Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Brescia: Stop vigilanza venatoria dell’Anpan

| 9 gennaio 2014 | 6 Comments

FIDC BRESCIA: STOP ALLA VIGILANZA VENATORIA DELL’ANPANA
La Polizia provinciale cessi di affidare alle guardie volontarie Anpana compiti di vigilanza venatoria.
Dalla Federcaccia provinciale una diffida alla luce di una circolare del Ministero degli Interni che fa chiarezza sulla questione

FEDERCACCIA“Federcaccia Brescia diffida la Polizia provinciale ad emettere ulteriori ordini di servizio alle guardie zoofile dell’Anpana”. Si conclude in questi termini fermi e non altrimenti interpretabili la raccomandata inviata oggi dal Presidente Provinciale Federcaccia Marco Bruni all’Assessore alla polizia Mario Maisetti e al Comandante Carlo Caromani.
Alla base della richiesta una circolare del Ministero degli Interni del 2 novembre 2013 che ha fornito ulteriori chiarimenti in ordine alla possibilità che le guardie zoofile volontarie possano esercitare anche compiti di vigilanza venatoria in forza del solo decreto prefettizio di nomina, rilasciato ai sensi dell’art.6 della legge 189 del 2004.
Una posizione, questa, che Federcaccia sta sostenendo con forza da mesi e quindi non possiamo che esprimere soddisfazione per la nota del Ministero.
Scrive infatti il Dicastero degli Interni: “…l’art.6, 2° comma della legge n.189/2004 non autorizza le guardie zoofile nominate con decreto del Prefetto all’esercizio di compiti di vigilanza venatoria che muovono in un campo e con riguardo a specie di animali del tutto diversi” (da quelli di affezione). Quindi nessun dubbio! Quello che lascia perplessi però è che esisteva già una nota del Ministero inviata alla Prefettura di Torino che sosteneva tra l’altro che: “le guardie zoofile nominate dal Prefetto non possono esercitare la vigilanza venatoria in carenza di un apposito atto autorizzatorio rilasciato dall’amministrazione provinciale”, confermando l’insufficienza – a quel fine (la vigilanza venatoria) – della nomina prefettizia e la necessità di un apposito atto di nomina quale guardia giurata venatoria volontaria adottato dall’organo provinciale.
In sostanza quindi le guardie zoofile volontarie se vogliono fare vigilanza venatoria devono sostenere l’esame come previsto dalle Legge Regionale e poi ottenere l’autorizzazione dell’Amministrazione Provinciale, così come fanno del resto tutte le altre guardie volontarie.
Non riusciamo dunque a comprendere perché l’Ente preposto, cioè l’Assessorato alla Polizia provinciale, non abbia applicato le circolari ministeriali nonostante Federcaccia Brescia abbia inviato più di un documento a supporto delle proprie tesi.
Per questi motivi abbiamo deciso di inviare una formale diffida e la richiesta di annullamento di tutti i verbali elevati da questi volontari, evidentemente privi del titolo autorizzativo. Valuteremo inoltre ulteriori azioni legali in merito per riportare certezza sull’argomento e chiarire una volta per tutte che chi chiede il rispetto delle regole ai cacciatori deve lui per primo rispettarle!

Federazione Italiana della Caccia Brescia – 9 gennaio 2014

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Federcaccia, Lombardia

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. peppol@ scrive:

    bravi

  2. Springer scrive:

    “”….chi chiede il rispetto delle regole ai cacciatori deve lui per primo rispettarle!..””
    _________________________________________________________
     
    (n)      (n)      (n)

  3. valentino carbone scrive:

     
     LEGGE 189/04(maltrattamento animali)

    ART. 6 (Vigilanza)1. Al fine di prevenire e contrastare i reati previsti dalla presente legge, con decreto del Ministro dell’interno, sentiti il Ministro delle politiche agricole e forestali e il Ministro della salute, adottato entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabilite le modalità di coordinamento dell’attività della Polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri, del Corpo della guardia di finanza, del Corpo forestale dello Stato e dei Corpi di polizia municipale e provinciale.2. La vigilanza sul rispetto della presente legge e delle altre norme relative alla protezione degli animali è affidata anche, con riguardo agli animali di affezione, nei limiti dei compiti attribuiti dai rispettivi decreti prefettizi di nomina, ai sensi degli articoli 55 e 57 del codice di procedura penale, alle guardie particolari giurate delle associazioni protezionistiche e zoofile riconosciute.3. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per lo Stato e gli enti locali. 
    ____________________________________________
    non dice che le guardie zoofile non possono fare vigilanza venatoria ma compiti di polizia giudiziaria(sequestri,perquesizioni,ecc) solo sul campo degli animali di affezioni(cani e gatti per intenderci,ma non solo),sennò non credo che fino adesso tutte le guardie delle assoc.ambientaliste(con decreto prefettizio) come wwf,enpa,legambiente,ecc ecc lo abbiano fatto abusivamente per anni……credo che così debba essere mi posso anche sbagliare……

  4. ross scrive:

    in toscana si sono inventati volontari ….
    sperando di diventare dipendenti provinciali !!!!

  5. Thomas scrive:

     Bravi…finalmente è stata fatta chiarezza…e deve essere rispettata e applicata.
    (up) (:-p)

  6. Tita scrive:

    Appurato che anche quest’anno la Provincia di Brescia ha rilasciato decreti di guardia volontaria ai membri di tale associazione, è possibile sapere qualìè la posizione di FIDC BS e del presidente Bruni in proposito?
    Visto cha alla diffida di FIDC la Provincia se n’è sbattuta altamente, come intendete procedere?

Leave a Reply


4 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.