Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: ACV e Enalcaccia, bocciato il PFV

| 29 gennaio 2014 | 7 Comments

ACV_ENALCACCIAVince la linea Berlato: il consiglio regionale del veneto boccia il piano faunistico venatorio di stival

L’Associazione Cacciatori Veneti-Confavi e l’Associazione Enalcaccia P.T. plaudono alla decisione del Consiglio regionale del Veneto di bocciare il nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, adottato dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore leghista Daniele Stival in data 12 agosto 2013 con DGR n. 1518 e di prorogare la validità del vigente Piano faunistico Venatorio per almeno due anni..
Anche nel corso della grande manifestazione di Vicenza del 25 gennaio u.s., alla quale hanno partecipato oltre 2.500 cacciatori, è stata ribadita la ferma contrarietà da parte del mondo venatorio veneto alla proposta avanzata dalla Giunta regionale i cui contenuti, se approvati dal Consiglio regionale, avrebbero comportato la decimazione di quella parte coraggiosa rimanente di cacciatori che ancora continuano ad esercitare l’attività venatoria nella nostra regione nonostante le ripetute nefandezze di cui si è macchiata la Giunta regionale del Veneto negli ultimi quattro anni.
I cacciatori del Veneto sono stanchi di subire le conseguenze dell’evidente ed imbarazzante impreparazione di chi ha causato ripetute sospensione del calendario venatorio regionale, di chi li ha privati del diritto di applicare il regime di deroga ( contrariamente a quanto invece esplicitamente consentito dalle normative comunitarie, nazionali e regionali vigenti ), di chi, dopo l’approvazione di ben tre leggi e tre delibere di Giunta, non è ancora riuscito a risolvere il problema degli appostamenti ad uso venatorio, problema che mette i cacciatori in pericolo di essere denunciati per abuso edilizio ed abuso paesaggistico, reati per i quali sono previste sanzioni penali che vanno dai 30.000 ai 103.000 euro.
Ci mancava solo che venisse approvata quella indecente proposta di PFVR adottata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore Stival spalleggiato dai dirigenti del CRAVN per dare il colpo di grazia ai cacciatori del Veneto.
A questo punto ci chiediamo come faranno i dirigenti venatori che compongono il CRAVN (organismo dall’acronimo inpronunciabile, presieduto da quel leghista Flavio Tosi che ha voluto Stival all’assessorato regionale alla caccia), a giustificare ancora l’operato di questa Giunta regionale che, nei quattro anni dal proprio insediamento, ha combinato più danni della grandine.
Speriamo che questo anno che manca al termine della legislatura regionale passi in fretta, nella speranza che chi sostituirà questi amministratori regionali saprà trovare adeguata soluzione a tutti quei problemi tutt’ora irrisolti.

Maria Cristina Caretta
Associazione Cacciatori Veneti – CONFAVI

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: ACV, Enalcaccia, Veneto

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. sergio55 scrive:

    BENE OTTIMO

  2. Bekea scrive:

    Come volevasi dimostrare che  quei 2500 cacciatori riunitesi sabato a Vicenza non erano degli sprovveduti che che credevano  alle promesse di un politico. Questo per dimostrare che le battaglie si vincono basta crederci. Volevamo che la politica regionale ritirasse la proposta di PFVR, ci siamo rusciti. Un ringraziamento a tutti quelli che sono stati a Vicenza.

  3. gianni scrive:

    Scusate,ma a Vicenza il 25 us,Ezzelino Storti c’era?

  4. faganeo scrive:

    Una grande vittoria per tutti i cacciatori e una bruciante sconfitta per alcuni dirigenti di alcune ass.ni venatorie che hanno cercato di sabotarci fino alla fine.Con la nostra massiccia presenza abbiamo fatto capire alla classe politica che la questione Pfv era di rilevante importanza. Un  grazie Mille + Mille+ Cinquecento a tutti quelli che hanno partecipato sabato alla manifestazione e a  tutti quelli che l’hanno organizzata.

  5. gianni scrive:

    NEL 2015,DAREMO A STIVAL QUELLO CHE E’ DI STIVAL.SEMPRE PEDRONI A CASA NOSTRA.ROMA LADRONA.

  6. gianni scrive:

    SCUSATE,VOLEVO DIRE PADRONI.

Leave a Reply


6 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.