Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Val d’Orcia (Si): minacce in stile mafioso agli agricoltori?

| 12 novembre 2013 | 11 Comments

Val d’Orcia:minacce in stile mafioso dei “cinghialai” agli agricoltori?
Nella bufera il Presidente dell’Atc di Chianciano

cinghiale neveUn gruppo di agricoltori della Val d’Orcia , di un’area compresa tra i comuni di Sarteano e di Pienza, sono stati oggetto di una minaccia che a definire mafiosa è poco. Alcuni hanno ricevuto via posta, altri l’hanno trovato inchiodato su una staccionata della proprietà . si tratta di un foglio , ovviamente anonimo,con una chiara minaccia con qualche errore di ortografia:

“ABBIAMO SAPUTO DALL’ATC QUELLO CHE HAI FATTO, ALL’ATC SONO NOSTRI AMICI STA ATTENTO. SE I CINGHIALI TI MAGNANO LE CULTURE NON TI AZZARDARE A CHIEDERE I DANNI ED ACCETTA LA ZONA NERA SENZA FIATARE ALTRIMENTI RICORDATI CHE IN MANO NON ABBIAMO IL ROSARIO MA IL FUCILE “ .

Tutto nasce dal fatto che, in un area della Val d’Orcia, ricompresa tra i Comuni di Sarteano e Pienza, alcuni terreni fortemente interessati da attività agricole, ed anche intensamente coltivati, sono stati proposti dall’A.T.C. Siena 19 tra quelli vocati alla presenza del cinghiale ( in gergo dei cacciatori: zona nera ), ma la legge vieta espressamente di inserire questa tipologia di aree all’interno dell’area vocata a questo ungulato. Nella zona considerata vocata alla presenza del cinghiale, ai “cinghialai” cioè ai cacciatori di cinghiali è concesso il diritto esclusivo di caccia.
Quindi l’aver proposto quest’area così coltivata come vocata, sicuramente va a favorire la squadra di “cinghialai” che è così più libera di gestirvi numericamente la specie senza interferenze da parte di terzi anche con l’ausilio, come ci spiegherà poi un agricoltore, di illeciti mezzi di foraggiamento attraverso i quali viene accresciuta la consistenza numerica degli ungulati.
Infatti grazie alla disponibilità alimentare garantita così dai cacciatori, si amplifica la potenzialità riproduttiva del cinghiale accrescendone il numero. Nella sostanza si viene a determinarsi quasi una sorta di allevamento allo stato brado ( ma nell’altrui proprietà). Alla fine un gruppo di circa 10 agricoltori, proprietari dei terreni indicati tra i Comuni di Sarteano e di Pienza in Val d’Orcia, esasperato dalle continue razzie perpetrate dai cinghiali sui loro campi e dall’atteggiamento di un gruppo di “cinghialai” si è rivolto con un’istanza formale alla Provincia di Siena, tramite uno Studio Legale, chiedendo che lo status di area vocata sia uniformato a quanto previsto dalla legge e quindi revocato.
A questo punto la Provincia di Siena, che secondo gli agricoltori interessati avrebbe avuto “un atteggiamento encomiabile “ ha preso subito in esame le considerazioni degli imprenditori agricoli e, sempre secondo gli agricoltori, “ denotando grande professionalità e competenza, avrebbe trasmesso, con estrema correttezza, gli atti della questione, tra cui anche l’istanza degli agricoltori, all’A.T.C. Siena 19”.
E’ successo però che il Presidente della stessa A.T.C. Alfio Sanchini il 29 ottobre scorso, come affermato da alcuni testimoni, in una riunione convocata con i cacciatori del cinghiale, avrebbe letto proprio ai “cinghialai” i nomi del gruppo di agricoltori firmatari dell’istanza.
Probabilmente a seguito di questo comportamento del Presidente dell’ATC, che ora dovrebbe essere sottoposto al vaglio degli inquirenti, a qualcuno potrebbe essere venuto in mente, come purtroppo è accaduto, di minacciare gli agricoltori firmatari.
Del resto, come hanno raccontato gli stessi agricoltori alcuni “cinghialai” si sarebbero già resi protagonisti di episodi quanto meno discutibili se non proprio illegali. “ In un mio terreno – ha detto l’agricoltore Roberto Ricci – hanno installato dei macchinari (vedi foto ) che servono a dar da mangiare automaticamente ai cinghiali tutto l’anno, con il risultato che qui c’è una presenza abnorme di questi ungulati che hanno potuto prosperare e riprodursi in massa grazie alla grande disponibilità alimentare messa a disposizione dai cacciatori. Se vogliono allevare con il cibo i cinghiali lo facciano ma nella loro proprietà, non nella mia. Inoltre non capisco che soddisfazione possa esservi a cacciare questi animali praticamente addomesticati con il cibo tanto che di fatto hanno perso anche la diffidenza nei confronti dell’uomo”.
Un altro agricoltore, Gianni Micheli, ha invece raccontato che “i “cinghialai”sono venuti con decine di auto tra cui grossi fuoristrada e malgrado le mie raccomandazioni , sono entrati nella proprietà quando il terreno era ancora bagnato rovinando ovviamente tutto. E se provi a dire qualcosa, ti inveiscono contro. Inoltre nell’area che abbiamo chiesto venga adeguata allo status di non vocata la superficie coltivata è di circa l’80% . Mi chiedo come possa essere considerata vocata alla presenza del cinghiale.
La verità è che alcuni “cinghialai” vogliono che questa zona così coltivata sia iscritta tra le aree vocate perché così vi possono cacciare il cinghiale soltanto loro e sono quindi liberi di gestire il numero e la caccia degli animali quasi come vogliono”.
Ad un altro degli agricoltori firmatari, Duilio Rappuoli (quello che ha appena ricevuto la lettera minatoria), è capitato di peggio: “ i cinghiali lo scorso anno mi hanno divorato una quantità di uva che credo sia stata di circa 200 quintali, ma mi sono stati riconosciuti solo 100 quintali di indennizzo. E’ esasperante dover chiedere i danni. Cercano sempre di minimizzare ed hai la sensazione che ti vogliano quasi incolpare. Poi se chiedi che sia effettuato un intervento di contenimento urgente, con il fatto che ci troviamo tra l’altro all’interno dell’area vocata alla presenza del cinghiale, gli interventi abbisognano di un iter burocratico più lungo e sono gli stessi “cinghialai” che vengono incaricati di effettuare l’intervento.
Spesso c’è chi si riempie la bocca del sostegno agli agricoltori nella questione ungulati ma poi però viene data in affidamento la loro gestione proprio a chi dietro al cinghiale ha costruito un vero e proprio giro d’affari, ovviamente alle spalle di noi agricoltori che coltiviamo i campi ed i vigneti invece che per le nostre famiglie, per i loro cinghiali.
L’ unico ente che ci è sempre stato vicino ed in cui noi confidiamo e da sempre crediamo – ha concluso Rappuoli – è la Provincia: con quest’istanza ci siamo così affidati completamente nelle loro mani “.

