Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Umbria: orso bruno attacca due cani da caccia

| 17 dicembre 2013 | 2 Comments

orsoOrso bruno si aggira in Valnerina: attacca due cani tra Cascia e Norcia. Gli esperti confermano
Due segugi in attività di caccia al cinghiale sono stati attaccati. Il dipartimento di Biologia conferma: «Si tratta di orso bruno»

Durante una battuta di caccia al cinghiale, un cane viene trovato morto e un altro ferito. Quella che in un primo momento sembrava un’ipotesi, con il passare del tempo e gli accertamenti compiuti, assume i contorni della ricostruzione più veritiera. I cani sono stati azzannati da un orso bruno, presente in Valnerina .

I particolari Gli episodi risalgono alla giornata di giovedì 12 dicembre. La squadra di caccia al cinghiale Sant’Uberto di Norcia, fra le località Avendita di Cascia e Ocricchio di Norcia, ha constatato il decesso ed il ferimento grave di due segugi già addestrati su cinghiale. I fatti, a circa un’ora di distanza l’uno dall’altro, si sono svolti mentre i cani erano in attività di inseguimento e segnalazione. Il primo cane è stato ritrovato morto, il secondo, a circa cinquecento metri di distanza, è stato ritrovato in stato di shock, accovacciato tra la vegetazione boschiva, con una profonda perforazione nel basso ventre.

Gli esperti Per un approfondimento sul caso è stato coinvolto il dipartimento di Biologia cellulare e ambientale dell’università di Perugia. Da quanto diffuso dal dipartimento, con una nota a firma dei professori Bernardino Ragni e Simone Alemanno, «un grande carnivoro con fauci amplissime, completamente spalancate, ha azzannato il cane (quello morto) dall’alto, in perpendicolare sul dorso, sollevato l’animale e scosso violentemente. Il cane dovrebbe essere giunto a morte quasi subito. La poderosa azione di offesa non può che essere stata effettuata da un orso bruno (Ursus arctos) di taglia medio-grande. Molto probabilmente, in cerca di un’area per lo svernamento ma sentendosi minacciato dal ripetuto inseguimento, il grande carnivoro ha attaccato i due cani allo scopo di difendersi».

Avvistamenti «Negli ultimi anni – è scritto ancora nella nota – la presenza dell’orso bruno è stata più volte accertata in Valnerina, sia tramite ritrovamento di reperti oggettivi che in base a testimonianze di coloro che hanno compiuto osservazioni occasionali. L’intero settore geografico presenta infatti una elevata idoneità ecologica per la specie». Gli esperti del dipartimento, attraverso la nota, suggeriscono, la riduzione delle attività di caccia per alleggerire la pressione sull’animale e una approfondita informazione ai cittadini sui comportamenti da tenere in caso di avistamento.

http://www.umbria24.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Cinghiale, Umbria

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. eraldo martelli scrive:

    Molto bene, in Umbria ci mancava solo l’orso bruno per completare la presenza dei grandi mammiferi. Ora siamo tutti, e il consiglio degli esperti quale sarà mai? “Gli esperti del dipartimento, attraverso la nota, suggeriscono, la riduzione delle attività di caccia per alleggerire la pressione sull’animale e una approfondita informazione ai cittadini sui comportamenti da tenere in caso di avistamento.
    Ridurre la caccia per non disturbarlo, in una zona confinante con un grande parco piena di lupi, cinghiali e altri ungulati che di problemi ne provocano molti, a me sembra una barzelletta.
    Quale consiglio daranno al cittadino, sprovvisto di fucile, che potrebbe trovarselo davanti?  Di sdraiarsi a terra e fingere di essere morto? 

  2. m scrive:

    Gia….alla fine sempre la stessa soluzione, limitare l’attività di centinaia o migliaia di persone pare far spazio a un animale che probabilmenete non ha nemmeno il compagno per accoppiarsi,quindi fine a se stesso….ma??

Leave a Reply


2 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.