Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Società di energia eolica condannata per la morte di uccelli protetti

| 6 dicembre 2013 | 1 Comment

Società di energia eolica condannata per la morte di diversi uccelli protetti

Tante volte abbiamo parlato dei problemi provocati dalle turbine eoliche alla fauna, in particolare gli uccelli spesso vittime delle pale.
Sebbene, però, molte compagnie proprietarie degli impianti facciano (furbescamente) orecchie da mercante, arriva la prima sentenza storica.
Protagonista è la Duke Energy, una società del North Carolina (Stati Uniti), che dovrà pagare una multa di un milione di dollari per aver causato, dal 2009, con le proprie turbine la morte a 14 aquile reali e ad altri 149 uccelli.
Per certi aspetti si tratta di un errore grossolano commesso dall’azienda americana: prima di dare inizio ai lavori di costruzione della centrale eolica, infatti, la US Fish and Wildlife Service (USFWS) li aveva avvertiti della presenza di specie di uccelli protetti nella zona e dell’alto rischio di poterli uccidere soprattutto durante le loro fasi migratorie.
Un vero e proprio reato che in America viene contemplato specificatamente da una Legge, la così detta Migratory Bird Treaty, che tutela oltre mille specie di uccelli negli Stati Uniti.
Non solo: ora, oltre al risarcimento economico, la Duke Energy dovrà immediatamente correre ai ripari per limitare al minimo ogni altro danno alla fauna.
Si parla addirittura di installare un sistema laser in grado di “riconoscere” il flusso migratorio degli uccelli e, in tal caso, arrestare automaticamente le turbine.
Ma non basta: l’azienda dovrà anche contribuire al progetto di ripopolazione delle aquile reali con un ulteriore esborso di altri 340 mila dollari.
Come dire: chi sbaglia, paga…

http://www.improntaecologica.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Category: Curiosità

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Me lo ricordo benissimo, quando a dire che le pale sono uno scempio inutile sono stati i cacciatori è accaduto il finimondo. E poi per installarne una sola , UNA, ci vogliono DUEMILIONi ( 2.000.000 ) di Euro, che gli ambientalisti domenicali ( finti ) mi dicano se non è uno spreco. Con duemilioni di euro spesi diversamente si potrebbe fare qualcosa di molto più utile ,oltre che salvare la vita agli uccelli che non avrebbero il “”frullino “” tra le ali  :evil: :evil:

Leave a Reply


6 + = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.