Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

CNCN: Incidenti di caccia, c’è chi ama giocare con i morti

| 3 febbraio 2014 | 3 Comments

Incidenti di caccia, c’è chi ama giocare con i morti
Nella stagione appena conclusa “solo” 15 quelli reali

La Lega Abolizione Caccia continua a inserire nel conteggio, gonfiato ad arte fino a raggiungere quota 56 morti*, sia i decessi per infarto sia le cadute accidentali

Associazione Vittime della Caccia è dovuta correre ai ripari con una precisazione** perché i loro dati – volutamente poco chiari – tramite il processo di sintesi giornalistica di una testata online sono arrivati alla cifra di 100 morti nel 2013***

cncn“La stagione di caccia appena conclusa ha registrato purtroppo 15 morti dovuti all’attività venatoria. Su questo c’è bisogno di essere chiari e di non girare intorno alle parole pur se dolorose. Anche un solo morto sarà sempre troppo ma il dato va diffuso per quello che è e non artatamente gonfiato per creare allarme sociale, come fanno purtroppo da anni Associazione Vittime della Caccia e, soprattutto, Lega Abolizione Caccia”. E’ netta la presa di posizione del CNCN (Comitato Nazionale Caccia e Natura), che da anni porta avanti uno studio sugli incidenti di caccia, con analisi e iniziative per aumentare la sicurezza. In questo senso il dato della stagione 2013-2014 registra un calo del 40% delle vittime rispetto allo scorso anno, diminuzione negabile sono con artifici linguistici o di metodo.

LEGA ABOLIZIONE CACCIA – Il report “Di Caccia Si Muore”* della Lega Abolizione Caccia è reperibile online ed è aggiornato di giorno in giorno. Qualsiasi persona può andare sul sito e verificare che la quota di 56 morti “di caccia” è in realtà gonfiata colpevolmente con malori, infarti e scivolate accidentali. Ovvero cause del tutto estranee all’attività venatoria in quanto tale. Non ci sono scuse per chi diffonde questi dati senza specificare, visto l’errore di metodo teso semplicemente a creare allarme sociale.

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA – L’AVC ha acquisito la consapevolezza che infarti e cadute non sono incidenti di caccia, tuttavia utilizza altri artifici – questa volta linguistici – per gonfiare le cifre del rapporto finale tenuto segreto fino alla diffusione agli inizi di febbraio. Parla di “vittime” senza specificare se morti o feriti, dando perciò numeri elevatissimi, per armi da caccia distinguendo in teoria tra quelle di “ambito venatorio” e “ambito extravenatorio” (?). Il nesso tra le due è l’arma, ma il presupposto per cui il numero complessivo rientra nella pericolosità dell’attività venatoria sfugge totalmente. Quest’anno poi la nebulosità dei dati, soprattutto l’utilizzo del termine “vittime” intese come feriti e morti, ha causato una storpiatura nel titolo di una notizia*** che tutto sommato non può essere imputato solo alla testata. Se l’AVC deciderà in futuro di distribuire dati più precisi, usando termini chiari come morti e feriti ed evitando di inserire incidenti che con la caccia in senso stretto non c’entrano, non dovrà ricorrere a frettolose smentite e precisazioni**.

“Il mondo venatorio è da anni alla ricerca della massima sicurezza – concludono dal CNCN – e i miglioramenti, chiari e documentati, sono sotto gli occhi di qualsiasi cittadino privo di preclusioni ideologiche. Evitare incidenti a caccia è un obiettivo che interessa prima di tutto i cacciatori, come è evidente, i quali anche per questo ritengono sempre più inopportuni i continui attacchi di chi con i morti ci gioca per fare notizia”.

DOCUMENTI ORIGINALI

* http://www.abolizionecaccia.it/notizie/dicacciasimuore.html

** http://www.vittimedellacaccia.org/ultimissime/3071-adnkronos-caccia-rapporto-avc-nel-2013-circa-100-vittime.html

*** http://www.ogginotizie.it/289097-caccia-nel-2013-quasi-cento-morti-tra-i-cacciatori/#.Uutzqz15PHQ

Ufficio stampa CNCN

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: CNCN

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Peter scrive:

    Quelli sciaccalli erano, sciacalli sono e tali rerstano.

  2. laser scrive:

    Pensate un po’: manco contare sanno.
     

  3. luca scrive:

    Per questi individui allora bisognerebbe vietare il ciclismo, le arrampicate ,lo sci,il motociclismo, automobilismo,e molte altre attività dove purtroppo si può morire , la verità è che in queste associazioni anticaccia, animaliste ecc regna e prolifera la più pura ipocrisia.

Leave a Reply


+ 5 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.