Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

AIW: orso marsicano, per ora solo enunciazione di intenti

| 2 gennaio 2014 | 1 Comment

Orso Bruno Marsicano
BUONE NOTIZIE DAL PARCO D’ABRUZZO
(e solo burocratici intenti dalla Regione Lazio)

wildernessNegli ultimi giorni del 2013 due comunicati sono apparsi sulla stampa, relativi all’Orso Bruno Marsicano, ovvero a notizie che, da una parte il Parco Nazionale d’Abruzzo e dall’altro la Regione Lazio, hanno ritenuto di divulgare. Una profonda diversità però li distingueva, sebbene fossero entrambi solo enunciazione di intenti, mentre ancora nulla di concreto si è palesato da ambo le parti (per non dire del silenzio della Regione Abruzzo, e della desaparecida Regione Molise: anch’esse organismi pubblici del PATOM). Per sintetizzarli: un comunicato stampa del Parco che, finalmente con senso pratico, avanza proposte di interventi concreti e richiede agli organismi pubblici più direttamente interessati (quelli del PATOM, appunto: Ministero dell’Ambiente e Regioni) di finanziarli. Interventi direttamente utili alla protezione di quest’animale, affinché col giungere della primavera si possa partire con progetti e provvedimenti utili a far cambiare le cose, ovvero ad evitare il declino della popolazione (declino evidenziatosi anche di recente con l’osservazione di un Orso addirittura in Umbria. E speriamo che ora non si proponga anche là il solito Parco per proteggerlo, come si sta cercando di fare sui Monti Ernici laziali: rincorrendo gli orsi in fuga dal Parco d’Abruzzo per piazzargli attorno altri Parchi!).
Proposte concrete, quindi, che fanno onore al Commissario straordinario Giuseppe Rossi ormai in imminente cessazione di mandato (con l’augurio che possa proseguire poi come Presidente per altri cinque anni, e possa quindi portare avanti quanto oggi proposto): migliorare il servizio di guardiania; istituire unità cinofile antiveleno (che, a dire il vero, si potrebbero evitare facendo in modo che nessuno abbia interessi ad avvelenare il territorio); disporre di fondi per poter acquisire la concessione di terreni comunali – e per indennizzare i Comuni per mancati tagli – in zone di elevato valore da destinare a riserve integrali per l’orso; la ripresa di una seria campagna alimentare mediante semine di terreni idonei, “coinvolgendo agricoltori e associazioni venatorie”; potenziare il controllo sui movimenti turistici in “determinate stagioni e lungo gli itinerari che interferiscono con la presenza dell’orso”; collaborazioni con gli allevatori per monitorare sanitariamente il bestiame domestico; migliorare il sistema degli indennizzi dei danni della fauna selvatica, anche con la costituzione di “un apposito gregge del Parco o gregge pubblico da affidare ad allevatori locali”. In pratica, quello che da anni l’AIW va proponendo; da tutti inascoltata, almeno fino ad oggi!
L’altra notizia riguarda una Deliberazione della Giunta Regionale del Lazio: con una premessa lunga pagine e pagine (visto, visto, visto, ecc.) che ha quasi del ridicolo se la difesa dell’orso non fosse una cosa seria. In totale 13 fitte pagine per non stabilire, in italianissimo stile, nulla di concreto; il solito parolaio: solo proposte di mandati, comitati, individuazione di incarichi dirigenziali (chi saranno i fortunati?), linee guida, concertazioni, coordinamenti, ecc.; tutte idee astruse che partoriranno incontri, convegni, accordi, approvazione di Piani, e altre varie proposte burocratiche; ovvero, chiacchiere e carta stampata a non finire! Le uniche cose concrete previste, ma discutibili, sono: la “riduzione degli impatti legati alle attività antropiche” (ovvero, l’acqua calda: come, dove e a cosa si ci riferisce? Mistero!); approvazione dell’Area Contigua del Parco (ovvero, vincoli agli abitanti locali e ai cacciatori!); la “riduzione del rischio di collisioni con autoveicoli” (che mai ci sono stati nel Lazio!); regolamentazione della viabilità forestale (già prevista per legge e in ogni modo di competenza comunale); rafforzamento della sorveglianza e, dulcis in fundo, la solita proposta di un Parco per i Monti Ernici (perché il nemico dell’orso per alcuni resta sempre e comunque il cacciatore)! E tutto ciò “senza alcun onere per la Regione Lazio”. Cioè, anche quel poco che è stato previsto, alla fine non si potrà realizzare proprio per la mancanza dei fondi necessari!
Solo una non notizia-buona notizia si evidenzia: in nessuna delle due iniziative (Parco e Regione Lazio) si parla di studi, ricerche e censimenti: e questa sì è una vera buona notizia!
Siamo in inverno. Gli orsi dovrebbero essere ormai scesi tutti in letargo, risolvendo così da soli i loro problemi. A noi non resta che augurarci che con l’arrivo della primavera giungano anche i fondi del Ministero dell’Ambiente, e, magari delle Regioni, a sostegno delle su elencate proposte dell’Ente Parco.

Murialdo, 2 Gennaio 2014 Franco Zunino
Segretario Generale AIW – già primo studioso sul campo dell’Orso marsicano

Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS) – Codice Fiscale: 90003070662 – Segreteria Generale:
Via Bonetti 71 . 17013 Murialdo (Savona) – Tel/Fax 019.53545 – Cell. 338.4775072 – wilderness.italia@alice.it

 

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Category: wilderness

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Marcello scrive:

    Sarà anche una dichiarazione di intenti, ma come al solito sono penalizzanti solo per i cacciatori.

Leave a Reply


4 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.