Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La prima lapide, celebrava le imprese di un cacciatore

| 16 gennaio 2014 | 3 Comments

La prima lapide ha 14.000 anni
Celebrava le imprese di un super-cacciatore morto a 25 anni nel bellunese

Era un cacciatore così abile che alla sua morte, avvenuta a 25 anni, 14.000 anni fa i suoi simili hanno realizzato una stele funebre, probabilmente la prima della storia umana, per segnare la sepoltura in una grotta appositamente preparata con tanto di corredo funebre.
Si tratta del cacciatore di Sovramonte (Belluno) la cui storia – pur conosciuta dagli anni ’80, quando i suoi resti sono stati ritrovati da un appassionato del luogo, Aldo Villabruna – non ha avuto la fortuna mediatica di due “personaggi” come Oetzi, la mummia del Similaun vecchia di “soli” 4mila anni o dell’uomo di Mondeval i cui resti risalgono a 7.500 anni fa.

Per i due personaggi “famosi” sono stati realizzati musei mentre per il loro avo della fine del paleolitico superiore (epigravettiano) nulla di tutto ciò, nonostante la presenza di quella stele funebre di cui tra l’altro oggi parla “Belluno, storia di una Provincia dolomitica” serie di tre volumi editi dallo stesso ente.
Un manufatto, la stele funebre, che per segnare il valore di quell’uomo lo rappresenta in modo stilizzato con innumerevoli braccia proprio per definire la sua abilità e forza nonostante vivesse in una grotta di montagna a 500 metri di quota circa con tutte le difficoltà del caso, non avesse un fisico possente e fosse alto un metro e 70.

Nonostante l’indubbio valore paleo-archeologico, oggi il cacciatore di Sovramonte è ‘ospite’ dell’Università di Ferrara in attesa che gli esperti riescano ad estrarne e studiare il Dna. Per renderlo un po’ meno invisibile al Museo Civico di Belluno esiste un calco in silicone della sepoltura che riproduce in dettaglio i resti del cacciatore la stele e gli altri oggetti trovati nella sua tomba mentre una copia minore è proprio a Sovramonte ma, pare, ‘dimenticata’ in un magazzino.
A guardare il corpo di quel giovane uomo si resta impressionati. E’ stato scoperto per caso durante dei lavori di manutenzione stradale in una cavità alla sinistra del torrente Rosna nella valle di Cismon (da dove scende un altro corso d’acqua) e Villabruna (cui è stata dedicata la grotta della sepoltura) capì subito di che cosa si trattasse.

Il cacciatore venne sepolto con una serie di ciottoli e sassi di varie dimensioni che ne lastricavano la tomba. Tutti erano disegnati, rivolti verso il corpo, probabilmente a raccontare la vita e le gesta come estremo omaggio. Un solo sasso, il più grande e sagomato in modo rettangolare, era posto all’altezza delle gambe con il ritratto del cacciatore rivolto, però, all’esterno. “La tomba risulta così il solo caso in ambiente paleolitico dove si riscontra – dice Villabruna – una netta relazione tra ideazione, realizzazione e devozione di un complesso rituale artistico per una sepoltura”.

Sotto il lastricato con la lapide, in una fossa, c’era il corpo con la testa rivolta a sinistra e coperto con delle pelli di cui rimangono solo brandelli con l’antro in cui era riparato cosparso di ocra rossa. Sotto di lui un letto probabilmente di aghi di pino e accanto al braccio sinistro, gli oggetti a lui cari come ossa di cervo, una sacca in pelle con gli utensili da lavoro, il coltello “a dorso” in selce, una ciotola dove preparare il propoli per curare le proprie ferite e pure delle conchiglie marine, forate, che probabilmente facevano parte di una sua collana.

Per Valbruna, a distanza di anni, c’è il desiderio di vedere premiato quel cacciatore con un suo museo proprio a Sovramonte, come accaduto per Oetzi o l’uomo di Mondeval, mentre si sta cercando, intanto, di recuperare la copia in magazzino nella cittadina bellunese da mettere in bella mostra in un locale pubblico che non a caso si chiama “On the road”: sulla strada.

http://www.ansa.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Curiosità, Veneto

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    Cosa dire, si potrebbe pensare pittosto : ma può essere così prevenuti nei confronti della caccia da arrivare a nascondere una tale reliquia che oltre ad essere una delle più antiche ritrovate può mostrare chiaramente il modo di vivere la tecnica e gli attrezzi di cui si servivano i nostri antenati 14.000 mila anni fa per la loro sopravvivenza ? Non credo : ma allora io mi domando e dico perchè non ha avuto l’attenzione che gli si doveva ? Vuoi vedere che se lo stesso fosse stato ritrovato in Egitto ci si facevano processioni di visitatori da tutto il mondo, sfruttando non solo il caso per cultura, ma anche per il turismo. Mi dispiace per gli abitanti di Belluno e forse anche di più per chi cittadino colto di Belluno abbia potuto non interessarsi di portare alla luce di tutto il bel paese una fotunata scoperta di uno dei più antichi uomini nostro avo ! Si nostro avo….! Motivo in più per darne notizia al mondo intero e riservarlo con tutte le attenzioni possibili e immaginabili per farlo “vivere” ancora per migliaia di anni. Io spero che si dia finalmente la sua importanza e di esporlo con tutti gli annessi e connessi ritrovati nella tomba, per darci l’pportunita dell’immaginazione, di cosa poteva fare quel grande cacciatore per mantenere la specie umana.   :-?   Salutiaaamo   

  2. Mari scrive:

    Questa italietta sempre piu’ piccola e inetta da manare all ovina un tale ritrovamento….l’imbarbarimento culturale nn ha mai fine…e poi figurarsi verso a caccia, purtroppo il paese sta’ sfornando personaggi nazianimalisti che tutti ben conosciamo…siamo alla rovina piu’ totale…

Leave a Reply


+ 3 = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.