Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Liguria: il comunicato del coordinamento delle Ass.Venatorie

| 27 novembre 2013 | 3 Comments

cacciatore fucileIn merito all’ordinanza del Consiglio di Stato n. 4683/2013 di oggi 27 novembre 2013 con la quale viene resa nuovamente praticabile l’attività venatoria in Liguria con le regole riportate nel primo calendario venatorio approvato dal Consiglio regionale nel maggio scorso (DCR n. 11 del 7/5/2013) il Coordinamento delle Associazioni venatorie della Liguria (Federazione italiana della caccia, ANUU Migratoristi, Libera Caccia, Arci Caccia, Enalcaccia):

• Riscontra con soddisfazione che le tesi tanto enfatizzate dalle Associazioni ricorrenti sono state disattese oltre che dal Tar Liguria anche dal Consiglio di Stato.
• Si rammarica del fatto che per motivi pretestuosi ed infondati e grazie a cavilli procedurali i Cacciatori liguri abbiano dovuto subire ingiustamente la perdita di numerose giornate di caccia.
• Si impegna a valutare ogni ulteriore e futura azione tesa alla difesa della categoria e all’indennizzo del danno subito.
• Ringrazia gli Uffici della Regione Liguria per il lavoro svolto e per l’impegno profuso.
• Ringrazia i propri legali dello studio genovese del prof Alberti ed in particolare gli Avvocati Mozzati e Balletti per il supporto e per l’ottima attività difensiva espletata.

Il Coordinatore Regionale Matteo Anfossi

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , , ,

Category: ANLC, ANUU, Arcicaccia, Enalcaccia, Federcaccia

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. marcello scrive:

    ora è tempo per una bella causa civile  di risarcimento danni,così si dovranno attrezzare conavvocati e andare in tribunale,poi vediamo se hanno ancora voglia di scherzare!!

  2. adriano scrive:

    care associazioni venatorie non vi ho mai sentito dire dei risarcimenti xle giornate perse e …allora svegliatevi subito richiesta risarcimenti se ne siete capaci altrimenti DIMETTETEVI xnoi cacciatori non avete mosso un dito ora riscattatevi chiedete isoldi indietro x le giornate perse (:i)

  3. totò scrive:

    Secondo il mio punto di vista, la Regione Liguria, dovrebbe fare un prolungamento della chiusura della Caccia Regionale, facendo recuperare le giornate perse(in primavera emigrano più animali), oppure rimborsare i danni. Saluto tutti i Cacciatori Liguri (:i)

Leave a Reply


6 + = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.