Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Piemonte: selvaggiana, presentato il centro di lavorazione

| 17 gennaio 2014 | 1 Comment

Piemonte: selvaggiana, regione presenta primo centro di lavorazione

ungulati(AGENPARL – Torino, 17 gen – La struttura rappresenta un progetto pilota e il primo esempio di come una gestione complessiva dell’attività venatoria, dalla prima all’ultima fase della filiera, possa contribuire alla riduzione della fauna selvatica in eccesso, generare ricadute in termini di riduzione della spesa per gli indennizzi e incentivazione di un filone economico e occupazionale. Si è tenuta questa mattina, presso la sede dell’AtcTo3 a Piossasco, la conferenza stampa di presentazione del primo “Centro di lavorazione della selvaggina” del Piemonte.
L’attività, ubicata nel comune di Piscina presso la struttura della Società Idealcarni, ha permesso di avviare nell’Ambito Territoriale di Caccia TO3 un progetto di promozione e valorizzazione delle risorse faunistico-territoriali per la realizzazione della prima catena di conferimento, lavorazione e commercializzazione della carne di selvaggina sotto il controllo del Servizio Veterinario d’Igiene. Il Centro provvederà al ritiro, controllo, trasformazione e vendita dei capi abbattuti mediante attività venatoria, includendo nella lavorazione animali prelevati sia nel corso di ordinarie battute di caccia sia a seguito di specifiche attività di controllo faunistico volte a limitare i danni alle colture.
Per la prima volta in Piemonte, dunque, si completa l’intero percorso della filiera di carne proveniente da fauna selvatica. Alla realizzazione del progetto si è arrivati grazie ad un’attività di coordinamento e sostegno reciproco tra l’Ambito Territoriale di Caccia Torino 3, la Confederazione Italiana Agricoltori di Torino, la Società IDEALCARNI di Piscina (To), e il coinvolgimento dell’Assessore Regionale all’Agricoltura e Foreste, Caccia e Pesca Claudio SACCHETTO, l’Assessore Regionale ai Parchi ed Aree Protette Gianluca VIGNALE, il Direttore del Servizio Veterinario Igiene della Produzione Alimenti dell’ASL TO3 dott. Francesco GIACOMINO. L’iniziativa rientra nell’ambito di una visione organica e moderna dell’attività venatoria, lontana da posizioni pregiudiziali da un lato, aperta ad armonizzare le differenti funzioni riconducibili alla caccia dall’altro: l’esercizio venatorio è strumento di prelievo e controllo, potenziale antidoto ai danni alle colture causati dalla fauna selvatica, mezzo per la tutela e conservazione dell’ambiente, veicolo di tradizioni e valori secolari e, infine, potenziale risorsa per sviluppare una filiera in grado di vivacizzare un canale specifico dell’economia locale che ha quale prodotto centrale carne di selvaggina di ottima qualità e riconosciuta genuinità.
Tale esperienza consentirà di organizzare e gestire con efficacia l’impiego della selvaggina a seguito del prelievo, con la possibilità di garantire la massima trasparenza e tracciabilità del prodotto a favore del consumatore.
Mediante tale opportunità innovativa si promuove indubbiamente una valorizzazione della fauna selvatica: l’Atc To3, attraverso la vendita dei contrassegni previsti dalla normativa regionale ai cacciatori (il cacciatore è previsto che acquisti la fascetta corrispondente al capo venabile prima della sessione di caccia) potrà destinare tali risorse all’indennizzo dei danni alle colture agricole.
Non vanno poi sottovalutati i potenziali risultati in termini economici e occupazionali, includendo come usufruitori di una filiera garantita e tracciata anche ristoratori, agriturismi, mense.

Assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Caccia e Pesca Claudio Sacchetto: “Il progetto di centro di lavorazione della selvaggina consente di affrontare in modo nuovo e, a mio parere, estremamente positivo, un aspetto dell’attività venatoria, vale a dire il destino dei capi prelevati. Con questa iniziativa viene posto in primo piano il concetto di fauna inteso come bene pubblico, di tutti: amministrare l’esercizio venatorio non significa esclusivamente normare il prelievo, ma allargare gli orizzonti e prevedere una destinazione, un indirizzo dei capi abbattuti che oltre a interessare da vicino il cacciatore, si traduce in impulso ad una filiera che fino a questo momento, nonostante le potenzialità, non ha saputo crearsi un canale consolidato di approvvigionamento. È anche e soprattutto attraverso una gestione moderna, flessibile e strutturata dell’esercizio venatorio -complessivo di tutte le sue fasi- che si potranno ottenere risultati efficaci anche in termini di diminuzione dei danni alle colture agricole causati dalla proliferazione della fauna selvatica”.

Assessore regionale ai parchi e alle aree protette, Gian Luca Vignale:

“Il progetto prevede la lavorazione, e poi vendita, di carni di capi che vengono abbattuti nei piani di selezione annuale e nel rispetto dell’equilibrio che si deve raggiungere tra uomo e fauna selvatica. Grazie a questa iniziativa si potrà realizzare una filiera corta della carne che, garantirà benefici tangibili non solo per il controllo selettivo all’interno delle aree protette, ma anche per l’Ente Parco e per l’economia locale”

«Bene l’impegno dell’ATC TO3 – commenta il Vicepresidente regionale della Confederazione Italiana Agricoltori Lodovico Actis Perinetto – per l’avvio della prima esperienza di filiera per la commercializzazione della fauna selvatica in Piemonte, sull’esempio di pratiche che già esistono e sono consolidate in numerose regioni italiane. La sfida ovviamente deve essere di non piegare l’attività venatoria a fini di lucro ma di lavorare insieme, agricoltori e cacciatori, per fungere da presidio del territorio e correggere i disequilibri che si creano quando una singola specie prende il sopravvento sulle altre».

Roberto Barbero, Presidente provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori di Torino, dichiara: «Per gli agricoltori i danni provocati dalla fauna selvatica rappresentano ormai un problema endemico. Confidiamo che la possibilità di commercializzare carne di selvaggina frutto degli abbattimenti e delle attività di contenimento programmate, oltre ad offrire maggior sicurezza al consumatore sulla qualità e sulla freschezza del prodotto finale, rappresenti una via innovativa per rendere sostenibile la presenza di questi animali sul territorio e assicurare alle aziende agricole colpite il veloce indennizzo dei danni subiti».

http://www.agenparl.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Piemonte

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. claudio ge scrive:

    ma perchè in Piemonte vi è ancora selvaggina??? vaggina volevate dire spero (e studiate, sttudiate…..):mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Leave a Reply


5 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.