Di Leonardo Mattioli

http://www.centritalianews.com

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Cinghiale, Toscana

Comments (11)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. franc scrive:

    Quando si va in casa d’altri è buona norma chiedere permesso  educatamente.

  2. Giacomo scrive:

    Visto il punto in cui siete arrivati ( roba da non credere) mi sa che se la giustizia prenderà i dovuti provvedimenti con quello che avete scritto, prenderete in mano il rosario e poserete il fucile.   :twisted:   Salutiamo

  3. massimiliano scrive:

    siamo nel medioevo oppure nel 2013 ? sembra tutto farsescamente montato……Non vedo come possono tacere i presidenti dei comprensori di fronte a tali gravissime accuse..bòòòòòò..me pare strano !
    Sembra di leggere qualche portale gossiparo…………Daniele,amico mio,dai retta ad un bischero : evita !

    • Daniele scrive:

      Massy, prima di pubblicarlo ci ho riflettuto molto.

      Piu’ rileggevo il messaggio di minacce (sembra scritto da quasi un analfabeta, ma con il computer……) e piu’ mi convincevo che si tratti di  una manovra da parte di qualcuno per screditare i cacciatori…

      :evil:

      • Giacomo scrive:

        Caro Daniele, se da buoni cinghialari volete coprire, secondo me non è salutare per la caccia. Comunque ci sono descrizioni di posti e ci sono dei nomi, per cui se ci sono dei veri cinghialari come credo ci siano in Toscana, secondo me sarà meglio verificare e cercare di dare una mano per contribuire a togliere queste schifezze. Parere personale si intende. :wink:  Salutiamo

      • massimiliano scrive:

        io nn l’avrei pubblicate.. ma nn per difendere qualcuno e/o qualcosa……..
        ma perchè mi pare una grande bufala per non dire di peggio !
        vivendo pure te realtà da squadra di cinghialai ritieni tutto questo possibile ?
        e quindi prima di cercar la notiziona,mi sarei accertato anche in ambito ATC se tutto qst corrisponde alla realtà….
        cmq fai finta che nn ti abbia detto nulla………. :twisted:
         
        ciao
         
         

  4. Renzo scrive:

    (:n) (:n) (:n) (:n) (:n) (:n) (:n) (:n) (:n) Poveri noi , siamo proprio messi male , ma male male male . Questa, in questo modo, non è caccia.

  5. Springer scrive:

    Vera o non vera sta comunque il fatto che e’ da un pezzo che si sente parlare di introduzioni illecite….foraggiamento abusivo….atteggiamenti prepotenti…etc.etc.etc. Notizie del genere arrivano un po’ da tutta Italia….
    Forse e’ il caso di mettere un po’ di ordine fra queste squadre che a volte si trasformano in vere e proprie ” bande ” che agiscono al limite della legalita’…. :wink:

  6. Peter scrive:

    Mi sa che quello del cinghgiale è diventato un “businiss”. Qui la caccia secondo me non centra nulla e penso che chissà chi e chissà quando, qualcuno ci sta mettendo le mani e il naso sopra. Spero che le autorità o chi di dovere intergano al più presto prima che la questione “caccia al suide” esploda con conseguenze che si possono immaginare.

  7. guy scrive:

    si dia tutto ai selecontrollori …………………………… :wink:
    abolire le caccie coi cani…………………………….. :mrgreen:

  8. Fabrizio scrive:

    20 lt di creolina e il problema cinghiale si risolve…

Leave a Reply


2 + 8 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.