Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana: i cacciatori calano del 6,5%

| 13 dicembre 2013 | 6 Comments

cacciatore tramontoCACCIATORI, DRASTICO CALO IN TOSCANA
Sono meno di 87 mila, più di metà oltre 60 anni

Cacciatori in caduta libera in Toscana. Il dato che mostra come le doppiette siano in vertiginoso calo è emerso stamani, durante il convegno sul tema “Strategie e proposte per l’equilibrio naturale del territorio: cinghiali, caprioli, daini, cervi e mufloni in Toscana”, organizzato dalla Regione Toscana all’auditorium del Consiglio regionale a Firenze.

I cacciatori toscani che hanno esercitato l’attività venatoria nel 2012 sono stati 86.983, con un calo del 6,5% rispetto all’anno precedente. Erano 106 mila nel 2007, ma a metà anni ’90 se ne contavano circa 160 mila e nei primi anni ’80 erano 270 mila. Anche l’età avanza: il 55 % dei cacciatori attivi ha infatti più di 60 anni. Solo 3178 sono i giovani fra i 18 e i 29 anni.

Diminuiscono anche le squadre di caccia al cinghiale che risultano 638 nel 2011, erano 668 nel 2006.

Crescono gli ungulati: circa 180 mila cinghiali e oltre 160 mila caprioli

Secondo una legge naturale, se calano i predatori (nella fattispecie i cacciatori) crescono le prede, nella fattispecie gli ungulati.
I caprioli, che erano circa 140 mila nel 2007, sono diventati oltre163 mila nel 2011. I cervi sono passati dai circa 3600 del 2007 ai quasi 4200 del 2011. I daini erano circa 7600 nel 2007, sono diventati oltre 8400 nel 2011. E i cinghiali? Le stime dicono che i cinghiali sono il doppio di quelli che vengono abbattuti. Siccome i cinghiali abbattuti erano circa 80 mila nel 2007, e nel 2011 erano circa 90 mila, ne deriva che i cinghiali in Toscana sono all’incirca 180 mila, contro i circa 160 mila del 2007.
Anche per le altre specie sono aumentati gli abbattimenti: da circa 16 mila 700 caprioli abbattuti nel 2007, si è passati a quasi 23mila e 800 nel 2011. Per i cervi si è passati da 354 a 697, i daini da 1647 a 2171.

Danni all’agricoltura: gli ungulati responsabili per più dell’82%

Ed ora il capitolo danni. Nel 2007 i danni risarciti per la fauna selvatica sono stati circa 2 milioni e mezzo. L’81% per oltre 2 milioni di euro, erano causati dagli ungulati, il 69%, pari a 1 milione e 720 mila euro, dalla sola specie cinghiale. Nel 2011 l’ammontare in denaro dei danni risarciti è diminuito, per effetto dei sistemi di contenimento adottati ma in percentuale i danni da ungulati sono saliti all’83 % del totale.
Le colture più colpite risultano quelle cerealicole, seguono le colture viticole e le olivicole.

13/12/2013 13.49
Regione Toscana

http://met.provincia.fi.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Toscana

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ennio scrive:

    ….in Toscana i cacciatori sono calati del 6,5%…e così anche  in altre regioni….pertanto  per coloro che insistono ,il prossimo anno avranno aumenti di circa  il 6% nei propri ATC………… :roll:

  2. fiore scrive:

    vedo che siamo già al punto di considerare caccia solo quella di selezione!  un’altro passo avanti verso la non considerazione di chi si leva alle 4 per tirare a un tordo o a quattro allodole…. per me quella era la caccia.
     

  3. andrea scrive:

    Cari amici cacciatori, tra 10 anni non solo in Toscana ma in tutta Italia andremo a caccia come in Europa e cioè a pagoooooooo……..
    il dato toscano è solo l’inizio di una lunga discesa che ogni anno sarà incrementata da crisi e mancanza di selvaggina…

  4. nencio scrive:

    3178 sono i giovani tra 18 e 29 anni.  
    ma dove volete andare ?  e si parla di Toscana, la regione della caccia……….
    ricordo a tutti che son dati del 2012, vorrei vedere quelli del 2013 dove sicuramente c’è un calo 10 % circa…..

  5. stefano scrive:

    Caro nencio, tra 10 anni non ci saranno più atc, associazioni venatorie perchè non ci saranno più cacciatori…….
    i pochi che rimarranno dovranno sborsare un monte di soldi per poter andare a caccia !

  6. luigi scrive:

    Con la considerazione della gente nei confronti dei cacciatori, con le leggi che ci sono, con la selvaggina che c’è ( non c’è più niente ) come si va caccia e quindi come si è o può diventare cacciatori? se lo dovevano aspettare le bene merite aavv e, come si suol dire, “piangere il morto sono lacrime perse”.

Leave a Reply


3 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.