Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

E.Storti a Berlato: e’ finita la stagione delle favole

| 23 gennaio 2014 | 21 Comments

ArcicacciaEzzelini Storti a Berlato: è finita la stagione delle favole. Ora contano i fatti

E’ con simpatia e affetto che abbiamo letto la risposta dell’onorevole Sergio Berlato al comunicato diramato ieri da Arci caccia e Federcaccia sul Piano Faunistico Venatorio Regionale. Comprendiamo pure che l’onorevole Berlato, memore dei suoi insuccessi pluriennali in campo venatorio, possa avere avuto un “travaso di bile” allorchè accorgendosi dei fatti, e non delle chiacchiere, realizzati dalle associazioni riunite nel Cravn, si sia lasciato prendere dalla foga e dal nervosismo elencando una sequela di imprecisioni che vale la pena di precisare per dare modo ai cacciatori di poter formare una loro autonoma opinione.

Precisiamo subito che Arci Caccia Veneto non ha preso e non ha l’intenzione di farlo le difese dell’operato dell’Assessore Regionale alla Caccia Daniel Stival:

1) Perché l’Assessore si difende, se vorrà farlo, benissimo da solo;

2) Perché i comunicati stampa elaborati, se letti con attenzione e senza quello stress che può danneggiare la salute, non sposano tutte le azioni dell’assessore ma ciò che apprezziamo e ciò a cui abbiamo contribuito;

3) Perché Arci Caccia a differenza dell’ ACV – Confavi non ha mai sposato un partito od un amministratore ed è abituata, nel segno dell’autonomia, per il bene dei cacciatori, a relazionarsi con i partiti del Veneto a prescindere dallo steccato politico.

Precisiamo inoltre che i dati del tesseramento, sia a Recoaro e sia a Vicenza, di Arci Caccia sono ben diversi da quelli declamati da Berlato e con soddisfazione risultano essere in crescita. Di contro risulterebbe che molti degli iscritti all’Acv/Confavi, soprattutto nella cittadina termale(molti più di due!), sono passati dalla nostra parte, provocando una forte riduzione di adesioni nell’associazione dell’europarlamentare a conclusione del suo mandato a Strasburgo.

Sui successi politici e sul consenso popolare che riguarda il sottoscritto la realtà dei fatti è ben diversa visti i risultati lusinghieri nonostante l’appartenenza a forze politiche in difficoltà elettorale. Ma tutto ciò può non interessare i cacciatori visto che il voto, a differenza di Berlato, non l’ho mai chiesto raccontando favole sulla caccia e sul suo futuro. A tal proposito voglio aggiungere che da un anno circa, non ho alcuna tessera di partito in tasca e a maggior ragione mi sento ancor più libero sul giudizio o sul singolo atto della Giunta di quanto possa essere lui che mi pare abbia un interesse elettorale prossimo piuttosto ravvicinato nel tempo a fianco di Berlusconi e dell’ex ministro Vittoria Brambilla.

Noto poi, con un certo orgoglio personale, che nell’intento mal riuscito di offendermi si fa riferimento al fatto che io sia un sindacalista usando l’appellativo “arcisindacalista”: ricordo all’onorevole che il sottoscritto è un semplice RSU Aziendale che ha avuto il piccolo merito di aver cercato di salvare il posto di lavoro ai propri colleghi dal tentativo di chiudere l’azienda da parte di un fondo finanziario inglese, che ci è riuscito, e che per questo ora si trova in cassa integrazione.

Sull’accusa di essere stato pagato dalla Regione, tramite consulenze all’assessore regionale, chiedo a Berlato, proprio per la mia condizione di cassa integrato, di rendere pubbliche le prove se le ha oppure si affretti a rettificare e smentire altrimenti la questione sarà affrontata dai legali in altra sede.

Infine, per quanto riguarda i risultati di Arci Caccia Veneto negli ultimi 6 mesi, ricordiamo quanto segue:

1) aver garantito la possibilità di andare a caccia da appostamento nella stagione venatoria 2013/2014, quando qualcuno andava in giro dicendo che questa forma di caccia era morta;

2) aver lavorato per unire il mondo venatorio, con chi ci voleva stare, nel CRAVN;

3) aver formulato, da soli e con le associazione del CRAVN, osservazioni ad un piano faunistico regionale che non andava bene ottenendone il recepimento da parte della Giunta Regionale. Mentre mi risulta che l’on. Berlato e ACV-Confavi abbiano fatto della semplice propaganda, che si concluderà con l’iniziativa del 25/01 a Vicenza.

