Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Imperia: Assessori e consiglieri in difesa della caccia

| 22 novembre 2013 | 3 Comments

cacciatore tramonto‘Tira e molla’ sul calendario venatorio: la Provincia andrà dal Prefetto per cercare una soluzione
Assessori e Consiglieri appassionati di caccia non ci stanno alle insinuazioni degli ambientalisti e sottolineano l’importanza della caccia proprio sul piano ambientale.

Consiglieri ed Assessori Provinciali di Imperia, uniti per dire un secco ‘no’ alla querelle che da tempo si porta avanti nei confronti della caccia. Già nei giorni scorsi si erano schierati i Consiglieri Regionali, che hanno anche presentato le loro rimostranze al Governo centrale, visto che la legislazione in merito è proprio di competenza delle Regioni. Ora sono gli Amministratori della nostra provincia a ‘scendere in campo’ ed a schierarsi dalla parte dei cacciatori.

Gli Assessori Paolo Leuzzi ed Alberto Bellotti, insieme ai Consiglieri Angelo Alberti, Mauro Lanteri e Gianstefano Orengo, hanno chiaramente espresso il loro parere su questo ‘tira e molla’ tra sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, a cui si appellano alternativamente le associazioni ambientaliste locali. “Abbiamo deciso di chiedere un incontro al Prefetto – ha detto l’Assessore alla Caccia, Paolo Leuzzi – per avere un contatto con il rappresentante dello Stato nella nostra Provincia. Non vogliamo organizzare manifestazioni o cortei, vista la ‘caccia alle streghe’ in atto contro gli appassionati del settore. Vogliamo andare dal Prefetto per capire se si possono apportare modifiche alla Legge, con il supporto prefettizio. I cacciatori, voglio ricordarlo a tutti ambientalisti compresi, aiutano notevolmente al mantenimento del territorio ed al potenziamento dell’entroterra, vista la loro costante presenza. La caccia, tra l’altro ci aiuta anche dal punto di vista turistico, in particolare per l’entroterra che potrebbe vedere vanificato un indotto che è stato creato proprio dalla caccia e dai cacciatori. Gli ambientalisti devono capire che la caccia non è distruzione ma mantenimento“.

Sulla stessa lunghezza d’onda Gianstefano Orengo: “Ci siamo riuniti con il supporto dell’Assessore, insieme ai Consiglieri Provinciali che praticano la caccia. Siamo stati lesi nei diritti fondamentali visto che non c’è più certezza del diritto. I cacciatori hanno pagato tutto e sono in regola con le legislazioni mentre il comportamento delle associazioni ambientaliste non è ideale e consono alle necessità. Prendono tutto questo a pretesto per danneggiare i cacciatori e limitare l’attività, ben sapendo che i veri ambientalisti vivono sul territorio. Proprio la stragrande maggioranza dei cacciatori vive nell’entroterra e lo conoscono meglio degli ambientalisti che arrivano dalla città. Gli ambientalisti devono capire che un entroterra ‘morto’ non serve a nulla ed a nessuno ed i cacciatori vanno rispettati. La maggiorparte di loro lavorano in agricoltura e la caccia è importante anche dal punto di vista sociale. Non bisogna fare stupide ripicche”.

Carlo Alessi

http://www.sanremonews.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , ,

Category: Liguria

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. claudio ge scrive:

    ma il problema è proprio quello.. le metropoli. cazzo ne sa uno nato in citta della ruralità.Potrà forse studiarla sui libri ma se non ci sei nato e la vivi!!!

    • Renzo scrive:

      Caro Claudio , sia io che Tu viviamo in città e ci siamo nati; è anche vero però che abbiamo frequentato il bosco da quando abbiamo imparato a camminare . Abbiamo la fortuna di avere il bosco ad un tiro di sputo dal portone di casa, questo è indubbio. Però oltre a questo esiste l’intelligenza che aiuta chi vuol capire; gli “”urbani “” di condominio pare ne abbiano ben poca in questo settore  Alcuni pur nascendo in una città che vive di Mare, come la nostra …non sanno nemmeno nuotare nella vasca da bagno !

  2. Giacomo scrive:

    I politici centrali devono capire che gli ambientalisti veri sono i cacciatori e bastano e avanzano, degli altri per la maggior parte se ne puo anche fare a meno secondo il mio modesto avviso, per cui sarebbe ora di fare un bello sfollamento in questa categoria, :-?  Salutiamo

Leave a Reply


8 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.