Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Liguria: Storni, consentiteci di cacciarli due mesi

| 14 ottobre 2013 | 4 Comments

Liguria: Storni, gravi danni all’agricoltura “Consentiteci di cacciarli due mesi”
Le doppiette fanno pressing sulle istituzioni. “Una soluzione che metterebbe d’accordo contadini e cacciatori”

stornoSarzana, 13 ottobre 2013 – La caccia allo storno da anni si «pratica» nelle aule dei tribunali e nella sala del consiglio regionale ligure. Su vigneti e oliveti invece le «doppiette» restano a guardare l’arrivo a nuvole dell’uccello che, di migratore, ormai ha solo la tradizione. Da tanto tempo lo storno non va oltre i confini territoriali e per questo provoca danni ingenti alle coltivazioni. Ma la specie è protetta e nonostante in altre regioni sia stata più volte concessa la caccia per ragioni di selezione in Liguria ancora la problematica non ha avuto una chiara presa di posizione.

I rappresentanti dei cacciatori Giorgio Salvetti, consigliere comunale di Castelnuovo Magra e Maurizio Giannetti hanno rivolto un appello al consigliere regionale Gino Morgillo affinchè presenti un’interrogazione all’assessore Renata Briano e al presidente Claudio Burlando.

La chiave potrebbe essere il giusto equilibrio tra caccia e ambiente pensando soprattutto agli ingenti danni che il passaggio degli storni provoca sulle coltivazioni.

«Abbiamo adottato tutte le strategie possibili – spiegano – per tentare di diminuire i danni causati da questa specie protetta. Oggi rimane che mettere in campo una sola strategia che potrebbe mettere d’accordo contadini, ambientalisti e cacciatori. Per questo abbiamo chiesto al consigliere regionale Gino Morgillo di presentare un’interrogazione all’assessore Renata Briano e al presidente Claudio Burlando la possibilità di cacciare lo storno almeno per due per due mesi evitando così eventuali denunce penali nei confronti dei cacciatori e i contadini patirebbero meno danni. E’ importante inoltre ricordare che in alcune Regioni la caccia in selezione è stata consentita e per questo occorre adeguarsi, collaborare, rispettare le regole e mantenere la cultura venabile».

Massimo Merluzzi

http://www.lanazione.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Liguria, Storni

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Totò scrive:

    Secondo la mia opinione,(VISTO CHE NON VOGLIONO CHE VENGONO CACCIATI) i danni che gli animali provocano all’agricoltrura, dovrebbero essere rivolti a carico di chi li protegge e vuole che la caccia sia chiusa.Sono convinto che le sanzioni che minacciano di fare (quando vedranno i soldi che dovranno pagare di tasca loro) SPARIREBBERO E ANCHE LE LEGHE CHE VOGLIONO LA CHIUSURA DELLA CACCIA, NON FARANNO PIU’ I SALTI MORTALI PER FAR CHIUDERE LA CACCIA(SEMPRE CHE SI RIESCE A FARLI PAGARE A LORO I DANNI), CON GRANDE RAMMARICO,PUTROPPO NON E’ COSI’.
    Qualcuno disse:-DIO SALVI LA REGINA, IO GRIDO QUALCUNO SALVI LA CACCIA CON I FATTI, NON CON LE PAROLE.
    VI SALUTO.  

  2. peppol@ scrive:

    il paradosso è che poi a caccia chiusa li fanno sterminare dalle guardie

  3. antonio scrive:

    Speriamo che chiuadano presto la caccia.è l’unica carta vincente che abbiamo. Finiti i soldi per pagare i danni poi ci vengono a cercare. Saremo capaci di sfruttare la situazione?  Saluti Antonio

  4. ghibli scrive:

    sarebbe ora che le nostre associazioni si battessero affinché i danni causati dagli animali protetti siano pagati da chi li vuole a tutti i costi applicare norme non consone con la realtà italiana
    quindi paghino le associazioni ambientaliste e animaliste
    ma abbiamo le AA.VV che ci meritiamo

Leave a Reply


1 + 8 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.