Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Bologna: prorogato fino al 2014 il Piano faunistico venatorio

| 18 dicembre 2013 | 0 Comments

cacciatore tramontoBologna: prorogato fino al 2014 il Piano faunistico venatorio della Provincia

Nella seduta di ieri, il Consiglio ha approvato la proroga del vigente Piano Faunistico venatorio provinciale 2007/2012 fino alla fine del 2014. La proroga si è resa necessaria a causa della mancata definizione degli indirizzi regionali per la pianificazione provinciale, vista l’incertezza relativa alla persistenza dell’Ente e alle funzioni della Provincia in materia di gestione della fauna selvatica.

La delibera è stata approvata con 20 favorevoli (Pd e Misto) 5 contrari (Fi-Pdl, Pdl, Lega) e la non partecipazione al voto di Scelta Civica e Udc.

Una nuova pianificazione riguarderà solo gli ungulati, coerentemente con quanto disposto nel protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione Emilia-Romagna e Ispra (Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale). Sempre nella seduta di ieri è stato approvato infatti l’aggiornamento del Piano faunistico venatorio sulle densità-obiettivo e la gestione degli ungulati per il periodo 2014-2018 con 20 voti a favore (Pd e Misto), 4 contrari (Fi-Pdl, Lega, Pdl) e la non partecipazione al voto di Scelta Civica, Udc e Rambaldi-Fi-Pdl.

Il Piano riguarda oltre 40 mila ungulati: 27.360 caprioli, 1.310 cervi, 1.443 daini, e quasi 10.000 cinghiali (dati 2013).

Per capriolo, cervo e daino “le densità indicate nelle diverse aree del territorio provinciale sono state individuate analizzando le caratteristiche ambientali dei singoli territori, e nei casi di rilevante presenza di coltivazioni agricole più vulnerabili sono state scelte le densità più basse tra quelle proposte dalla Regione.” Nelle aree di compresenza di più specie “le densità-obiettivo sono state ulteriormente ridotte”. Per il cinghiale “sono state individuate le soglie di danno economico massimo tollerabile per unità di superficie con valori nettamente inferiori ai danni registrati in questi ultimi anni”. Nelle aree non vocate agli ungulati – tutta la pianura e in molti casi la fascia collinare e la bassa montagna – il Piano “ribadisce l’obiettivo di densità zero per le specie non compatibili” indicando strategie efficienti (censimenti, prelievo venatorio con metodologie specifiche, controllo faunistico) per rimuovere gli animali in dispersione.

L’aggiornamento del Piano individua inoltre “i ruoli e le responsabilità dei soggetti che sono tenuti a svolgere le azioni concrete per conseguire gli obiettivi indicati; per cui oltre alle funzioni specifiche degli ambiti territoriali di caccia si richiamano in particolare i compiti gestionali delle aziende faunistico venatorie, prevedendo in entrambi i casi le possibili sanzioni a carico dei soggetti inadempienti”.

Il Piano infine “insiste sull’esigenza di mantenere un monitoraggio continuo degli eventi di danno causato dagli ungulati, sull’applicazione di tutte le possibili misure di prevenzione e sugli eventuali interventi correttivi da metter in atto al fine di adeguare nel tempo gli strumenti agli obiettivi deliberati”.

http://www.bologna2000.com

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Capriolo, Cervo, Cinghiale, Emilia Romagna

Leave a Reply


+ 6 = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.