Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Fidc: 45′ Assemblea nazionale straordinara

| 23 dicembre 2013 | 5 Comments

45^ Assemblea nazionale straordinaria Federcaccia
Il ciclo si chiude con un altro passo importante verso l’unità

Si è tenuta a Roma l’ultima assise nazionale della Federcaccia del 2013, che ha visto riuniti i presidenti provinciali della Federazione. Annunciato un unico contratto assicurativo per FIdC, ANUUMigratoristi e Arci Caccia. Approvato il bilancio preventivo 2014

FEDERCACCIAPresieduti con brio e polso fermo da Marco Bruni, giovane presidente provinciale di Brescia, sabato 21 dicembre si sono svolti i lavori della 45^ Assemblea nazionale straordinaria della Federazione Italiana della Caccia, ultima del 2013 e di questo ciclo. La prossima infatti, prevista a primavera 2014, sarà l’assemblea elettiva che a conclusione del rinnovo dei quadri dirigenti regionali e provinciali eleggerà il nuovo Consiglio di Presidenza.
Normale quindi il tempo dedicato dal presidente Gian Luca Dall’Olio a ripercorrere nella sua come sempre precisa e a tratti appassionata relazione alcuni passaggi fondamentali che hanno caratterizzato questi anni, oltre a una netta analisi dell’attualità.
Risanamento del bilancio; lancio del progetto “Federcaccia di Domani”, volto a una rivisitazione della struttura federale; creazione dell’Ufficio Gestione Ambientale Faunistico Venatoria; maggiore partecipazione alle iniziative di Face Europa; rinnovato confronto con la società e con i diversi portatori di interesse, sono solo alcune delle iniziative intraprese positivamente nel corso di questo ciclo.
E ultimo, ma certo non meno importante, un forte impegno per la riunificazione del mondo venatorio italiano, che aveva visto una prima tappa significativa proprio all’assemblea nazionale di un anno fa, aprendo alla presenza dei presidenti delle altre Associazioni Venatorie una sorta di costituente volta alla nascita di un nuovo soggetto rappresentativo dei cacciatori.
Un progetto di ampio respiro che dopo 12 mesi di sforzi ha visto un primo concreto risultato che il presidente Dall’Olio ha potuto annunciare: l’accordo raggiunto con ANUUMigratoristi e Arci Caccia di offrire già dal 2014 un unico contratto assicurativo, sottoscritto con un solo broker con condizioni e prezzi uguali in tutta Italia, che consente di superare uno degli innegabili punti di divisione del mondo associativo.
Una pluralità che, come ha sottolineato il presidente, dura da mezzo secolo e che se all’inizio poteva rappresentare nel confronto un elemento positivo, si è rapidamente trasformata in divisione e poi in disgregazione del nostro mondo, e lo ha portato a una progressiva esclusione dal confronto con la società e con le istituzioni. “Parlare con una unica voce è una necessità che esprime anche la nostra civiltà di essere cacciatori. Perché la caccia è civiltà, lo è da millenni, e noi che siamo responsabili di aver fatto perdere questa consapevolezza alla società dobbiamo recuperarla. Per questo considero ritrovare una rinnovata unità un dovere di ogni presidente di Associazione”.
Terminata fra gli applausi la sua relazione, il presidente ha illustrato poi all’assemblea, che lo ha approvato all’unanimità, il bilancio di previsione 2014, ancora una volta in pareggio.
