Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Berlato: Consiglio regionale boccia le proposte Stival

| 29 gennaio 2014 | 3 Comments

IL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO BOCCIA LE PROPOSTE DI STIVAL E DEI SUOI PESSIMI CONSIGLIERI DEL CRAVN.

Dobbiamo constatare che l’assessore regionale alla caccia, il leghista Stival, si è impegnato molto per aggiudicarsi ogni anno l’Oscar delle figuracce.

Berlato SergioDopo quello guadagnatosi sul campo con le prodezze relative alle ripetute sospensioni del calendario venatorio regionale nel corso della passata stagione venatoria, causate dall’incapacità di predisporre provvedimenti adeguati, l’assessore Stival è riuscito ad accaparrarsi l’Oscar delle figuracce con la mancata applicazione del regime di deroga in Veneto ( diritto esplicitamente previsto dalle Direttive comunitarie e dalle normative nazionali e regionali vigenti ). Ennesimo Oscar delle figuracce gli è stato attribuito “a furor di popolo” per la mancata soluzione del problema “appostamenti ad uso venatorio”.
L’assessore leghista Stival, nominato in Giunta regionale per volontà del sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, riesce ad inanellare un’altra perla con la bocciatura della proposta di nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale da parte del Consiglio regionale del Veneto che ha deciso di prorogare la validità del vigente PFVR per i prossimi due anni.

Si è dimostrata del tutto inefficace la strategia del CRAVN, presieduto dal leghista Flavio Tosi (attuale presidente regionale di Federcaccia), che mirava a far passare questa proposta indecente, limitandosi a promettere, alla luce delle pesanti contestazioni che arrivavano da tutto il Veneto, che sarebbero stati apportati alcuni rattoppi del tutto ininfluenti ad un provvedimento che è stato dichiarato come assolutamente inaccettabile dalla stragrande maggioranza dei cacciatori del Veneto.

Mi sento di ringraziare di cuore le migliaia di cacciatori che hanno partecipato alla grande manifestazione di Vicenza del 25 gennaio u.s., aggiuntisi alle migliaia che hanno partecipato agli incontri di Orgiano, dell’Hotel VIEST di Vicenza, della Fiera del 15 dicembre scorso ed ai tantissimi incontri che sono stati organizzati sul territorio veneto per informare i cacciatori dei pericoli che stavano correndo.
E’ stato grazie alla loro mobilitazione se siamo riusciti a raggiungere questo straordinario risultato che ha portato alla bocciatura del Piano Faunistico di Stival e del CRAVN, con la proroga del vigente Piano Faunistico per almeno due anni. La mobilitazione dei cacciatori del Veneto continuerà fino a quando non verrà risolto il problema degli appostamenti ad uso venatorio e fino a quando non verranno ripristinate le nostre cacce tradizionali, iniziando da quelle in deroga.

Se Stival avesse un minimo di dignità dovrebbe dimettersi ammettendo l’evidente incapacità di gestire questa materia.

Ci domandiamo adesso come possano ancora i dirigenti del CRAVN porsi al cospetto dei loro associati per giustificare l’operato del loro paladino in regione che ha dimostrato di non essere all’altezza del ruolo ricoperto.

Ci chiediamo con quale faccia questi dirigenti delegittimati andranno ancora in giro a tentare di difendere chi, anche per colpa dei loro cattivi consigli, si è rivelato assolutamente indifendibile.

on. Sergio Berlato

Deputato al Parlamento europeo

Presidente Fondazione per la Cultura Rurale-Onlus

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Veneto

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bekea scrive:

    Ass.re Stival l’aspettiamo venerdì sera a Schio per congratularci con lei e l’AV che lo ospita ( evito di citare questa AV per educazione contro gli sconfitti), sulle vicende che sono capitate alla sua e del CRANV, proposta di PFVR. ASS.re, era stato avvertito che la prposta non soddisfava nessun cacciatore serio. E adesso aspettiamo un comunicato dove Lei da colpa a qualcuno,nessuno centomila.

  2. ross scrive:

    sconfitto finalmente il politicamente corretto…
    al nord lega…federarci…
    in toscana invece impera pd o come si chiamerà oggi …federarci …

Leave a Reply


5 + = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.