Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Mantova: Stop alla caccia alla selvaggina stanziale

| 3 dicembre 2013 | 14 Comments

cacciatoreMantova: Stop alla caccia alla selvaggina stanziale

Chiusura anticipata della caccia: da oggi (2 Dicembre 2013 ndr) è stop alla caccia alla selvaggina stanziale, cioé lepri, fagiani e starne in tutti gli ambiti territoriali di caccia. L’ultimo giorno utile è stato ieri.
I comitati di gestione di tutti i sei ambiti territoriali mantovani hanno accertato attraverso il monitoraggio dei carnieri riportati sui tesserini venatori, che è stato raggiunto il numero massimo dei capi di fauna selvatica prelevabili.
La Provincia ha quindi ritenute motivate le richieste di chiusura anticipata della caccia alla selvaggina stanziale avanzate dagli stessi ambiti territoriali.

http://gazzettadimantova.gelocal.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Lepre, Lombardia

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. tortoioli claudio scrive:

    Vergogna, vergogna la caccia non è soltanto carniere veri pazzi ma dove sono le associazioni venatorie, i veri  colpevoli.

  2. eraldo martelli scrive:

    fatemi capire come funziona da voi, ogni quanto tempo si devono comunicare i dati dei  capi abbattuti?  Oppure chi è che fa i monitoraggi? Grazie

  3. ennio scrive:

    ma come hanno fatto ad appurarlo???…chi gli li  comunica??? ma come funziona lì??

  4. fausto scrive:

    campioni di ridicolaggine a reggio emilia!!!!!!!!

  5. peppol@ scrive:

    ogni ambito da le schede di monitoraggio che settimanalmente vanno mandate in provincia…quando si raggiunge il limite chiudono…prima che i soliti dicano che i cacciatori non segnano, sappiate che a bergamo per esempio, se non mandate le cartoline la chiudono per mancanza di selvaggina

  6. Springer scrive:

    Giusto fare cosi’….L’alternativa…? Azzerare la popolazione di stanziale e ricominciare da capo con capi di allevamento di cui oltre la meta’ muoiono o vengono predati entro i primi 70 giorni ( dati stradila appurati ) . Soldi spesi inutilmente che dovrebbero avere un altro indirizzo . Magari…e dico magari….opere di riqualifica del territorio e habitat visto che girando per le campagne , sulla necessita’ di  interventi del genere se ne vedono in quantita’ industriale. Questo andrebbe a beneficio di tutta la Fauna…cacciabile e non…Stanziale o Migratoria.
    Dovrebbe essere cosi’ in tutta Italia….ma piano piano ci si arriva . E ripeto…e’ giusto cosi’ se si vuol parlare di Caccia e di selvatici stanziali e non squallida parodia di questa /i … :wink:  
    Per quanto riguarda le schede di monitoraggio e’ come dice Peppola : segni…mandi la scheda ….vengono effettuati i conteggi e raggiunto il limite si chiude. Bergamo ha avuto il coraggio di andar oltre per evitare la logica furbata ( del cacciatore ) di non segnare il capo con la speranza di non far raggiungere il numero che porti alla chiusura. Se segni vai a caccia fino al numero consentito. Se non segni vuol dire che di selvaggina stanziale non ne hai trovata perche’ ce n’e’ poca e quella poca deve essere salvaguardata per la stagione successiva . Il tutto per ricreare quella popolazione SELVATICA Stanziale che dopo decenni di prontacaccia si e’ completamente estinta…

  7. tortoioli claudio scrive:

    Springer, scusami ma non condivido assolutamente nulla.
    Scusami ancora, ma in questo paese a forza di far passare i veri cretini per teste eccellenti siamo finiti come tutti  possiamo purtroppo vedere ogni giorno.
    La caccia non è solo e soltanto carniere, si può uscire con il cane e non incontrare stanziale ma comunque sei andato a caccia respirando aria pura e magari incontrando una beccaccia.
    Questo vigliacco giochino è pericolosissimo, e tende indirizzare i cacciatori negli ambiti privati per cacciare polli di allevamento di cui sono pieni i recinti del nord e del sud Italia.
    Questo l’unico e solo obbiettivo, di un provvedimento illegale ed incostituzionale, totali responsabilità delle associazioni venatorie.
    Vergogna informatevi bene  prima di fare assurdi apprezzamenti, come si caccia nel resto d ‘Europa …………………..
     