Il presidente ANUUMigratoristi Marco Castellani e Arci Caccia Osvaldo Veneziano, presenti in sala, intervenendo brevemente hanno espresso la volontà e l’invito di accelerare ancor più il processo di unificazione, lavorando con rinnovato impegno sul territorio per invertire l’attuale tendenza che vede la caccia minoritaria, recuperando il ruolo centrale della gestione dello stesso. Solo una forte Federazione che parla con voce unica, ha ricordato in particolare Castellani, può rappresentare i cacciatori e costringere anche gli altri attori esterni al mondo della caccia a rivolgerci attenzione e confrontarsi a un altro livello.
Doveroso citare i saluti e gli auguri fatti pervenire dal presidente Enalcaccia Lamberto Cardia e CPA Alessandro Fiumani, impossibilitati ad essere presenti, che come gli altri presidenti di associazione erano stati, con prassi ormai consolidata, invitati ai lavori assembleari.
Al vicepresidente Lorenzo Carnacina responsabile dell’Ufficio Gestione Ambientale Faunistico Venatoria, il compito di mettere in luce e sottolineare lo spirito che sta alla base del suo funzionamento e l’importanza di disporre di dati e informazioni tecniche su cui basare ogni scelta di politica venatoria. Un compito in cui è stato validamente affiancato dal dottor Michele Sorrenti, responsabile tecnico dell’Ufficio Avifauna Migratoria, che ha ripercorso quanto svolto in questi anni in termini di ricerche e, da soli o in collaborazione con le altre associazioni, nel fornire assistenza agli uffici caccia e agli assessorati nel predisporre calendari corretti o per confrontarsi, uscendone spesso vincenti, con gli innumerevoli ricorsi avanzati avverso i calendari venatori.
“Il lavoro dell’Ufficio Avifauna, insieme a quello dell’Ufficio Fauna Stanziale diretto dalla dottoressa Giorgia Romeo – ha sottolineato il vice presidente Buconi prendendo la parola – è quello che forse più ha permesso ai cacciatori di percepire gli sforzi e il lavoro svolto da Federcaccia. Ma è soprattutto l’esempio di come sia possibile soddisfare la necessità di rispondere alle richieste del nostro mondo agendo in modo da essere utili ai cacciatori e insieme alla caccia. Due cose che anche se può apparire forse paradossale, a una più attenta riflessione appaiono non essere sempre pienamente coincidenti. E l’impegno della Federazione in questi 5 anni è andato sempre in questo senso, con una visione che non si è limitata all’immediato, ma ha considerato conseguenze e programmi di più ampio respiro.
Su iniziativa del vicepresidente Antonio D’Angelo, ampiamente condivisa, la Federazione ha poi proceduto a premiare una rappresentanza dei partecipanti e dei selezionatori ai Campionati del Mondo per cani da Ferma e S.Uberto per gli importanti e prestigiosi riconoscimenti riportati nel corso del ciclo 2009 -2013: ben 60 medaglie e podi che – come ha ricordato D’Angelo – “hanno sì premiato l’impegno dei nostri atleti, ma anche gli sforzi della Federcaccia per mantenere e sostenere il settore sportivo, attraverso il quale si è perseguita una maggiore selezione delle razze da caccia a favore di tutti i cinofili e si è contribuito a promuovere e diffondere quei valori di educazione, etica e disciplina che devono essere propri di ogni cacciatore”.
Le parole del presidente Dall’Olio, che ha ringraziato tutto il Consiglio di presidenza e i dirigenti per il sostegno, l’impegno e il lavoro svolto in questi anni, auspicando che, chiunque ne sia alla guida, Federcaccia proceda anche nei prossimi anni sulla strada del rinnovamento, hanno concluso con un pizzico di legittima commozione i lavori.

