’immagine del cacciatore, dalla riqualificazione ambientale degli incolti alla pulizia della campagna alle guardie venatorie volontarie.
È una strada che seguiamo in tanti modi diversi». In quest’ambito venerdì scorso si è tenuto l’ultimo incontro del corso organizzato dall’Atc su alcuni aspetti tecnici della caccia, ma anche sulla normativa, a cui hanno partecipato un centinaio di cacciatori. Un ulteriore incontro si terrà sui temi del primo soccorso.
«Questo corso è l’ennesima dimostrazione dei cambiamenti epocali che stanno avvenendo in collina rispetto alla figura del cacciatore – dice l’assessore all’ambiente Davide Panzetti -. Come amministrazione comunale abbiamo avviato tanti progetti con l’Atc, trovando grande disponibilità a interpretare un ruolo a 360 gradi a favore dell’ambiente. Per quanto riguarda i cinghiali, siamo molto attenti perché ci sono segnali che possano diventare un problema.
Con il corso da selecontrollori, San Colombano si porta avanti, per essere pronti in caso di necessità. Un’eccessiva presenza di cinghiali potrebbe comportare problemi all’agricoltura e in generale per la sicurezza in collina».

Andrea Bagatta

http://www.ilcittadino.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Cinghiale, Lombardia

Leave a Reply


+ 2 = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.