Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La Francia litiga sul destino dei lupi

| 15 ottobre 2013 | 2 Comments

Troppo protetti? La Francia litiga sul destino dei lupi
Scontro tra allevatori e animalisti sul permesso di abbatterli. E il piano quinquennale del governo è bloccato

Lupo-lunaAttenti al lupo. È una specie protetta dal lontano 1979, quindi a forza di non cacciarla si sta moltiplicando in Francia come nel resto d’Europa. Ma si moltiplicano anche i massacri di pecore. Allevatori ed ecologisti litigano con sfoggio di carte bollate. Sono entrambe due lobby importanti, quindi adesso quello del lupo sta diventando un serio problema, oltre che per gli ovini, anche per i politici.

I lupi sono tornati in Francia all’inizio degli Anni 90 attraverso le Alpi. A poco a poco hanno conquistato il Sud-Est e adesso sono segnalati anche sui Pirenei e in Lorena. Dovrebbero essere circa 250, con una cinquantina di lupacchiotti in arrivo ogni anno. Risultato: la strage degli innocenti. Nel 2012 gli ovini ammazzati sono stati esattamente 5.848. La reazione delle autorità? Tipicamente francese: un Piano lupo quinquennale, dal 2013 al 2017, approvato nel marzo scorso da tutti gli interessati (lupi esclusi), cioè i rappresentanti degli allevatori, quelli delle associazioni ecologiste e il Gnl, Gruppo nazionale del lupo, presieduto dal deputato socialista Christophe Castaner. Il piano prevede di aumentare da 11 a 24 il numero degli animali ammazzabili ogni anno, beninteso su autorizzazione.

Fatta la regola, però, è subito scattata l’eccezione. Dopo un’estate durante la quale i lupi hanno banchettato alla grande, il ministro dell’Ecologia, Philippe Martin, ha autorizzato la regione Paca (Provence-Alpes-Côte-d’Azur: dopo la regolamentazione di tutto il regolamentabile, le sigle sono l’altra grande passione nazionale) a includere il lupo nelle battute già previste per la selvaggina come cervi e cinghiali. Contromossa degli animalisti, che hanno fatto ricorso al Tar di Nizza. Il tribunale ha dato ragione a loro (e ai lupi). Gli allevatori hanno presentato un controricorso al Consiglio di Stato, che però deve ancora pronunciarsi. Da qui lo stallo.

Il Piano lupo prevede in effetti i «tiri di difesa rinforzati». In pratica, dopo tre attacchi allo stesso gregge, si tratta di autorizzare i cacciatori a fare la posta al predatore che torna sul luogo del delitto. Purtroppo il sistema non funziona perché il lupo non mangia solo l’agnello ma anche la foglia. «È un animale scaltro e mobile – spiega Castaner -. Se si organizza il dispositivo vicino al gregge, due ore dopo il lupo è altrove e l’indomani l’attacco si ripete a tre chilometri di distanza».

A questo punto, per restare agli animali, il governo non sa più che pesci pigliare, mentre ecologisti e allevatori hanno ripreso a litigare come prima e più di prima. «La tensione è forte», ammette Castaner. Il ministro Martin difende la pianificazione. Ma è chiaro che il suo Piano balla. Coi lupi.

alberto mattioli

http://www.lastampa.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Curiosità, Lupo

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Peter scrive:

    Ci si deve mettere in testa una volta per tutte sia animalisti, sia ecologisti, sia allevatori, sia ministri e politicanti vari, non solo in Francia, che quando è troppo è troppo punto e basta. Pertanto, ogni eccezione rimossa, va ripristinato senza indugio lo “status quiete”. Sono diventati troppi? Bene, allora uno solo è il sistema più valido per ritornare alla normalità, tutti sappiamo qual’è ma, chissà perchè, ci si mette sempre la testa sotto la sabbia come gli struzzi; intanto si litiga, si fanno ricorsi, controricorsi, ecc., ecc.. Questa nostra società è in crisi perchè non si vogliono affrontare i problemi in maniera seria ed efficiente.

  2. Roberto scrive:

    In Francia hanno le 00  (n)

Leave a Reply


9 + = 17

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.