Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto – Arcicaccia e Fidc a ACV: Contano i fatti

| 28 gennaio 2014 | 11 Comments

ARCICACCIA e FEDERCACCIA rispondono all’iniziativa di Vicenza ACV-CONFAVI: Dati errati e strategia distorsiva della realtà non funzionano,

CONTANO I FATTI!

arcicaccia federcacciaAbbiamo assistito anche quest’anno, com’è ormai consuetudine, allo show berlatiano alla fiera di Vicenza di sabato 25 gennaio.
Show a servizio della campagna elettorale dell’eurodeputato che in primavera è a scadenza di mandato, ma che ha ottenuto presenza di pubblico molto inferiore rispetto agli altri anni.
Non ci stupiamo di questo: finalmente i cacciatori hanno iniziato a capire che con la demagogia non si può andare avanti.
Quando si organizzano corriere pagate, quando si fa il “porta a porta”, quando si riempie il vicentino di manifesti e volantini è facile attirare quanto meno la curiosità della gente.
Per questo, anche se ferocemente attaccati da Berlato e compagni, non siamo né intimoriti né spaventati. Ci teniamo però a fare per onor del vero, alcune precisazioni:
1-di associazioni venatorie riconosciute tali dalle leggi dello Stato Italiano ne era presente una sola: Enalcaccia;
2-niente di più falso nelle accuse sul fatto che il piano faunistico venatorio uscito ad agosto dalla Giunta Regionale è stato elaborato dall’Assessore alla caccia in collaborazione con Arcicaccia e Federcaccia.

Come ben sa l’euro-onorevole, che è stato in Giunta, le associazioni venatorie vengono consultate, ma il piano che emerge è frutto dei tecnici che lo elaborano e degli organi di governo regionali.
In questo modo sono state considerate le proposte che Arcicaccia e Federcaccia, insieme al resto del CRAVN, hanno elaborato e presentato per migliorare il piano faunistico. Delle nostre proposte alcune sono state recepite, come uscito dalla Giunta di gennaio, altre siamo in attesa di recepimento: anche se per opportunismo di circostanza Berlato & C. non vogliono riconoscerlo.

Ricordiamo poi che il CRAVN riunisce le associazioni venatorie riconosciute a livello nazionale che rappresentano il 70% dei 50.000 cacciatori del Veneto, mentre ACV-Confavi ed Enalcaccia forse arrivano al 30%. Questa è la più semplice ragione per cui le nostre proposte sono state considerate e recepite.

E poi non è forse vero e da sempre detto che che l’unione fa la forza?!

Ci preme sottolineare che è molto strana la giustificazione data dal presidente reg.le Enalcaccia a suoi dirigenti di Vicenza per cui si sarebbe deciso di abbracciare ACV-Confavi e Berlato solo dopo essere stato cacciato oltre 10 anni fa da presidente di un ATC a Padova, da parte di Federcaccia, perchè la sua cacciata da presidente è stata merito dell’organizzazione di “corriere” di parte dei cacciatori appartenenti proprio all’associazione con cui oggi collabora (ACV-Confavi).

Federcaccia ha approvato la cacciata, assieme a tutte le altre associazioni venatorie, perchè quando un dirigente di ambito non è in grado di gestirlo è meglio che vada a casa, indipendentemente dall’associazione di appartenenza.

Vogliamo anche ricordare la questione “capanni di caccia”? La norma attuale ovviamente non ci piace e non è sufficiente tanto è vero che in Toscana Federcaccia e Arcicaccia ne hanno costruita una più semplice che il Consiglio reg.le ha votato all’unanimità.

Perchè non possiamo farlo anche in Veneto? Chi ha causato il primo danno alla legge sui capanni? Non certo l’assessore Stival. In Toscana, fortuna loro, non c’è ACV-Confavi…
Sta di fatto comunque che sulla questione capanni, grazie alla nostra sensibilizzazione ed alle decine di assemblee, in qualche modo i “capannisti” hanno potuto andare a caccia anche quest’anno. Se fosse dipeso da qualche euro-parlamentare avrebbero dovuto cambiare modalità di caccia oppure stare direttamente a casa!

