Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La Toscana chiederà di aprire la caccia allo storno

| 24 gennaio 2014 | 3 Comments

La Toscana chiederà all’Ue di aprire la caccia allo storno
L’assessore Salvadori: «Dopo cinghiale e capriolo è la specie che causa più danni all’agricoltura»

stornoOggi il convegno “Conoscenze toscane sulla fauna migratoria – Studi scientifici a confronto” promosso dalla Regione Toscana a Firenze si è fatto il punto della situazione sulla fauna migratoria in Toscana, presentando, tra l’altro, i dati raccolti da oltre 20 anni in materia.

Dopo l’introduzione dell’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca, Gianni Salvadori, è intervenuto Emilio Baldaccini dell’università di Pisa- CIRSeMAF – Università di Firenze, che ha parlato de “L’ornitofauna venatoria in Toscana: considerazioni sulle attività faunistiche e venatorie”. La relazione di Luca Puglisi del Centro ornitologico Toscano, è stata sul tema “Trenta anni di monitoraggio della fauna svernante e nidificante in Toscana”, mentre Lorenzo Vanni, dell’Università di Pisa, ha parlato delle “Recenti attività di ricerca sulla migrazione dei caradiformi alle Lame di San Rossore”.

Le due relazioni finali sono state a cura di Fernando Spina, dell’Ispra, sul tema “Principi per un prelievo venatorio dell’avifauna migratoria che sia pienamente rispondente ai dettati della direttiva Ue 2009/147?, e di Manuel Esparrago, della Federation of Associations for Hunting and Conservation of the European Union, che ha parlato de “la direttiva 2009-147 della Ue e la sua corretta applicazione”.

Esparrago è responsabile “affari politici” della Face, c he raccoglie le associazioni venatorie dell’Ue, e quindi l’iniziativa da lui conclusa non poteva che discutere molto dei principi per un prelievo venatorio dell’avifauna migratoria che sia rispondente ai dettati della Direttiva Ue sulla conservazione degli uccelli selvatici

Salvadori nel suo intervento ha sottolineato: «Proseguiremo su questa strada, la strada di una seria conoscenza scientifica, anche per poter costruire i calendari venatori» ed ha confermato «La volontà della Regione Toscana di accelerare il passo per chiedere all’Unione Europea la cacciabilità dello storno», perché «Dopo il cinghiale e il capriolo, lo storno è la specie che causa più danni all’agricoltura toscana: danni gravi e inaccettabili»

In una nota a chiusura della manifestazione la Regione Toscana ricorda che «Nel settore della ricerca scientifica sugli uccelli, da oltre 20 anni, in una regione che per la sua posizione geografica riveste una funzione chiave presentando molte aree ornitologicamente rilevanti, è operativo il Centro Ornitologico Toscano (Cot) che coordina l’attività di ornitologi, volontari e professionisti, presenti sul territorio. I dati raccolti nei progetti Cot (fra questi un monitoraggio degli uccelli notturni, uno studio sui gabbiani nelle città, un atlante sugli uccelli in inverno, uno sugli uccelli nidificanti) sono archiviati in una banca dati elettronica che costituisce una preziosa fonte di informazioni georeferenziate sull’intera Toscana».

http://www.greenreport.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Storni, Toscana

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Si potrebbe avere una documentazione sugli studi di questi “illuminati” dell’Ispra? Mi piacerebbe sapere anche quali periodi di migrazione prenuziale stabiliscono per l’avifauna migratoria cacciabile nel nostro “bel paese”.

  2. dardo scrive:

    storno cacciabile, bene, però come va cacciato, con richiami vivi, con stampe dello storno, su tutto il territorio e senza obbligo di frutta pendente, ed oserei anche con l’ausilio della cornacchia viva che è micidiale, insomma riscoprire la caccia così come va vissuta.

Leave a Reply


1 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.