Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: Nuove disposizioni in materia di appostamenti

| 28 ottobre 2013 | 6 Comments

Caccia. giunta veneta approva disposizioni in materia di appostamenti
Comunicato stampa N° 1987 del 28/10/2013

capanno_cacciaLa Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla caccia Daniele Stival, ha approvato nella sua seduta odierna le disposizioni in materia di appostamenti per la caccia e nello specifico gli indirizzi applicativi in materia di titoli edilizio e paesaggistico per la realizzazione di strutture adibite ad appostamento per l’esercizio della caccia, che si è inteso emanare a seguito della recente Legge Regionale numero 23 del 24 settembre scorso.
“Era necessario intervenire – ha esordito Stival – e procedere alla definizione urgente di un intervento legislativo regionale in grado di fornire una cornice di riferimento il più possibile esaustiva in ordine alle incombenze autorizzative legate all’allestimento e alla permanenza in situ dei manufatti costituenti appostamento di caccia, sotto il duplice profilo edificatorio e paesaggistico. In questo modo abbiamo rimediato ad un sostanziale vuoto normativo che esponeva Istituzioni e privati cittadini ad una incertezza di diritto con pesanti conseguenze in termini di violazioni di legge con risvolti anche di natura penale”.
Le strutture regolamentate sono le seguenti: strutture precarie/temporanee; strutture soggette ad apposita disciplina a seconda del tipo di caccia o della tipologia di appostamento che comprendono le strutture per la caccia da appostamento agli ungulati e ai colombacci, gli appostamenti di caccia in territorio a gestione programmata vallivo lagunare e le strutture per caccia da appostamento integralmente rimosse al termine della giornata venatoria (appostamenti giornalieri); strutture fisse (permanenti, ovvero non precarie); appostamenti che non costituiscono opera edilizia.

Nelle seguenti tabelle si riassume il contenuto della disciplina in questione :

TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
Struttura per appostamento precaria/temporanea ai sensi dell’articolo 3 della L.R. 23/2013 Struttura rimossa entro 90 giorni dall’allestimento: comunicazione al Comune;
Struttura rimossa oltre i 90 giorni dall’allestimento: DIA Autorizzazione paesaggistica: procedimento semplificato ai sensi dell’allegato 1, punto 39, del decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 2010, n. 139

TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
Struttura per la caccia da appostamento agli ungulati, purché in presenza dei requisiti di cui all’articolo 20 bis, comma 3, della L.R. 50/1993
Comunicazione al Comune Non occorre l’autorizzazione paesaggistica
I requisiti dettati dall’articolo 20 bis, comma 3, della L.R. 50/1993 prevedono che dette strutture siano realizzate interamente in legno, abbiano il piano di calpestio, ovvero di appoggio, posto al massimo a nove metri dal piano di campagna, abbiano l’altezza massima all’eventuale estradosso della copertura pari a dodici metri e abbiano una superficie del piano di calpestio o di appoggio non superiore ai tre metri quadrati, siano privi di allacciamenti e di opere di urbanizzazione e comunque non siano provvisti di attrezzature permanenti per il riscaldamento.

TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
Struttura per la caccia da appostamento ai colombacci
Comunicazione al Comune purché in presenza dei requisiti di cui all’articolo 20 bis, comma 3bis, della L.R. 50/1993, che prevedono che le strutture siano correttamente mimetizzate e siano realizzate, secondo gli usi e le consuetudini locali, in legno e metallo, di altezza non superiore il limite frondoso degli alberi e che siano prive di allacciamenti e di opere di urbanizzazione e che comunque non siano provviste di attrezzature permanenti per il riscaldamento.
Autorizzazione paesaggistica:

1) procedimento semplificato ai sensi dell’allegato 1, punto 39, del decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 2010, n. 139 qualora la struttura abbia i requisiti di precarietà e temporaneità di cui ai punti 1 e 2 della lettera A) del presente allegato (Strutture precarie/ temporanee);

2) procedura ordinaria qualora la struttura abbia carattere fisso; in tale caso si richiama quanto previsto alla lettera C) del presente allegato.

TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
Struttura per appostamento di caccia in territorio a gestione programmata vallivo lagunare Comunicazione al Comune competente Nessuna autorizzazione

TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
Struttura per appostamento rimossa giornalmente Nessuna autorizzazione né comunicazione Nessuna autorizzazione

Appostamenti che non costituiscono opera edilizia
Non costituiscono struttura/opera edilizia e pertanto non sono assoggettati alla disciplina vigente in materia edilizia e paesaggistica, quegli appostamenti approntati esclusivamente mediante l’assemblaggio di elementi vegetali naturali (rami, frasche, canne), senza l’impiego di alcun materiale costruttivo (metallo, mattone,ecc.) appoggiati e non ancorati al terreno e privi di qualsiasi basamento

Strutture fisse.
Le strutture per la caccia da appostamento che non rientrano né tra le strutture precarie/temporanee, né tra le strutture soggette ad apposita disciplina (ungulati, colombacci, appostamenti in territorio a caccia programmata lagunare vallivo, appostamenti giornalieri), né tra gli appostamenti che non costituiscono opera edilizia, si configurano quali interventi soggetti alle disposizioni vigenti in materia edilizia e, nel caso ricadano in aree tutelate dal Decreto Legislativo n.42/2004, alle disposizioni vigenti in materia paesaggistica.

http://www.regione.veneto.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Colombaccio, Veneto

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. franc scrive:

    Mi sembra che non ci sia niente di nuovo. Hanno solo chiarito un pochino come si fa ad applicare la normativa già esistente.

  2. niki scrive:

    I geni incompresi!

  3. ross scrive:

    per questo in italia si và male….
    te le immagini le procedure da fare
    per una semplice DIA…
    che quì si chiama SCIA::::
    sono riusciti a bloccare del tutto l’edilizia anche per i semplici
    restauri….

  4. mac scrive:

    ma alla fine i che va accatastato??? No perchè se così fosse avrebbe una rendita o va in categorie speciali??? se ha una rendita bisogna pagarci le tasse e figurati se il proprietario del terreno mi da il permesso…
    Premetto io sto in toscana e ancora non mi sembra sia stato definito nulla ma se il bongiorno si vede dal mattino…

  5. aceto scrive:

    Sugli appostamenti prima fanno una legge, la n 12/2012, poi si accorgono che manca qualcosa e ne fanno un’altra, la n. 25/2012. Il governo impugna la n. 25 davanti alla corte Costituzionale e viene parzialmente bocciata. Allora che si fa? Si fa una delibera di Giunta in data 31/7/13. Poi si interviene con una nuova legge, la n. 23/2013. Pensavo … ma finalmente siamo arrivati…. no mi sbagliavo, arriva l’ultima (forse) pezza, quella che stiamo quotando.
    Ma chi ce li ha mandati questi. Ogni provvedimento in materia di caccia viene fatto, rifatto rifatto un’altra volta e poi ancora.
    Ma per favore andate a casa .. incompetenti. (:n) (:n) (:n)
     

Leave a Reply


5 + = 6

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.