Quindi diciamo ad ACV-Confavi, Enalcaccia e Berlato che possono fare centinaia di assemblee come quella di Vicenza, noi continueremo sulla nostra strada a difendere i diritti dei cacciatori.

Giuliano Ezzelini Storti
Presidente Regionale Arci Caccia

Oscar Stella
Vicepresidente Regionale FIDC

Tags: , , , ,

Category: ACV, Arcicaccia, Federcaccia, Veneto

Comments (11)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. franc scrive:

    E questi che scrivono dovrebbero essere i rappresentanti delle associazioni che vorrebbero promuovere l’unione di tutti i cacciatori!!!! Grazie, ne faccio a meno, rimango con la mia piccola associazione…. almeno sono tra amici.

  2. niki scrive:

    A leggere questo articolo fatto da Storti mi sono scompisciata dalle risate, non riesco a capire se ci sono o se si fanno, ma decisamente noto che sono come i bimbi dell’asilo che ancora devono imparare bene come si sta al mondo.

  3. Angelo scrive:

    I bambini dell’asilo hanno un più alto senso della realtà, cosa che qua manca. Se avessero la creanza di elencare i fatti almeno tutta la pappardella avrebbe un senso. Sostenere che loro hanno portato a casa qualcosa per la caccia è un azzardo.

  4. Giacomo scrive:

    Il 70% contro il 30%. Spero che si arriverà a questo anche in campo nazionale, se non anche il 90% contro il 10%. Comunque alla fin fine se la maggioranza crede che stiamo bene come stiamo si sbagliano. Cercate di darvi da fare voi che potete del CRAVN con la regione,  che questo è l’ultimo anno, in Campania stiamo aspettando di tornare nel 30% delle aree protette e lo dice la legge.  :wink:  Salutiaaamo 

  5. Baghy scrive:

    Voi continuate a fare convegni, studi, riunioni con aavv riconosciute e noi a caccia ci andiamo sempre meno, bravi, ma voi che nelle vostre regioni  e nelle quali avete la maggioranza venatoria quanto masochisti siete? E se voi siete masochisti non pretendete che lo siamo anche noi. Baghy 

  6. gianni scrive:

    Non siete ne intimoriti ne  spaventati e come dite voi continuate x la vostra strada.La vostra strada porta direttamente e in poco tempo alla FINE DELLA CACCIA.VERGOGNA.

  7. igor radere scrive:

    Se và a spalare la neve fà un favore alla comunità. Se lascia perdere la caccia ne fà uno all’umanità. Presidente :lol: torni a fare il sindacalista a tempo pieno, ma se i risultati sono gli stessi che ottiene per la caccia poveri i nostri operai.

  8. matteo scrive:

    ho solo una parola per la CRAVN siete RIDICOLI!

  9. faganeo scrive:

    “Difendere i diritti dei cacciatori” Ma quando mai!!!?? Li avete solo negati dal 1992 con la schifezza della 157. Sarebbe ora che toglieste il disturbo. Avete solo fatto danni irrecuperabili. Lasciate almeno che quel poco che testa sia gestito con competenza.

  10. Bekea scrive:

    “”””, perchè quando un dirigente di ambito non è in grado di gestirlo è meglio che vada a casa, indipendentemente dall’associazione di appartenenza”””””””””””Difatti E.Storti nell’ATC sud VI 2 quello della fedrlega che era presidente,  è stato mandato a casa. Questo dimostra quanto bene gestite la caccia in  provincia di Vicenza.

    • Bekea scrive:

       continua…. Chi ha causato il primo danno alla legge sui capanni? Non certo l’assessore Stival—- Ma chi è ass.re alla caccia in Veneto ??? Certo non sarà Pippo, o Pluto,o paperino, o nonna papera. E’ stato stival che ha elaborato con federlega suggeritrice, come fare la legge sui capanni. Vuoi vedre che la colpa della vostra incapacità  di questo sono le minoranze di ACV,Confavi e Enalcaccia. Se questo ( Secondo ) è un comunicato che intende dare le colpe della vostra incapacità agli altri siamo messi proprio male, anche perchè non avete elencato le modifiche che avete apportato al teso del PFVR. Quindi sono sempre le solite balle mediatiche che spacciate per verità

Leave a Reply


+ 3 = 6

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.