Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Lombardia e Veneto: guerra sulla reciprocita’

| 22 novembre 2013 | 5 Comments

«I cacciatori lombardi? A casa loro»
Salvelli: «Vanno accolti solo se provengono da regioni dove si rispetta la reciprocità: nel Bresciano noi veronesi non possiamo sparare»

cacciatore fucileA metà stagione venatoria, il presidente della sezione di Verona di Federcaccia, Alessandro Salvelli, lascia la doppietta per imbracciare il bazooka in vista dell’approvazione del nuovo Piano faunistico regionale, la carta che regolamenta l’attività di ripopolamento, conservazione e prelievo venatorio in Veneto e il cui iter dovrebbe concludersi la prossima primavera o comunque prima della prossima stagione venatoria.
«Ho già spedito in Regione tutte le nostre osservazioni relative al piano», annuncia, «e le ho accompagnate con una nota per l’assessore Daniele Stival, dove ribadisco con forza la necessità che il piano preveda l’opportunità di accogliere sul nostro territorio cacciatori esterni solo se provengono da regioni dove vige il rispetto della reciprocità».
In pratica la Lombardia ha chiuso le porte a tutti i cacciatori veneti con la clausola che tra Mincio e Ticino si caccia solo se residenti in una delle province lombarde. A nulla sono valsi finora i ricorsi dei cacciatori veneti, veronesi in particolare, magari proprietari di terreni appena al di là del confine, che si vedono negare perfino dal Tribunale amministrativo regionale la possibilità di sconfinare con le loro doppiette. Ma nulla possono invece le associazioni venatorie venete per impedire la presenza di «foresti» sul proprio territorio, in mancanza di una normativa specifica che lo preveda espressamente.
«Così i nostri territori diventano riserve di caccia per chi invece ci esclude dai loro», protesta il presidente Salvelli, «mentre per garantire un flusso corretto e rispettoso degli spazi disponibili deve essere chiaro a tutti e sancito dalla legge che il primo ambito deve essere quello di residenza, per evitare furbizie e altro».
Per il resto la presidenza provinciale di Federcaccia ha lasciato che ogni sezione locale facesse autonomamente le proprie osservazioni al piano regionale: «Ci siamo occupati a livello provinciale delle questioni più importanti, per le quali con i nostri legali abbiamo fatto una memoria scritta. Per quel che ci riguarda la più importante», rivela Salvelli, «è la nostra contrarietà alla prospettata istituzione di 14 valichi montani nella nostra provincia quando Belluno ne ha solo uno e Vicenza ne conta tre. Questo comporterebbe, in base alla legge nazionale 155/92, il divieto dell’attività venatoria fino a un chilometro di raggio attorno al valico e questo pur non sussistendo le caratteristiche previste dalla legge per certi valichi che dovrebbero essere a quota superiore agli 800 metri sul livello del mare per rientrare nelle zone di tutela. In più occorre considerare che i nostri valichi montani non sono gole strette ma passaggi ampi e aperti».
Mette sul tappeto anche la questione dell’Oasi del lago di Garda Sud: «Sosteniamo la giusta posizione dei cacciatori e operatori del lago che vedono in questa nuova area protetta la cancellazione di una forma secolare di caccia sul Garda e l’illogica conseguenza che la pratica venatoria sarebbe permessa a pochi metri di distanza in territorio bresciano e mantovano.
«Nel Comune di Peschiera», aggiunge Salvelli, «c’è già una delle maggiori oasi di rifugio d’Italia con valenza palustre-valliva al Laghetto del Frassino e c’è malumore fra i cacciatori per il proliferare di siti di Natura 2000 e Zone di protezione speciale (Zps) che finora interessano solo il Veneto e non la Lombardia o la vicina Provincia di Trento».
C’è carne al fuoco per il Piano faunistico regionale in un clima che Salvelli definisce ostile da parte di certe forze politiche e associazioni ambientaliste: «La politica non ci sta aiutando ad evitare l’emorragia di iscritti. La nuova finanziaria propone di raddoppiare la tassa di licenza venatoria portandola da 175 a 350 euro: i parlamentari pensano a tassare i cittadini invece che tagliare i loro stipendi, come auspicato dalla maggioranza degli italiani. In più aleggia anche la proposta che i danni causati dai selvatici siano pagati dagli ambiti territoriali di caccia e in definitiva dai cacciatori stessi, anziché dalla Regione come avviene ora», conclude il suo sfogo Salvelli, deciso comunque a non mollare le sue battaglie: «Nella primavera 2014 riproporrò di nuovo, ma per l’ultima volta, se non altro per ragioni anagrafiche, la mia candidatura alla presidenza di Federcaccia provinciale», anticipa, con l’augurio di finire il mandato in un clima meno ostile verso la passione venatoria.

Vittorio Zambaldo

http://www.larena.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Lombardia, Veneto

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. peppol@ scrive:

    Non sono solo i verdi il nostro problema….poi mi domando che venite a cacciare qua che non c’è nulla

  2. Diego scrive:

    Ma di cosa sta blaterando sto personaggio?
    L’atc unico di Brescia non rifiuta assolutamente nessuno, anzi….per quanto riguardi gli altri atc lombardi sono già off limits per gli stessi lombardi che non vi hanno la residenza. Quindi (:-p) (:-p) (:n)

  3. matteo scrive:

    ma ascoltate ancora le parole blateranti dei dirigenti della f.i.d.c???capite che andremmo a caccia con dignita quando ognuno di noi si toglierà da quella federazione che invece di fare l interesse dei cacciatori fa l interesse degli animalisti!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. massimo zanardelli scrive:

    Atc Unico di Brescia non ha mai rifiutato nesssuno, quindi il Sig.Salvelli farebbe meglio ad informarsi prima di aprire bocca, a meno che non sia la scusa per escludere da Verona qualche cacciatore non residente.
    Vice Presidente ATC Brescia

  5. igor radere scrive:

    :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: E poi si vuole abolire gli ATC  :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Leave a Reply


5 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.