Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

I cinghiali del Parco del Ticino sulle tavole dei poveri

| 22 gennaio 2014 | 2 Comments

I cinghiali cacciati nel Parco del Ticino sulle tavole dei poveri
Sono troppi e fanno danni, quasi 700 i capi già abbattuti. L’ente parco propone di donarne una parte alle mense dei poveri ma verrà anche valorizzata per farne prodotti gastronomici come in Toscana

Pappardelle al cinghialeL’equilibrio naturale all’interno del Parco del Ticino va mantenuto anche attraverso gli abbattimenti di capi in sovranumero. Se questi abbattimenti aiutano le mense dei poveri della regione, ancora meglio. Lo ha annunciato questa mattina il presidente dell’ente Gian Pietro Beltrami che – dopo aver presentato le iniziative per il 2014 – ha anche elencato problemi e soluzioni presenti per determinate specie che, a causa della loro facilità di riproduzione, stanno creando grattacapi. Se per i cormorani non si può praticamente fare nulla, in quanto specie protetta, per i pesci siluro è possibile ridurne la presenza.

Il problema più grosso è rappresentato dai cinghiali: 691quelli abbattuti da quando si è deciso di ridurne il numero, dei quali 328 da ottobre a dicembre. Un numero importante che sta a significare anche tanta carne a disposizione. Una parte di questa carne, per molti prelibata e gustosa, finirà nel circuito enogastronomico del parco e Beltrami ha sottolineato come «si intenda sfruttare questa opportunità promuovendo prodotti quali insaccati e pietanze a base di cinghiale nei numerosi agriturismi presenti, sulla scia di quanto è avvenuto in Toscana» ma anche aiutare le mense dei poveri a far fronte all’aumento di bisognosi che si rivolgono a queste strutture: «Abbiamo approntato delle celle frigorifere per conservare tutta questa carne e distribuirla anche agli enti caritatevoli».

La risorsa non manca visto che l’obiettivo dichiarato è quello di arrivare, entro un anno, a 1000 abbattimenti. Due i bandi aperti per poter cacciare i cinghiali ai quali possono partecipare gli agricoltori che vogliono difendere il loro terreno. Ogni anno, infatti, regione Lombardia, tramite l’ente, deve rimborsare i danni subiti dai terreni dei contadini che hanno appezzamenti di terra nel perimetro del parco. Per cacciare in sicurezza sono state posizionate 5 altane (in breve tempo saranno in tutto 15) per tiratori scelti. L’altana a tre metri di altezza permette di sparare ilcolpo dall’alto verso il basso, diminuendo la possibilità che proiettili vaganti possano colpire i visitatori.

http://www3.varesenews.it/

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Cinghiale, Lombardia

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    Per i poveri va bene, per gli agricoltori va bene, per l’enogastronomia del parco va bene, ma per i cacciatori che mantengono i poveri con la carne, gli agricoltori con carne e sovvenzionamenti, il parco per tutto quello che ci vuole compreso l’enogastronomia, per i cacciatori sempre niente di niente ? Se prelevate i cinghiali perche sono numerosi e fanno danno, allora perche non far cacciare la migratoria ? Anche le specie migratorie cacciabili sono numerose altrimenti non si potrebbero cacciare. Per esempio : prendiamo gli storni, non fanno danni anche questi ? E prendiamo i tordi, non fanno danno agli uliveti e alla frutta anche questi ? E allora ? E allora abbiamo capito che dobbiamo smettere di andare a caccia, i miei soldi me li mangio io. Salutiamo

  2. aaa scrive:

    Conosco bene il parco del Ticino. È ben gestito e la scelta di incrementare la caccia di selezione tramite altane è sicuramente la più intelligente, moderna e etica per l’ambiente

Leave a Reply


+ 1 = 5

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.