Un po’ di noi

| 2 dicembre 2013 | 4 Comments

Un po’ di noi

Quando un cacciatore se ne va, inevitabilmente va via un pezzo della nostra storia. Nel caso in cui chi ci lascia, ha rimarcato la con la sua presenza, ha testimoniato con la sua cultura, lasciando tracce indelebili nel mondo rurale e venatorio e più in generale nella società civile tutta, a maggior ragione possiamo ritenere che ci viene a mancare qualcosa. Di li a dire che se ne va anche un po’ di noi il passo è breve, anche perché pur se con discrezione e modestia ne facciamo parte, con le nostre piccole storie di uomini comuni e quasi invisibili, comunque consapevoli di essere e appartenere ad un mondo mistico e affascinante come quello venatorio, che affonda le sue radici nella notte dei tempi.

Nei giorni scorsi, per la precisione il 30 novembre è ricorso il 3° anniversario della scomparsa del maestro Pinotti cacciatore Antonio, ed in questo lasso di tempo a molti di noi è successo di perdere qualche amico o compagno di avventure venatorie, e con questa mia intendo onorarli tutti, anche coloro che non ho mai conosciuto se non attraverso le testimonianze di amici comuni.
Personalmente oltre il già citato grandissimo Antonio, ricordo con affetto e stima un amico conosciuto prima sul WEB e poi di persona, che ci ha lasciato il 16 agosto c. a. il 26 p. v. avrebbe compiuto 76 anni. Come il maestro Pinotti, anche Salvatore Fareri, per gli amici Nino, da umile uomo invisibile dei boschi qual’era ha provato a fare qualcosa per aiutare il mondo venatorio, il nostro grande malato, il cui versa in condizioni pietose. Per aiutarlo alcuni anni fa, ha fondato il movimento di pensiero: NATURALMENTECACCIA, sulle prime ci sono state adesioni a frotte e grande entusiasmo, ma poi come tutte le iniziative volte a dare una sferzata al nostro mondo sempre più debole e abulico, si è afflosciato così come si era galvanizzato. Non sto a fare la cronistoria sarebbe lunga e complicata, e non è ciò che mi sono prefisso, ma alla fine siamo rimasti in pochissimi a crederci, lui sfiduciato per la pigrizia e il torpore in cui sono caduti la gran parte di noi, se ne è tirato fuori. Eppure non aveva chiesto soldi a nessuno e neppure aspirava a poltrone. Mi fermo qua.
Come già scritto in precedenza, questa pagina vuole solo ricordare chi ci è stato vicino e condivideva i nostri stessi sapori, i nostri stessi valori, e quella vita all’aria aperta, che essa sia in pianura, in collina come in montagna, purché sempre immersa nel verde della natura, quella natura che da sempre è fonte della nostra vita. Ed è per questo che quando muore uno di noi muore anche un po’ di noi, e ci rende leggermente più “poveri”.
…………………………………………………………………………………………………………………………………..
Questi puntini valgano per qualche attimo di raccoglimento in loro memoria.

Pasuale Cinquegrana

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Dite la vostra

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Francesco Cattani scrive:

    Con il massimo rispetto sia per l’amico Antonio che di Salvatore,con il quale ho avuto più di uno scambio di idee,ma sono,purtroppo l’espressione,non più vivente,delle divisioni che hanno distrutto e stanno distruggendo la caccia.Le loro idee potevano rappresentare la chiave di volta della rifondazione della nostra categoria ma purtroppo ora non ci sono più e non siamo stati capaci di portare avanti le loro idee e sfruttare il loro entusiasmo che andava oltre la loro rispettabile età.

  2. *Antonio scrive:

    Il vuoto e l’immensa tristezza che resta quando muore  uno di noi, è come una macchia indelebile appiccicata ad un quadro bellissimo che solo  un maestro dall’incomparabile bravura avrebbe mai potuto creare…
    *Cacciatore a vita  

  3. emilio scrive:

    Ringrazio per aver ricordato queste due nostre  grandi  perdite

  4. Attila scrive:

    Con Antonio e Nino, tanti altri amici, e il papà di una cara amica, oltre che suo grande maestro.  

Leave a Reply


9 + = 18

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.