Roma, 23 dicembre 2013 – Ufficio Stampa Federazione Italiana della Caccia

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: ANUU, Arcicaccia, Federcaccia

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. valentino carbone scrive:

    bla bla bla chiacchiere chiacchiere chiacchiere parole parole parole,si cambia per rimanere tutto com’è……continuate imperterriti ad offendere l’inteligenza altrui senza vergogna e ritegno….. vi auguro di fare la stessa fine che avete fatto fare la caccia…..!!!!!la stessa fine la devono fare quelli che ancora si tesserano da costoro(cioè la mia stessa categoria)non permettendo a certi dirigenti di farli sparire e costringere l’unione di tutte le federazioni riconosciute(e non)…..ora incazzatevi pure che poi vi faccio correre ad uno ad uno…… non vi si può sentire più ai comunicati di queste e voi che le appoggiate…..!!!!!

    • fabio guidi scrive:

      Rilassati Carbone e guarda di far correre qualcuno dei tuoi corregionali che a noi
      toscani per ora la Fidc va bene così com’è, nonostante tutto e compatibilmente con il periodo che stiamo attraversando, economicamente e politicamente parlando.
      Comunque Buon Natale

  2. Giacomo scrive:

    Risanamento del bilancio; lancio del progetto “Federcaccia di Domani”, volto a una rivisitazione della struttura federale; creazione dell’Ufficio Gestione Ambientale Faunistico Venatoria; maggiore partecipazione alle iniziative di Face Europa; rinnovato confronto con la società e con i diversi portatori di interesse, sono solo alcune delle iniziative intraprese positivamente nel corso di questo ciclo.
    ————————————————————————————–
    Io per la verità con tutto il rispetto per la grande associazione essendo un iscritto, per il nuovo anno mi sarei aspettato anche un bel promemoria articolato per farci capire con molta chiarezza cosa bolle in pentola assieme all’acqua calda. Mi corre l’obbligo dettato dalla mia passione, di ricordare ai dirigenti nazionali Fidc che tra le altre cose dette non vedo cosa si e’ fatto sotto l’aspetto ambientale per contrastare la parco mania ormai divenuta insostenibile? Queste aree ormai vengono istituite per abolire in modo legale la ns. passione e hanno sforato in tutta Italia la percentuale consentita del 30 %. Non vedo negli scorsi anni cosa sia stato fatto contro questa illegalità di aree che continuano ad aumentare a dismisura senza che nessuno delle AAVV abbia mosso un dito ne la mia Fidc ne tutte le altre e domando a lor signori : cosa vi proponete di fare per l’anno prossimo a livello nazionale, regionale e provinciale per incominciare a riprenderci il territorio che ci è stato tolto ? Si.. perché oltre tutto ci sono anche le aree contigue ai parchi e mi riferisco alla mia provincia di Salerno (la più inguaiata a livello nazionale) dove hanno preso un territorio quasi equivalente al parco, di migliaia di ettari ( interi comuni )dove per legge la caccia è consentita solo ai residenti del parco e ai residenti delle stesse aree contigue, per cui altra legge da rivedere secondo il mio modesto avviso. E che dire poi delle nuove disposizioni di rete Natura 2000 su SIC e ZPS, dove tra le altre imposizioni per la beccaccia sempre in questa provincia (SA) è stato fissato un orario dalle 7 alle 12, il che vuol dire altre limitazione che si stanno affacciando per dare man forte ai vari territori vietati. Credetemi, con tutto il rispetto per la mia Fidc che effettivamente nel nuovo contesto si sta impegnando assieme ad altri, non se ne può più siamo arrivati al capolinea e vi prego caldamente di non trascurare queste mie considerazioni che non sono solo mie ma di migliaia di altri cacciatori ! Un augurio di cuore a tutti voi, per un anno migliore sia per la caccia che per tutto quello che interessa la nostra quotidianità. Salutiamo

  3. Baghy scrive:

    Le considerazioni che fai tu caro Giacomo sono le stesse unitamente a tante altre che ci siamo fatti noi cacciatori fuoriusciti tanti anni fa da fidc, se ancora dai lontani anni 90 non avessero predicato a destra ed a manca che dovevamo accettare di collaborare con il variegato mondo degli anticaccia forse non saremmo arrivati a questo improbabile modo di andare a caccia, noto comunque che anche nei più irriducibili federcaccisti qualche breccia si stà aprendo, non per magari aderire ad altre aavv ma semplicemente per far capire a questi ed allora dirigenti dove ci hanno portato, cordialità ed auguri di buone feste, Baghy

  4. ross scrive:

    a caccia è sempre più difficile andarci…
    ora ci si mettono anche i comuni con i piani regolatori
    a individuare aree protette…
    a lorsignori rimangono le gare…finte….

Leave a Reply


8 + 5 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.