Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana: Appostamenti, accolte le proposte di FIDC e Arcicaccia.

| 6 novembre 2013 | 3 Comments

Appostamenti fissi di caccia: modificata la legge regionale

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sulla legge del Veneto la Toscana adegua le norme per dare certezza agli appostamenti. Accolte le proposte di Federcaccia e Arcicaccia.
arcicaccia federcacciaCon la sentenza della Corte che aveva dichiarato illegittime le disposizioni della legge regionale del Veneto in materia di appostamenti fissi di caccia si era determinata una situazione di grande incertezza, con il rischio di estesi contenziosi a carico dei titolari di autorizzazione di appostamento anche nella nostra Regione.

La sentenza, prescrivendo in sostanza l’obbligo di abilitazione edilizia e di autorizzazione paesaggistica per la realizzazione di tutti i manufatti degli appostamenti indipendentemente dalle loro caratteristiche, apriva la via a contestazioni infinite, amministrative e penali, che avrebbero messo in pericolo persino la permanenza di una forma storica e tradizionale di caccia: circa 12.000 gli appostamenti ad oggi in esercizio in Toscana.

Alla immediata iniziativa assunta da Federcaccia ed Arcicaccia della Toscana, con la collaborazione di Anuu migratoristi, per trovare le soluzione possibili – mentre altre associazioni venatorie preferivano ignorare il problema o sceglievano di diffondere messaggi di pessimismo e scoraggiamento fra i cacciatori – ha subito dato positivo riscontro la Giunta regionale con la predisposizione di una proposta di legge per modificare la normativa regionale vigente: proposta che, pur non completamente soddisfacente nel contenuto, ha avuto il grande merito di porre subito all’ordine del giorno dell’organo legislativo, il Consiglio della Regione, la questione in tutta la sua
urgenza, dando modo di avviare tempestivamente l’iter che ha permesso a Federcaccia ed Arcicaccia di presentare puntuali ed argomentate proposte alla Commissione competente, che ha licenziato un nuovo testo che, recependo le richieste delle due associazioni a parziale modifica del testo trasmesso dalla Giunta, è approdato in aula il 5 novembre ed è stato approvato all’unanimità.

E’ doveroso, e non rituale, esprimere l’apprezzamento sincero per la sensibilità che, non per la prima volta, le Istituzioni regionali e le forze politiche che in esse siedono – di maggioranza e di opposizione – hanno dimostrato dando risposte tempestive e puntuali .
Le nuove disposizioni regionali, in sintesi, definiscono la nozione di appostamento fisso, individuano le caratteristiche dei manufatti eventualmente realizzati e dettano, nel rispetto delle norme in materia urbanistica, edilizia e paesaggistica, i casi nei quali debbono essere richieste le relative autorizzazioni, con l’obbligo in ogni caso di dare comunicazione al Comune dell’avvenuto impianto: per gli appostamenti con manufatti conformi alle disposizioni non sono necessarie né abilitazioni edilizie né autorizzazioni paesaggistiche. Se i manufatti sono realizzati conformemente alla caratteristiche indicate, infine, non è necessario procedere alla loro rimozione entro il 28 febbraio 2014, potendo rimanere in essere fino a permanere dell’autorizzazione dell’appostamento.

Alleghiamo il testo proposto dalla Commissione portato all’approvazione del Consiglio Regionale della Toscana nella seduta del 5 novembre 2013, che sarà in vigore con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale.

Firenze, 6 novembre 2013
FEDERCACCIA TOSCANA
ARCI CACCIA TOSCANA

Allegati:

 

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Arcicaccia, Federcaccia, Toscana

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. massimiliano scrive:

    che silenzioooooooooo..tutte zitte le altre associazioni  ?  sempre pronte a dargli addosso ?
    quantomeno concede l’onore al merito…..altrimenti siete davvero poco poco…. 

  2. BEPPE scrive:

    onore al merito, 
    messaggio x l’amici….. MANCA FULCHERIS?

    • massimiliano scrive:

      è caro Beppe,come vedi sempre tutti pronti a “daje addosso al cinghialone”…..
      ma qnd qualcosa di buono viene fatto..ssssssssssssss  silenzio e tutti ringuattati a beneficiare dell’operato del “cinghialone” ! 
       
      + palle e coerenza….meno chiacchere e gadget  :evil:

Leave a Reply


4 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.