Informo poi l’onorevole Berlato che si partecipa ad iniziative quando sono convincenti e comuni le piattaforme programmatiche e per quanto ci riguarda non lo è quella del 25. D’altronde lo stesso onorevole Berlato si è comportato in tal mondo per l’assemblea di Orgiano del luglio scorso.

Mi rendo invece disponibile ad un confronto, anche domani mattina, presso qualunque studio televisivo oppure presso qualche luogo che consenta l’espressione del libero ed autonomo pensiero.

Il Presidente Regionale

Giuliano Ezzelini Storti

————————————–

Arci Caccia
Comitato Regionale Veneto
V.le N. Rocco, 60 – 35138 Padova
http://arcicacciaveneto.over-blog.it
cel. 3351690577 – fax 0498641756

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: ACV, Arcicaccia, Veneto

Comments (21)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bepi scrive:

    Azz. siamo arrivati ai legali.
    Però vede signor Ezzelini deve ancora scrivere cosa è stato cambiato  o cosa avete fatto cambiare al piano faunistico, abbia pazienza io sono come San Tommaso ……..così sabato vado a Vicenza e dico all’onorevole che si sbaglia e che il piano è stato corretto nei punti ……..e che quello che sta facendo lui è sbagliato o non serve. 

  2. Nico scrive:

    Storti, basta con questi comunicati che non hanno ne’ capo ne coda e che servino solo ad esser commentati nei vari siti! Ad oggi in veneto si e’ cacciato dignitosamente solo grazie a Berlato;fino a prova contraria nessuno ha portato a favore dei cacciatori quello che ha conquistato Berlato. Se veramente stai lavorando per il bene della caccia perche’ non esponi le tue recenti conquiste su un pfvr a dir poco indecente?! Forse perche’ t vergogni d aver risolto il 2% delle scellerate invenzioni riportate sul piano dai tuoi simili in regione?! I Veri problemi mio caro storto non li avete risolti per nulla, cime la questione capanni, come la questione deroghe…se l’aveste fatto lo stareste sbandierando ai 7 venti!! (dw)  (:-p)

    • grillo parlante scrive:

      Nico,……..son 4.

      • Nico scrive:

        Ammetto l’errore!! Ma a questo si puo’ rimediare velocemente…parliamo invece di cosa succedera’ se verra’ approvato questo pfv…

        • grillo parlante scrive:

          Difficile dirlo.
          Io son toscano e viste le innumerevoli differenze che esistono adesso tra le varie regioni,
          non posso fare altro che auspicare, come credo tutti, quella beata unita’ in chiave venatoria che al momento non esiste.
          non ho elementi per giudicare Berlato, ma sinceramente non mi sembra che possa rappresentare qualcosa al di fuori del veneto, pertanto, la mia umilissima convinzione e’ che se davvero le 2/3 aavv riuscissero ad unificare gli intenti nella maggior parte delle regioni, forse potremmo ottenere qualcosa di piu’, tutti quanti.
          Errori ne sono stati fatti tanti, ma a livello regionale, se questa realta’ dovesse travalicare un po’ i confini regionali forse…..chissa’………..
          D’altra parte, a qualcosa bisogna pur credere, ed a me non resta ormai piu’ molto tempo per cacciare ad un certo livello.

  3. niki scrive:

    Cos’è sig. storti, ha la coda di paglia?  Accusare Berlato di aver scritto che lei ha preso parte dei 183.000 E. da stival, è proprio deplorevole, se deve usare le vie legali, le usi a favore dei cacciatori, che fino ad oggi sono stati accusati in vario modo da TV e da personaggi anticaccia che ci hanno versato addosso tanta m…., e la smetta di farsi propaganda offrendosi a partecipare a trasmissioni televisive per un eventuale dibattito a due, (così si fa conoscere, vuoi mai che….).
    Guardi che anche lei può partecipare alla riunione del 25 gennaio, nessuno glielo impedisce, così potrà “sputtanare” Berlato in pubblico, se la sente?

  4. flavioB scrive:

    ….Arci Caccia a differenza dell’ACV non ha mai sposato un partito od un amministratore ed è abituata, nel segno dell’autonomia, per il bene dei cacciatori, a relazionarsi con i partiti del Veneto a prescindere dallo steccato politico….
    Questa se la poteva risparmiare. Arci Caccia “i compagni della natura” e la parola compagni non è lì per caso, non ha sposato un partito, fa proprio parte dell’ex pci> pds> pd come tutte le associazioni con prefisso Arci, cosa peraltro più che legittima, ma basta dichiararlo con tranquillità senza rivendicare con ipocrisia l’autonomia rispetto a partiti e politici.

