Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

EPS: Campania, danni da fauna selvatica e ripopolamenti

| 25 ottobre 2013 | 6 Comments

Campania: danni da fauna selvatica e ripopolamenti a fini faunistico venatori……..
L’EPS Ente Produttori Selvaggina mette in guardia gli ATC!!!!!!!!!!

epsDopo soli due mesi dall’individuazione dei primi focolai in alcuni allevamenti, l’epidemia di aviaria che ha interessato l’Emilia-Romagna è ufficialmente conclusa. Lo dichiara una nota della Regione, comunicando la fine del periodo sottoposto a vincoli, nelle zone di sorveglianza. Il presidente della Regione Vasco Errani, su proposta dell’assessore alle Politiche per la salute Carlo Lusenti, ha infatti emesso una nuova ordinanza che revoca tutti i provvedimenti precedenti.
Ciò nonostante, rileviamo da nostre fonti, la carenza di selvaggina a scopo di ripopolamento, presente nei nostri allevamenti nazionali. Se questa notizia dovesse essere confermata, ci saranno seri problemi per poter effettuare i ripopolamenti faunistico venatori dal prossimo febbraio 2014 in poi.
Il caso ci impone di avvisare tutti gli organi di gestione degli ATC della regione, ad attivarsi fin da subito, per cercare celermente, una soluzione sostenibile, affinchè la prossima imminente programmazione faunistica di immissioni di selvaggina non ci riservi brutte sorprese.
L’intento è di affidare già da subito le convenzioni a quegli allevatori idoneamente selezionati, in maniera tale da avere con certezza la possibilità di opzionare già nell’immediato, selvaggina buona ed idonea da immettere sul territorio a caccia programmata. Ad aspettar l’inizio del nuovo anno, potrebbe esser troppo tardi.-
Altra nota dolente i danni all’agricoltura causati dai cinghiali.
Bisognerebbe applicare i programmi d’intervento in un contesto nuovo per dimensioni e complessità del fenomeno, attuare un confronto continuo con gli esperti degli Istituti zooprofilattici, dei ministeri della Salute, della Difesa, dell’Agricoltura, della Protezione civile, regionali, e con i sindaci dei Comuni interessati.
A ciò si aggiunge la serietà e la consapevolezza di un intero sistema produttivo. Lavorando tutti insieme, potremmo ottenuere risultati che da ora in poi, dovranno essere approfonditi per migliorare ulteriormente i modelli, regionale e provinciale, con cui affrontate questa emergenza. Non basteranno le somme del 10% delle entrate, accantonate in apposito capitolo di bilancio dell’ATC, nella valutazione dei danni per indennizzare nel più breve tempo possibile gli allevatori e agricoltori colpiti”,
Noi, dell’EPS, torniamo a chiedere interventi per i danni dei cinghiali sui terreni agricoli direttamente alla regione; «L’agricoltura è in ginocchio per i danni causati all’attività agricola dalla fauna selvatica ed in particolare dai cinghiali che infestano le campagne soprattutto nelle zone protette.-
L’obiettivo è di sollecitare la politica ad affrontare il problema trovando le soluzioni più efficaci e in tempi rapidi per evitare la chiusura delle tante aziende danneggiate”.

Chiediamo la garanzia di adeguati stanziamenti sul bilancio regionale specificatamente dedicati al ristoro dei danni causati dalla fauna selvatica ed in particolare dagli ungulati;
la redazione di un piano di abbattimento selettivo e cattura degli ungulati con l’obiettivo di riportare la popolazione dei cinghiali a livelli compatibili con un buon equilibrio dell’ecosistema agricolo delle zone maggiormente interessate e
la creazione di un fondo di solidarietà regionale per i danni da fauna selvatica sul modello di quello previsto per le calamità naturali, magari da finanziare anche con i fondi del prossimo Piano di sviluppo rurale regionale”.

Nell’immediato, l’attivazione di un Piano di prevenzione da concordare in conferenza Provincia-Regione
Non vi è ad oggi traccia di nessuna iniziativa a tal riguardo da parte della Regione, nonostante i vari solleciti e segnalazioni. L’impegno a costituire una task force per la redazione di un piano di prevenzione che abbia i suoi punti di forza nelle misure di abbattimento selettivo ed eventuale cattura.

“Gli agricoltori, ormai stanchi, ancora una volta delusi dalle vuote promesse della politica, sono diventati una bomba ad orologeria, che può esplodere da un momento all’altro. Chiederemo a breve un incontro con il Prefetto perché quello dei cinghiali non si trasformi in un’emergenza sociale”. Registriamo continue segnalazioni con relativi avvisi ad adempiere da parte di elenchi di agricoltori.

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Campania, Cinghiale, EPS

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Luigi da Sorrento scrive:

    L’EPS SI PREOCCUPA CHE L’ANNO PROSSIMO NON CI SARANNO SELVATICI PER FARE RIPOPOLAMENTI…..IN QUALI ZONE SI PUO’ RIPOPOLARE IN CAMPANIA SE IL 75% DEL TERRITORIO E’ INIBITO ALLA CACCIA? SI PREOCCUPASSE INVECE DI TROVARE IL TERRITORIO DOVE LANCIARE SELVAGGINA…..SI SONO FATTI RIPOLAMENTI ANCHE NELL’AMBITO DI SALERNO 2, CON I NOSTRI SOLDI ,A BENEFICIO DEI CIRCA 3000 RESIDENTI CHE SI SONO FATTI LA RISERVA PRIVATA…E NOI CI PREOCCUPIAMO CHE MANCA SELVAGGINA…..COME DIREBBE TOTO’…MA MI FACCIA IL PIACERE!!!

  2. Giacomo scrive:

    Perchè non mi escono le faccine ??? Aiehhhh! Salutiaaamo

  3. Giacomo scrive:

    e la creazione di un fondo di solidarietà regionale per i danni da fauna selvatica sul modello di quello previsto per le calamità naturali, magari da finanziare anche con i fondi del prossimo Piano di sviluppo rurale regionale”.
    ————————————————————————————-
    :lol:   :lol:   :lol:   :lol:   :lol:   :lol:   :lol:   :lol:  :lol:   :lol:   :lol:   :mrgreen:

  4. Antonio scrive:

    EPS= ENTE PRODUTTORE SELVAGGINA, e poi stipulanocanche le assicurazioni.  Svelato l’arcano.  Qui non si va a caccia e questi pensano alle stronzate.

  5. Giacomo scrive:

    Sono passati due mesi da quando è andata in vigore la nuova legge regionale e niente sappiamo del previsto restringimento nei limiti del 30% di territorio vietato alla caccia che pur deve avvenire entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge. Restano solo quattro mesi e se fosse dipeso dal sottoscritto già una fetta di territorio vietato, con molta facilità l’avrebbe ridata alla caccia. Sono queste le notizie che stiamo aspettando dai nostri “paladini” della caccia, che in Campania è maggiormente alla migratoria !! :twisted:   Dove i ripopolamenti li fa il Padreterno. A parte il fatto che anche prima dell’aviaria i ripopolamenti per la penna in Campania sono sempre stati fatti male, mentre già si sapeva che i cinghiali si ripopolano da soli e in che modo !! :-?  :wink:  Salutiaaamo   

Leave a Reply


8 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.