Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Cia – Toscana: petizione contro predatori e ungulati

| 29 gennaio 2014 | 2 Comments

CinghialeEmergenza ungulati e predatori, CIA: petizione in tutta la Toscana

Approvata all’unanimità da tutte le Assemblee delle Cia provinciali della Toscana – e da migliaia di delegati – la petizione lanciata dalla Cia Toscana rivolta alle istituzioni per sollecitare interventi urgenti ed efficaci contro l’allarme ungulati e predatori.

“La gravità della situazione, ovvero una presenza insostenibile di ungulati e predatori -sottolinea il presidente Cia Toscana Giordano Pascucci- è riconosciuta a partire dalle istituzioni locali e regionali, ma dobbiamo constatare, ed è ancora più preoccupante, l’attuale stato diffuso di inerzia. La situazione è da tempo fuori controllo, lanciamo un appello alle istituzioni, agli atc, alle associazioni ambientaliste, alle associazioni venatorie, a tutte le forze politiche, sindacali, imprenditoriali e sociali, ai cittadini che hanno a cuore l’agricoltura. Chiediamo l’immediata convocazione dei consigli comunali, provinciali e regionale per affrontare l’emergenza faunistica. Senza risposte esausitive non escludiamo di rafforzare la mobilitazione”.

Gli agricoltori toscani, non possono più aspettare e chiedono interventi risolutivi a quella che ormai rappresenta una vera e propria piaga economica per il settore rurale. “E’ urgente difendere il reddito degli agricoltori -aggiunge Pascucci-, messo a rischio da ungulati e predatori; l’agricoltura, l’ambiente ed il paesaggio dalla catastrofe; le imprese ed i consumatori tutelando la produzione agricola; il diritto di tutti ad un agro-eco-sistema equilibrato che tuteli la biodiversità”.

I numeri – Dal Duemila ad oggi cinghiali e caprioli in Toscana sono raddoppiati. Si contano in Toscana oltre 400.000 ungulati -afferma la Cia- ed un numero crescente di predatori, che impediscono agli agricoltori di produrre, danneggiano i boschi e l’ambiente, provocano incidenti alle popolazioni. La densità dei cinghiali è ormai a livelli spaventosi: per ogni 100 ettari di territorio ci sono in Toscana almeno 20 cinghiali, mentre il Piano faunistico Regionale prevede 0,5-5 capi ogni 100 ettari. All’enorme numero di cinghiali si aggiunge un numero quasi uguale di caprioli, in costante aumento. Per ogni agricoltore ci sono ormai 5 capi ungulati, un carico quasi raddoppiato in cinque anni. 10 milioni di euro di danni produttivi sono stati accertati dagli ATC negli ultimi 5 anni, ma i danni economici ed imprenditoriali sono in realtà assai superiori.

La Cia Toscana chiede subito il risarcimento totale dei danni diretti ed indiretti causati da ungulati e predatori. Inoltre -aggiunge Pascucci- “un’azione decisa per attuare entro il 2014 gli obiettivi del Piano Faunistico Regionale; un Piano straordinario per riportare la presenza e la densità della fauna selvatica e dei predatori in equilibrio con il territorio; interventi di contenimento della fauna selvatica nei parchi e nelle aree protette; una profonda revisione delle normative comunitarie, nazionali e regionali, a partire dalla Legge 157/92, per tutelare la biodiversità e dare certezze agli operatori”.

http://www.prontoconsumatore.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , , ,

Category: Capriolo, Cinghiale, Lupo, Toscana, Volpe

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. fedeli massimo scrive:

    Volete i soldi o volete risolvere il problema?Che i sindacati siano peggio dei politici si sapeva ma…….ricordo anni addietro come ci chiamavate , barbari , unni ,assassini,e ora?

  2. fabrizio scrive:

    la soluzione sarebbe semplice:  rendere piu’ libera, meno costosa e  meno burocratica la caccia di selezione, e facilitare l’ ottenimento del patentino di cacciatore di selezione. E se questo non basta…..dare il diritto alle squadre di cinghiale di abbattere una quota prestabilita (zona per zona) di caprioli, oltre che i cinghiali ……anche quest’ anno ne ho visti passare a decine nei boschi , durante le battute al cinghiale. Resta il fatto che ha ragione Massimo: fino a pochi anni fa ce ne hanno dette di tutti i colori, e ora ci vengono a chiedere aiuto. Ma che aiuto abbiamo mai avuto dagli agricoltori ??  verrebbe voglia di mettere la carabina al chiodo giusto per il gusto di vederli venire in ginocchio a chiederci di tornare a caccia !!

Leave a Reply


2 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.