Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Orso marsicano, tante chiacchiere e mancanza di senso pratico!

| 30 ottobre 2013 | 3 Comments

Orso Marsicano
tante chiacchiere, elucubrazioni, proposte “scientifiche” e…solita mancanza di senso pratico!

wildernessLeggiamo sui giornali di oggi di un’interrogazione parlamentare in merito alla notizia dell’ultimo (l’ennesimo!) orso morto, per fatalità (ma lungi dai luoghi dove avrebbe dovuto presto ritirarsi a svernare), sulla strada Villalago-Anversa. Un interrogazione che sa più di politica che di ambientalismo e conservazione della fauna, anche perché chi l’ha presentata è un Senatore che ai suoi tempi faceva il sindacalista e che mai si era occupato dell’orso e dei problemi della sua protezione; sebbene già allora i problemi vi fossero e fossero anche stati segnalati (perlomeno da chi scrive). Non per nulla oggi la proposta di cui leggiamo sui quotidiani sa più di sindacalismo che di ambientalismo: ovvero, di fronte all’emergenza di salvare l’Orso marsicano nel suo ambiente naturale, si propone una “banca del seme” che sa tanto di posti di lavoro per studiosi e ricercatori, mentre i pochi orsi marsicani che ancora si aggirano sui monti della Marsica hanno bisogno di cibo e di quiete, piuttosto che di studi e di ricerche o, peggio, di zoo in cui stare rinchiusi quali ultimi esemplari di una sottospecie in via di estinzione.

Ecco, quando sarà troppo tardi per preservare l’Orso alle sue montagne, potremo parlare di banca del seme: meglio orsi semidomestici chiusi in uno zoo che l’estinzione totale della popolazione. Ma oggi non è questo il problema! A meno che non lo si voglia strumentalizzare per altri fini…

Oggi siamo ancora in tempo per salvare l’orso nelle sue montagne e foreste; basta un poco di buona volontà e di senso pratico. Proprio oggi sentivo, a Pescasseroli da dove sono appena tornato, di una persona che ha vissuto tutta a vita tra le montagne del Parco per la sua professione di boscaiolo, il quale si meravigliava nel vedere come un problema tanto semplice non fosse capito dalle autorità e, peggio, dagli studiosi. Ovvero che l’orso vive ormai soprattutto fuori dal Parco perché nel Parco non trova più campi coltivati e greggi di pecore. Saggezza contadina, verrebbe da dire! Sì, difatti, proprio di un poco di saggezza contadina ci sarebbe bisogno. Altro che banca del seme, radiocollari e satelliti, escursioni “sulle tracce dell’orso” (magari in notturna!); tutte cose volte, alla fin fine, ai soliti conteggi degli orsi vivi ai quali sottrarre poi quelli segnalati morti per le più disparate cause (mai risolte o ignorate perché scomode, impopolari o perché non mirate ad obiettivi precostituiti perlopiù irraggiungibili o utopici, volti a soddisfare personalismi, questo sì, ma non a salvare l’orso e, peggio, magari a scapito della salvezza dell’orso).

Il Ministro dell’Ambiente sembra voglia occuparsi in prima persona del problema dell’Orso marsicano. Ben venga, ma sappia che piuttosto che gli studiosi e gli ambientalisti sarebbe bene che sentisse il popolo della Marsica; e non quello politicizzato, ma quello più proletario e rurale, quello più vicino al mondo dell’orso, ovvero quei pochi pastori rimasti, i boscaioli e, perché no? i cacciatori (che spesso vivono l’ambiente più e meglio di tanti ricercatori seduti davanti ai computer in attesa di analizzare i dati che gli trasmettono i satelliti!). E che i sindacalisti ed i politici continuino a fare i sindacalisti ed i politici, per favore, e lascino ai chi conosce veramente il problema, l’orso e il suo territorio, il compito di stabilire cosa fare di pratico ed immediato per almeno cercare di salvarlo.

Sora, 29 ottobre 2013

Franco Zunino
Segretario Generale dell’AIW
già primo studioso sul campo dell’Orso marsicano

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: wilderness

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. giancarlo daniello scrive:

    Ministro, Lei che qualche giorno fa ha dichiarato di essere preoccupato per le sorti di questa specie, ascolti la voce del popolo della Marsica, i suoi contadini che vivono il territorio, al posto dei soliti ricercatori che da decenni succhiano soldi pubblici senza alcun beneficio per l’Orso Marsicano.
    Avv. Giancarlo D’Aniello
    Coordinatore Nazionale AIW 

  2. paolo scrive:

    “Ben venga, ma sappia che piuttosto che gli studiosi e gli ambientalisti sarebbe bene che sentisse il popolo della Marsica”
    Quindi essendo Zunino il “primo studioso” sarà anche il primo da non sentire!!

  3. giannirm scrive:

    Paolo… Zunino dà delle soluzioni che vari direttori di parco, ricercatori, ambientalisti, associazioni ambientaliste, non danno e l’orso muore, sono capaci solo di addossare colpe, ampliare il parco, zona preparco, ecc tutti tentativi arrembanti andati a vuoto pur di mantenere viva la mammella da cui mungere il contribuente dissanguato.

Leave a Reply


4 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.