Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Pesaro: Gli italiani e la caccia

| 10 dicembre 2013 | 1 Comment

Italiani cacciaGLI ITALIANI E LA CACCIA
La percezione dell’attività venatoria affidata ai numeri

Venerdì 13 dicembre, ore 18
Pesaro, Cruiser Hotel

L’incontro – Venerdì 13 dicembre, alle ore 18, il Cruiser Hotel di Pesaro ospiterà l’incontro “Gli italiani e la caccia”, organizzato da Benelli Armi Spa, Cncn (Comitato Nazionale Caccia e Natura), associazioni venatorie aderenti a Face Italia (Federcaccia, Liberacaccia, Enalcaccia, Anuu Migratoristi) e Arcicaccia.
Interverranno il Prof. Enrico Finzi, direttore di Astra Ricerche, Fabio Musso, docente dell’Università di Urbino, il giornalista Oscar Giannino nel ruolo di moderatore, Antonio Morabito, responsabile Nazionale Fauna di Legambiente, Claudio Gagliardini, Vice Direttore di Coldiretti Marche, Francesco Martinoni, Presidente Confagricoltura Brescia, Gianluca Dall’Olio, Presidente Nazionale Federcaccia, Giampiero Sammuri, Presidente di Federparchi, Giovanni Pellielo, Campione mondiale di Tiro a Volo (disciplina Trap), Giovanni Ghini, Presidente Cncn e Giulio Orlandini, capo redattore della rivista Armi e Tiro.
Lo scopo dell’evento è quello di approfondire in maniera scientifica temi che troppo spesso risentono di opinioni fondate sulla scorta dell’onda emotiva.

I numeri – Al centro del dibattito, che rappresenta un importante momento di dialogo tra mondo venatorio ed associazioni ambientaliste, ci saranno i dati raccolti dall’indagine demoscopica condotta nel 2013 dal Professor Enrico Finzi per il Comitato Nazionale Caccia e Natura (Cncn), Face Itala e Arcicaccia. La ricerca si basa su 2.025 interviste somministrate a un campione rappresentativo degli Italiani dai 18 agli 80 anni, pari a circa 46,1 milioni di adulti.

Le sorprese – Quanto emerso è confortante per il mondo venatorio. Secondo l’indagine infatti i favorevoli alla caccia dal 2010 al 2013 sarebbero passati dal 53 al 56%, un aumento di tre punti in tre anni. Ma c’è di più: quasi la metà degli italiani in un modo o nell’altro condivide lo sport venatorio. Risulta infatti che il 49,2% dei nostri connazionali o lo pratica o l’ha praticato o almeno si accompagna ad altri che lo praticano. In particolare, per quanto riguarda l’ultima fattispecie, il 28% dei 18-80enni frequenta amici, colleghi, conoscenti che vanno a caccia e il 20% ha o ha avuto uno o più famigliari cacciatori.

Il ruolo dell’informazione – Se queste sono le cifre che dimostrano l’aumento di quanti sono favorevoli alla caccia, è parimenti interessante notare come tra coloro che si dicono contrari si riscontri una scarsa conoscenza del mondo venatorio. Una delle conclusioni a cui arriva l’indagine è così riassunta dal Prof. Finzi: “Appare chiaro che, qualora la pubblica opinione fosse resa largamente edotta del fatto che in Italia non è consentita la caccia ‘selvaggia’, il favore per l’attuale attività venatoria, in quanto responsabile e sostenibile, crescerebbe in misura consistente”.

I trend – In realtà sono tre le tendenze da tenere in considerazione. Oltre all’incremento di tre punti percentuali dei favorevoli esistono infatti due altri trend che vanno opportunamente evidenziati: il calo della radicalizzazione degli ostili alla caccia e la crescita, tra i favorevoli, di coloro che sono semi-vicini all’attività venatoria, avendovi partecipato come accompagnatori oppure essendo a contatto con familiari e amici che la praticano.

Il commento di Finzi ai dati raccolti- “Cruciale è sempre la questione dell’informazione sulla caccia. Questa analisi ha infatti confermato le previsioni, vedendo aumentare i consensi per l’attività venatoria proprio in corrispondenza di un aumento di conoscenza su come essa è praticata in Italia. Al di là di una parte della popolazione che odia la caccia e non l’accetterà mai, la partita si gioca sugli indecisi, tuttora in larga parte all’oscuro delle numerose regolamentazioni e dei rigidi limiti imposti alla caccia. Quando il mondo venatorio riesce a spiegare il senso e il perché della caccia allora gli italiani, in buona parte, sono pronti ad appoggiarla”.

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: ANLC, ANUU, Arcicaccia, CNCN, Coldiretti, Enalcaccia, FACE, Federcaccia, Incontri/Dibattiti, Marche

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. laser scrive:

    Quando finalmente capiremo che dobbiamo farci sentire, farci vedere, spiegare alla oramai popolazione urbanizzata, quale e’ il nostro compito, quanto paghiamo,anche; spiegare che le cause degli ultimi disastri avvenuti in sardegna, nelle marche in puglia sicilia basicata calabria, sono causa, si di eventi piu’ intensi, ma anche della non piu’ gestione di fiumi e terreni, se i letti dei fiumi sono pieni di dettriti e sedimenti e non vengono ripuliti ed abbassati perche’ questa o quello non vuole, e’ ovvio che alla prima pioggia piu’ intensa l’acqua passa di fuori perche all’interno non vi e’ piu’ spazio, se gli alberi non vengono fatti potare per i motivi che sappiamo, sviluppano una chioma abnorme che in caso di vento forte si comporta come una vela e fa’ cadere l’albero.
    E non entro nella questione parchi oasi o riserve, alla quale dovrebbe essere dedicato un capitoloe non solo a parte, soprattutto in fatto di costi…..

Leave a Reply


+ 3 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.