Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: Castagne a rischio, Fidc propone soluzione

| 20 ottobre 2013 | 1 Comment

Veneto: Castagne a rischio estinzione, ora è allarme
Montenars, Federcaccia propone soluzione contro il parassita: ci sono in commercio gli antidoti

FedercacciaMONTENARS. Castagne a rischio estinzione, la soluzione arriva dalla Federcaccia regionale. Già da diversi anni i castagneti del gemonese, e non solo, sono colpiti da un parassita che sta lentamente mettendo a rischio le piante, tanto che in sentieri in cui fino a diversi anni fa era possibile trovarne in grande quantità oggi si stenta a trovarne.

Di fronte a questa situazione, a muoversi è la Federcaccia Regionale, in base a quanto emerso durante un recente incontro nella sede della Riserva di caccia gemonese con i bambini delle scuole medie: «Già da diverso tempo – ha spiegato ai più piccoli il vice presidente provinciale di Federcaccia Gabriele Carnelutti – abbiamo preso dei contatti con delle ditte specializzate, le quali sono in possesso di una specie di sifilide antagonista a quello che sta colpendo gran parte dei castagneti della regione: inoculando nelle piante quell’animale sarà possibile combattere il parassita che sta facendo strage degli alberi nelle nostre montagne».

Ad apprendere la notizia, il sindaco Claudio Sandruvi, presente all’incontro, si è subito interessato: «La nostra cittadina – ci ha spiegato – è conosciuta anche per la sua festa delle castagne, e già da anni la gente si lamenta che non trova più castagne limitando le visite sul nostro territorio rispetto a tempo addietro. Per questo motivo, ho invitato subito il signor Carnelutti, con i tecnici sentiti dalla Federcaccia, a visitarci e fare intanto alcune verifiche».

Il cinipide che da anni sta decimando i castagneti sembra colpisca i rami degli alberi in determinati punti, creando delle ostruzioni al passaggio della linfa nella pianta, così che tutte le castagne cadono senza maturare.

La Federcaccia ha voluto informarsi, prendendo contatti con realtà che hanno già operato in altri contesti come la Lombardia e il Piemonte, e in cui le piante sono state inoculate con il parassita antagonista e l’operazione ha avuto esito positivo. In base alle procedure, l’intervento deve essere realizzato nel periodo primaverile quando il cinipide killer depone le sue uova: «Federcaccia – spiega il presidente regionale Paolo Viezzi – ha fatto questa scelta di investire di sua tasca un primo intervento che si farà a Stregna, dove avevamo già constatato la situazione catastrofica che si è generata negli anni per i castagne, e certamente saremo aperti ad intervenire anche altrove ve ne sia la volontà e le disponibilità economiche, visto che il budget che abbiamo messo di tasca nostra non sarà certo sufficiente per tutti i punti critici.

E’ un’operazione che abbiamo scelto di fare per tutelare i castagneti, in diversi punti legati alle tradizioni dei territori, che non hanno oggi alcuna attenzione».

di Piero Cargnelutti

http://messaggeroveneto.gelocal.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Curiosità, Federcaccia, Veneto

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Certo che il WWF non si muove, tempo perso.. loro si muovono solo per contrastare le cosiddette doppiette ; è molto più semplice e divertente SOPRATUTTO GRATIS 

Leave a Reply


+ 3 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.