Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

SVI querela direttore TG2 e giornalista Scognamiglio

| 28 ottobre 2013 | 9 Comments

SVIIl Sindacato Venatorio Italiano querela per diffamazione Marcello Masi, Direttore del TG2, e Lidia Scognamiglio, giornalista.

In data 21.08.2013 sul TG2 veniva riportato un servizio, a firma della giornalista Lidia Scognamiglio, nel quale veniva accomunato, impropriamente ed arbitrariamente, un incendio doloso, ad opera di un piromane, a danno di una macchia mediterranea, in località Stingone, provincia di Isernia, al mondo della caccia.

Tale fatto, lesivo dell’immagine e della reputazione di chi pratica l’ars venandi, è risultato ancora più grave in quanto nello stesso servizio veniva conclamato che l’incendio era stato appiccato, con prova certa, data da riprese fatte con sistema di video sorveglianza ad opera del Nucleo Investigativo Antincendio Boschivo, da un ausiliario del servizio antincendio.

Non si riscontrava e non si riscontra, quindi, il motivo logico e strumentale per citare ed associare il mondo della caccia (e chi la pratica) ad un reato penale, commesso da persona non cacciatore e per motivi che nulla ostano con la caccia.

Immediatamente, visti i fatti, l’Ufficio Legale del Sindacato è stato attivato ed in data 28.08.2013 ha proceduto a formale diffida per richiedere la rettifica delle dichiarazioni diffamatorie, riportate nel servizio giornalistico, entro giorni dieci.

Trascorso invano tale lasso di tempo si è proceduti, dunque, in data 25.10.2013, a formale querela, a norma dell’art. 595 CP (reato di diffamazione a mezzo stampa), nei confronti di Marcello Masi (Direttore del TG2) e di Lidia Scognamiglio (giornalista).

Lì 26.10.2013

Ufficio Stampa
Sindacato Venatorio Italiano

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Generale

Comments (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Vogliamo sapere gli esiti . Dobbiamo diventar cattivi , e basta . Sempre nel giusto, ma devastanti con chi ci accusa di fatti esecrabili non ostante la nostra innocenza . 

  2. ghibli scrive:

    bravi
    è ora che si risponda ad ogni balla raccontata da questi animalisti

  3. Riccardo scrive:

    E che dire del “servizio” trasmesso ieri sera dal tg di Italia1 dove venivano accomunati braconieri (bracconaggio di piccoli uccelli nel bresciano) con i Cacciatori e sopratutto con carellate su attivisti anticaccia con scritte denigranti

    • faganeo scrive:

      Zapping,zapping, zapping, negli orari di disinfomazione, nelle reti di Italia 1, Rete quattro, e il meglio, Canale 5 è la nostra arma automatica a tre colpi.

  4. tortoioli claudio scrive:

    BRAVISSIMI, BRAVISSIMI, SONO DISPOSTO ANCHE  HA DARVI UN CONTRIBUTO ECONOMICO.
    DOVETE ANDARE FINO IN FONDO SU QUESTA FACCENDA GRAVISSIMA, COSTI QUEL CHE COSTI.
    IL TG REGIONALE UMBRO IN OCCASIONE DELLA PREAPERTURA DEL 1 SETTEMBRE, RIPORTAVA TESTUALMENTE IL GIORNALISTA: CHE ERA INIZIATA LA STAGIONE VENATORIA A CAPANNO, E CHE I CACCIATORI AVEVANO COMUNQUE LASCIATO I FUCILI A CASA PER QUESTA GIORNATA.
    VI RENDETE CONTO CHE TIPO DI GENTE FA INFORMAZIONE IN QUESTO PAESE?
    OVVIAMENTE NESSUNO è STATO CAPACE DI ALZARE UN DITO.
    VERGOGNA, SI RICORDANO DI NOI SOLTANTO QUANDO DOBBIAMO PAGARE.
    PIENO SOSTEGNO AL SINDACATO VENATORIO.
    CLAUDIO TORTOIOLI ASSOCIAZIONE VENATORIA AMBIENTALE NATA LIBERA PERUGIA

  5. luigi da sorrento scrive:

    bravi, finalmente un’azione che va al di la’ della diffida…ora aspetto un’azione altrettanto decisa sull’applicazione della legge regionale che dovrebbe limitare di molto le aree protette in Campania…e sulla questione di Salerno 2….mi raccomando!!!

  6. cele scrive:

    Complimenti a SVI !! Quello che le AAVV non fanno!! :mrgreen:

  7. Giacomo scrive:

    Sono passati due mesi da quando è andata in vigore la nuova legge regionale e niente sappiamo del previsto restringimento nei limiti del 30% di territorio vietato alla caccia che pur deve avvenire entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge. Restano solo quattro mesi e se fosse dipeso dal sottoscritto dal mio punto di vista da cacciatore con anni di epserienza sul campo, una fetta di territorio vietato, con molta facilità l’avrei già ridata alla caccia, solo che le cose non si semplificano mai in politica, è sempre tutto difficile quando bisogna concedere, al contrario quando bisogna togliere. Sono queste le notizie che stiamo aspettando dai nostri “paladini” della caccia, che in Campania è maggiormente alla migratoria, e senza territorio non si caccia !! Quello che è successo a noi in provincia di Salerno con l’ATC aree contigue.  :-?  :wink:  Salutiaaamo  

  8. Diego scrive:

    Complimenti dimostrazione che quando si tratta di tutelare la nostra immagine oltre che alle parole si può passare ai fatti…cosa che gli uffici legali delle varie AAVV…… (:n)

Leave a Reply


2 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.