  5. igor radere scrive:

    Mi sembra di essere tornato ai tempi in cui i compagni mangiavano i bambini :lol: , o non hanno mai smesso? :mrgreen:

  6. aceto scrive:

    ma che mus da tola c’al ga.

  7. Renzo scrive:

    Sull’accusa di essere stato pagato dalla Regione, tramite consulenze all’assessore regionale, chiedo a Berlato, proprio per la mia condizione di cassa integrato, di rendere pubbliche le prove se le ha oppure si affretti a rettificare e smentire altrimenti la questione sarà affrontata dai legali in altra sede.
    ———————————————————————————————————–
    Però, mi pare che questo non c’entri nulla con la caccia e quindi se accusa infondata esiste è lecito difendersi …. di stì tempi …..

  8. Renzo scrive:

    ( continua ) ..anche se non mi pare di aver letto accuse in tal senso . Bho ? 

  9. faganeo scrive:

    Non vi basta la figura barbina che avere fatto ad Orgiano?La sua è una tragedia altro che favola!!

  10. gianni scrive:

    CARO EZZELINO STORTI,SOLO BERLATO CI HA FATTO CACCIARE IN DEROGA X MOLTI ANNI.ADESSO CHE C’E IL SUO SIMPATICO STIVAL,CI PENSI LEI E IL CRAVN A FARCI CACCIARE IN DEROGA X I PROSSIMI ANNI.11 SPECIE CI AVEVANO PROMESSO I LEGHISTI PRIMA DELLE ELEZIONI.PRESI I VOTI,NEANCHE AL DANNOSO STORNO CI FANNO CACCIARE,PER FORTUNA SIAMO PADRONI A CASA NOSTRA,ROMA LADRONA.MA IL 2015 SI AVVICINA,DAREMO  A CESARE QUEL CHE E’ DI CESARE.

  11. ross scrive:

    l’associazione ricreativa dei comunisti italiani non finisce mai di stupire….
    addirittura avevano e forse hanno ancora la sede presso i locali dei loro padroni….

  12. luigi da sorrento scrive:

    Qua al sud l’Arcicaccia e’ stata una creatura del Sen. Fermariello, buonanima…per quale partito era senatore? Sara perché uno dei vicepresidenti Arcicaccia e’ il sign. Sorrentino, presidente dell’ATC di Napoli….ma quando sento solo parlare di Arcicaccia mi indigno….!!!

  13. claudio ge scrive:

    in Liguria si è rossi come il sangue e tutti tesserati… ma l’Arcicaccia con la caccia nn centra proprio niente.. come nel resto dell’Italia :wink:

  14. Ezio scrive:

    Cerchiamo di non generalizzare, ne da una “parte” e neppure dall’”altra”.
    Poi quando ne troverò un “altro” che ha fatto quello che ho fatto IO sottraendo tempo alla mia FAMIGLIA…e non A GRATIS ma a RIMMETTERCI pure qualche soldino del mio lauto stipendio di statale fannullone e panzone di brunettiana memoria….in favore di caccia e cacciatori come presidente arcicaccia Cuneo e 200 (DUECENTO) iscritti all’attivo….non DECINE DI MIGLIAIA come “altri”  … allora sarò meno presuntuoso.
    Scusate ma di ste manfrine sui “rossi” e sui “neri” e su quelli a “pois” e su chi ci è più o meno amico non se ne può …anzi IO  non ne posso veramente più!
     

  15. Trego scrive:

    Comprendiamo pure che l’onorevole Berlato, memore dei suoi insuccessi pluriennali in campo venatorio, 
    Caro Storti ma lei andava a Caccia quando era gestita da Berlato? 
    Se si mi chiedo cosa abbia bevuto prima di scrivere questa lettera
    Incredibileeee gli alcolici di Recoaro

  16. Angelo scrive:

    E così morì la lingua italiana. Mai letto un comunicato più sconclusionato e difettoso di forma. Illeggibile sia nei contenuti (cosa principale) che nella forma. Non si pretende di essere scrittori, ma di fare comunicati semplice, comprensibili, chiari e di buon itagliano….

Leave a Reply


5 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.