     
     

  8. Springer scrive:

    Opinione rispettabilissima la tua come e’ ( dovrebbe essere senza dovermi vergognare nell’esprimerla ) la mia . Dici che sarebbe anche bello andare in giro con il cane senza incontrare nulla…? Beh…se a te sta bene…a me no…Non spendo fior di quattrini ogni anno per andar in giro in un Ambiente malato per di piu’ con ZERO selvaggina presente e nel caso la incontrassi con nessuna attitudine selvatica. Ti stanno bene i ripopolamenti con animali di allevamento di cui oltre la meta’ muoiono entro i primi 70 giorni…? Ottimo… Farai ingrassare qualche allevatore di selvaggina e coronerai il tuo desiderio a pochi giorni dall’apertura di andare in giro con il cane senza incontrare nulla. Preferisci il lancio di Stanziale il Venerdi per il giorno dopo e magari sapere anche dove lanciano cosi’ puoi andare a cacciare animali che ti guardano inebetiti senza nemmeno sapere cosa sta per succedergli da li a pochi istanti ? Perfetto…sara’ il tuo desiderio ma non il mio e converrai con me che questa non e’ Caccia  ma fucilazione . Dici che devo informarmi su come si caccia ( regole )  la Stanziale all’estero…? Io lo so…forse non lo sai tu…Informati  :wink: Sostieni che questo portera’ a cacciare in Aziende private…? Beh…il cacciatore vero capira’ la necessita’ di questi provvedimenti e continuera’ a cacciare nel suo ATC…Lo sparatore sapra’ dove rivolgersi per dar sfogo alla sua fame di squallida parodia della Caccia. Non ha i soldi per farlo..? Vorra’ dire che o si adeguera’ alle regole continuando a cacciare a 100 euro l’anno ( magari di piu’ o magari di meno ) nel suo ATC …oppure appendera’ la doppietta al chiodo e nessun vero cacciatore e serio gestore di ATC ne sentira’ la mancanza.
    P.S. E’ un invito che ho fatto qualche settimana fa e che ripeto: acquistate ( acquista visto che parli senza conoscere ) il libro ” La gestione Faunistica e Venatoria del Fagiano “….li c’e’ scritto tutto e sono principi validi per tutti i tipi di selvaggina stanziale…non solo per il Fagiano. Il perche’ e’ economicamente svantaggioso pensare al ripopolamento come unica soluzione , cosa comporta azzerare per poi immettere animali di allevamento sul territorio e /o all’interno di una popolazione selvatica…e alla fine perche’ si e’ arrivati negli anni a non avere una Stanziale selvatica degna di tal nome… Conoscere vuol dire valutare meglio determinate scelte gestionali e non parlare a vanvera tanto per dar fiato alle trombe…  :wink:

    • Springer scrive:

      Claudio dimenticavo : Guarda che chiudere la caccia alla Stanziale non vuol dire CHIUDERE LA CACCIA. Se vai in cerca di Beccaccia o altro lo puoi fare tranquillamente . Vuol dire chiudere la caccia solo alla Stanziale…Preciso perche’ da quello che hai scritto mi sa che non l’avevi intuito…  :wink:

  9. tortoioli claudio scrive:

    Caro  Springer io caccio soltanto selvaggina vera, sono assolutamente contro ripopolamenti estivi, e tutto il resto che non è assolutamente caccia.
    Sappi che da noi si incontrano fagiani veri anche a fine dicembre, l’anno scorso il mio ultimo del 2012 il 24 dicembre.
    Ci sono zone, ed ATC che dovrebbero chiudere dopo tre settimane dall’apertura, se la regola è la mancanza di selvaggina.
    Quindi come puoi capire quello che sostieni è un’assoluta fesseria, che non ha precedenti, i calendari fissano date che vanno rispettate, i cacciatori pagano il rinnovo delle licenze anche in base alle regole e tempi stabiliti non derogabili, credo che questo sia ineccepibile, quindi nessuna chiusura prima dei tempi stabiliti dai calendari regionali.
    Se mettiamo in discussione questo, allora crolla tutto, non aggiungo altro in merito immagino sia più che sufficiente.
    Estero di cosa parliamo? Romania si caccia dal 15 luglio al 28 febbraio da alba e tramonto senza limite di carniere.Oppure Germania dopo la chiusura della caccia, si continua con il contenimento delle specie invasive e dannose per l’ambiente e le coltivazioni fino alla riapertura.
    OPPURE VOGLIAMO PARLARE DELLE AGRITURISTICHE SPARSE OVUNQUE IN ITALIA DOVE SI CACCIA TUTTO L’ANNO, CHE VOGLIONO E SPINGONO NELLA DIREZIONE CHE TU SOSTIENI.
    SAPPI CHE IO HO FONDATO UN’ASSOCIAZIONE IN DIFESA DELLA CACCIA, LAVORIAMO TUTTO L’ANNO IN CATTURE DI CORVIDI 500 SOLTANTO NEL 2013, SEMINE PER SELVAGGINA, RIPOPOLAMENTI E MOLTO ALTRO, QUINDI MAI , MAI CHIUDERE 
    UN CORDIALE SALUTO 
     
    Mai un vero cacciatore deve sostenere provvedimenti di limitazioni di agibilità venatoria.
     
