Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

San miniato: per parlare del cacciatore e del suo ruolo

| 19 novembre 2013 | 2 Comments

arcicaccia federcacciaA San miniato per parlare del cacciatore e del suo ruolo

È un messaggio di svolta quello che arriva da San Miniato. La sfida di una caccia dal volto nuovo, più moderna e più consapevole di sé, cosciente del proprio ruolo e finalmente più unita, senza lesinare riflessioni e qualche autocritica.
È stato questo il filo conduttore del convegno nazionale dal titolo “Il cacciatore: una risorsa per il territorio”, organizzato lo scorso sabato da Federcaccia e Arcicaccia di San Miniato (PI) nella cornice del Centro Studi “I Cappuccini”. In apertura di convegno non ha voluto mancare per un saluto, il Prefetto di Pisa Francesco Tagliente.
Dalle sue parole il ringraziamento per la collaborazione dimostrata dai cacciatori in genere e in particolare da quelli coordinati da Federcaccia e Arcicaccia nelle ricerche di Roberta Ragusa. «Siete degli anelli fondamentali – ha detto il Prefetto rivolgendosi ai cacciatori – fra il territorio e le Istituzioni.
Non possiamo perdere l’opportunità di avere delle sentinelle come quelle che voi rappresentate. I cacciatori – ha sottolineato in un passaggio assai apprezzato – sono il popolo dei territori incalpestati da altri, occhi e orecchie dello Stato sul territorio». Tanto il pubblico presente per una mattinata di approfondimento e di conoscenza sul ruolo e sull’attività del cacciatore, che ha rappresentato anche l’occasione per ribadire il recente accordo siglato a livello regionale tra le due associazioni venatorie per una “Confederazione”, aperta ovviamente anche alle altre associazioni e proiettata per il futuro verso una unica associazione venatoria toscana, preludio di una dimensione unica nazionale.
Una necessità di coesione rimarcata anche dei presidenti provinciali di Federcaccia e Arcicaccia Marco Salvadori e Manolo Panicucci, ma soprattutto dall’appello appassionato del presidente nazionale di Federcaccia Gian Luca Dall’Olio: «Perché la frantumazione ha polverizzato la nostra identità – ha spiegato Dall’Olio – con effetti negativi sulla nostra immagine presso l’opinione pubblica e nei confronti dello Stato e delle Istituzioni. L’unità del mondo venatorio è un passaggio indispensabile, perché permetterebbe anche una diversa consapevolezza del nostro ruolo, che non può essere considerato ancora come una semplice attività ludica. Il cacciatore dove tendere a preoccuparsi e occuparsi di tutta la fauna, dell’ambiente e della biodiversità nel suo complesso. Solo così potremo rigenerare la percezione che la società ha del nostro mondo».
Un mondo, tuttavia, in gran parte non conosciuto, come sottolineato in apertura dal segretario della Federcaccia di San Miniato Piero Taddeini, che ha coordinato il dibattitto. «I sondaggi – ha spiegato dati alla mano – dimostrano che la percentuale di persone contrarie alla caccia è proporzionale alla scarsa conoscenza dell’argomento. Serve un cambio immediato, con strategie e mentalità nuove». Taddeini ha quindi ricordato il ruolo delle associazioni nel controllo degli ungulati, nella tutela delle attività agricole, nonché i progetti portati avanti sul territorio di San Miniato insieme all’amministrazione: dai kit di pronto soccorso nelle zone rurali fino alle iniziative di conoscenza con le scuole».
Uno sforzo di apertura al territorio, anche per superare quella che il vicepresidente nazionale di Arcicaccia, Massimo Logi, ha definito come «l’autoreferenzialità del cacciatore, che da adesso – ha aggiunto – dovrà riuscire a mandare un messaggio convincente, anche ai giovani, unendo tradizione e modernità».
Un ruolo, quello del cacciatore, su cui non ha dubbi l’assessore regionale allo Sviluppo Rurale Gianni Salvadori, che ha lanciato però un campanello d’allarme sullo «squilibrio ambientale creato dagli ungulati e da alcune specie di uccelli – ha detto Salvadori – che stanno causando un danno alla natura. Sarà un problema da affrontare con decisione».
Interessante, sull’argomento, l’intervento del professore Natale Emilio Baldaccini dell’Università di Pisa e membro del CIRSeMAF, che ha analizzato il rapporto tra caccia e biodiversità, sottolineando come agricoltura, conservazione e attività venatorie siano «le tre gambe» dell’equilibrio ambientale.
Ad accompagnare e alleggerire il dibattito c’era anche la matita del noto vignettista satirico Giuliano Rossetti, che ha regalato alcuni schizzi di umorismo dedicato alla caccia. Un’attività sana e salutare a detta del presidente nazionale dell’Associazione italiana allenatori Renzo Ulivieri: «Attività che si lega alla salute – ha detto – intesa non soltanto a livello fisico, ma come salute mentale e sociale».
Non poteva mancare, infine, anche un occhio alla gastronomia, attraverso i consigli culinari del presidente dell’Associazione Ristoratori di San Miniato Marco Nebbiai, che ha collaborato alla realizzazione di un piccolo ricettario sulla selvaggina distribuito al convegno.
Tra i presenti anche l’assessore comunale alle attività faunistico-venatorie Giacomo Gozzini e il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini, il vicepresidente regionale di Federcaccia Claudio Tani in rappresentanza del Presidente Moreno Periccioli, assente per improrogabili impegni, il presidente regionale di Arcicaccia Fabio Lupi, il presidente nazionale dell’Enci Francesco Balducci.
Da sottolineare la presenza di giovani ragazzi e ragazze, a testimonianza ulteriore che la caccia sa anche essere al passo coi tempi.

http://www.federcaccia.org

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , ,

Category: Arcicaccia, Federcaccia, Incontri/Dibattiti, Toscana

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    “”…Il cacciatore dove tendere a preoccuparsi e occuparsi di tutta la fauna, dell’ambiente e della biodiversità nel suo complesso. Solo così potremo rigenerare la percezione che la società ha del nostro mondo»…””
    ___________________________________________________________
    Copiate dagli americani…Loro non si preoccupano di tutta la Fauna, Ambiente e biodiversita’ in genere…Loro se ne OCCUPANO . Capite la sostanziale differenza fra i termini …?
    Acquistano terreni da destinare alla caccia….Reintroducono ( con successo ) specie che poi cacceranno . Riqualificano territori degradati dimostrando alla collettivita’ il loro impegno ” ambientale “….e guarda caso….il cacciatore la e’ considerato alla stessa stregua del classico ambientalista…Ne piu’ e ne meno…  :wink:
    Pur apprezzando l’iniziativa di fusione fra le due maggiori associazioni e l’apertura a tutte le altre ( cosa indispensabile per concentrare e organizzare al meglio risorse, idee e strategie future ) , temo che bene che vada si arrivi ( nel tempo perche’ in Italia da quando si dice a quando effettivamente si fa passano lustri  ) solo a questo.
    Il resto  ( l’occuparsi ) rimarranno  ” chiacchere ” da Convegno… :wink:
     

  2. BEPPE scrive:

    perchè non parlate dell’emendamento proposto nella legge di stabilità x raddoppiare :mrgreen: le tasse x la caccia?

Leave a Reply


6 + = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.