Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Un chiaro e forte no al parco degli Ernici

| 14 gennaio 2014 | 0 Comments

DIFENDIAMO IL NOSTRO TERRITORIO DAI BUROCRATI DI ROMA

ArcicacciaE’ di alcuni giorni fa la notizia con cui i convinti assertori del Parco dei Monti Ernici festeggiavano sui quotidiani locali, una deliberazione della Giunta Regionale sulla istituzione del Parco su citato.
Nel precisare che da una attenta lettura della deliberazione, la Regione Lazio non ha deliberato nulla, ma ha solo incaricato di fare degli studi e programmazioni, forse più per accontentare qualche amico professionista che per convinzione e condivisione del progetto, è doveroso però alzare il livello di guardia nel contrastare con forza tale disegno, anche e soprattutto alla luce dei blitz normativi cui la politica ci ha abituato.
Doverosamente mi corre l’obbligo ribadire che le aree protette, cui devono essere ricomprese tutte le aree dove è interdetta l’attività venatoria (spesso i promotori del parco dimenticano questo inciso normativo), debbano essere massimo il 30% della superficie agro silvo pastorale.
L’Amministrazione Provinciale di Frosinone, unico ente deputato alla Pianificazione Territoriale ha più volte affermato che la percentuale è al di sopra del 30% , ergo questo Parco non può essere istituito.
Altro motivo per cui il Parco non può essere istituito è che ha bisogno del parere vincolante dei Comuni e delle Comunità locali, finora del tutto ignorate. A tal proposito faccio appello ai Sindaci e agli amministratori dei Comuni che dovrebbero ricadere all’interno del parco a non svendere il proprio territorio per qualche manciata di denari, che una volta terminati lasceranno solo vincoli burocratici cui cittadini, agricoltori e allevatori dovranno subire, pena multe salatissime necessarie a far cassa per pagare i lauti stipendi di Presidente, Direttore e compagnia cantando.
Chiedete ai vostri colleghi che già fanno parte di un area protetta come si trovano e le difficoltà che incontrano anche solo ad interloquire con l’Ente Parco.
A tal proposito cito un comunicato congiunto dei Comuni di Trevi nel Lazio e Filettino di qualche mese fa, con cui i Sindaci dei su citati Comuni nel lamentare uno stato di disagio profondo per la convivenza delle comunità con il Parco dei Monti Simbruini, chiudono la lunga missiva con una affermazione molto eloquente sullo stato delle due comunità : “Nel caso in cui le nostre proposte dovessero restare lettera morta e dovesse prevalere l’idea, nei fatti, di trasformare il Parco da ente territoriale a ente demografico, sarà nostro compito mettere in atto tutte le iniziative per portare i nostri comuni a ridurre al minimo la superficie di territorio a disposizione del Parco stesso.”

Federazione Provinciale
Il Presidente
Giuseppe Gesuale

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Category: Arcicaccia, Lazio

Leave a Reply


4 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.