     
       

    • Springer scrive:

      Vedi…lo sapevo che non sapevi… :-D. Parli di caccia in Romania da Luglio a Febbraio senza limite di carniere in maniera assolutamente generica…La Caccia in Romania alla Stanziale ( Fagiano e Starna visto che e’ il tema dell’articolo su cui stiamo ” discutendo ” ) ha date di apertura e chiusura fissate in linea ” generale ” ma a seconda della destinazione diverse fra loro. Il principio che accomuna i luoghi dove oltre a cacciare si GESTISCE tale popolazione , e’ che si possono Cacciare solo i maschi ( di Fagiano perche’ ovviamente per la Starna diventa difficile poterlo fare ) e che si parte da meta’ Ottobre essendo quello il momento temporale dove i giovani sono gia’ formati e gli adulti si sono ripresi dal periodo riproduttivo .La differenza fra limitarsi a cacciare una specie e GESTIRLA sta tutta li . L’ altro errore che commetti e’ che fai riferimento a Stati con condizioni assolutamente differenti dal nostro. La Romania ad esempio e’ poco ( ma veramente poco ) piu’ piccola di noi come superficie , ma con una popolazione un terzo della nostra e con agricoltura – industrializzazione e infrastrutture viarie arretrate rispetto alla nostra . Quindi SICURAMENTE la loro popolazione stanziale sara’ di gran lunga piu’ numerosa della nostra ( ma nonostante questo la cacciano con regole e limiti maggiori dei nostri ) e quindi sono paragoni improponibili se si vuole dibattere seriamente un argomento ….. E se li come in altre nazioni vai a caccia in luoghi dove questi limiti non esistono e’ come andare a caccia in Italia in A.F.V. . Non cambia assolutamente nulla : animali di allevamento trovi qua….animali di allevamento trovi la… :wink:
      Concludi dicendo che un vero cacciatore mai deve sostenere provvedimenti di limitazioni di agibilita’ venatoria . Principio in linea generica  assolutamente valido e che condivido se questi sono solo limiti nel senso pieno del termine ; cioe’ non dettati da oggettiva necessita’. Ma in Italia , sempre riferendomi alla Stanziale , credi veramente non ci sia NECESSITA’ di smetterla con modalita’ di caccia e ripopolamenti come ”  unica soluzione gestionale ” che hanno dato in decenni zero risultati , trascurando parallelamente quello che dovrebbe essere il compito e desiderio di ogni CACCIATORE : quello di avere / ricreare un Ambiente consono allo svolgimento della sua attivita’  consequenzialmente consentendo  il ritorno di quella stanziale selvatica scomparsa ormai ovunque tranne in pochi e fortunati luoghi ( tipo il tuo ) che non necessitano di tale inversione di tendenza ? E come puoi dirti amante della caccia a selvatici veri se avalli scelte gestionali fallimentari e se non capisci l’importanza di darsi un limite sia temporale che numerico basato su quanti soggetti stanziali puoi cacciare in quel dato posto senza ridurne il numero sotto la soglia di ” loro ” sopportabilita’…?  Solo perche’ da te non ce n’e’ necessita’ e degli altri chissenefrega…? E beh….non e’ un bel modo di ragionare . Dici che quello che sostengo e’ un’autentica fesseria….E vabbe’…lo sara’ pure :-D   , ma questa fesseria e’ lo spartiacque che divide chi fa della caccia un’attivita’ dettata dal solo portar a casa qualcosa ” di qualsiasi origine e qualita’ si tratti interessa un fico secco ” e invece chi vorrebbe ricreare dopo decenni di scelte gestionali sbagliate le condizioni per poter cacciare selvatici stanziali veri con la consapevolezza e serenita’ d’animo di aver fatto si che da una parte questi siano tornati ad esistere  - non minandone la sopravvivenza futura dall’altra . Se ce ne fossero di piu’ di fessi idealisti come me si andrebbe a caccia meglio  . Pazienza… :wink:
      Un cordiale saluto a te…  :wink:

  10. tortoioli claudio scrive:

    Buonasera Springer , grande rispetto per le tue idee e posizioni, forse non so? fammi sapere meglio.
    Guarda che da noi a settembre abbiamo veramente tanti fagiani nati e anche lepri e starne, forse il tuo forte desiderio è anche dovuto alla scarsità di selvaggina già da inizio stagione.
    Certamente la gestione con la 157 e ATC è molto carente, noi cerchiamo di sopperire in proprio questi limiti con l’associazione di cui ti parlavo che abbiamo chiamato,
    ASSOCIAZIONE VENATORIA AMBIENTALE NATA LIBERA PERUGIA 
    Se vieni in zona fammi sapere, magari onrganiziamo una delle nostre riunioni, mi farebbe veramente piacere,  Ciao Springer un Cordiale Fraterno saluto e Auguri di Buone Feste e Felice Anno Nuovo, e sempre viva la caccia

  11. Springer scrive:

    Grazie dell’invito Claudio…ma siamo lontanucci ( io sono di Milano ) e gli impegni di lavoro mi consentono veramente pochissimo tempo per spostarmi…Ma l’occasione ci sara’ . Prima o poi riusciro’ a partecipare al Meeting del Cacciatore .Com per conoscere di persona chi conosco qua solo virtualmente… :wink:
    Buone feste e felice anno nuovo anche a te e condivido : sempre Viva la Caccia :wink:

Leave a Reply


8 + = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.