Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Brescia: deroghe e richiami vivi spaventano i cacciatori

| 11 ottobre 2013 | 0 Comments

Lombardia – Richiami selvatici: il «canto del cigno» spaventa i cacciatori

PROVINCIA. Attività venatoria in commissione
Impianti di cattura chiusi dal 2017 Prelievo in deroga nell’incertezza

merlo gabbiaPrelievo in deroga, provvedimenti sui richiami vivi e la possibile revisione della legge regionale del 2012. Questi gli argomenti principali dibattuti dalla commissione Quarta della Provincia.
Particolarmente calda la situazione legata ai richiami vivi, ovvero tutti quegli uccelli migratori che catturati nei roccoli verrebbero poi utilizzati dai cacciatori come richiami.
Nello scorso mese di luglio il Tar aveva accolto un ricorso presentato dalla Lac (Lega abolizione caccia), sorprendendo tutti e andando contro la legge regionale che invece autorizzava questa pratica.
Un precedente importante da tener conto nel piano quinquennale approvato dalla Regione per le annate comprese tra il 2012 e il 2016, che prevede la riduzione progressiva della cattura con reti degli uccelli selvatici. Sostituendo di fatto la graduale riduzione dei richiami vivi con quelli di allevamento, fino ad arrivare alla chiusura completa degli impianti di cattura per l’anno 2017.
Chiusura che per molti coinciderebbe con la fine della caccia per tutti «le persone normali» a favore di una «caccia d’élite» più costosa che non tutti gli appassionati dell’arte venatoria potrebbero sostenere e incoraggiare. In questo caso resisterà solo una piccola parte di cacciatori, ma qualcuno sostiene l’inadeguatezza di una legislatura che non fornirebbe a tutti le stesse opportunità.
Qualche perplessità è giunta anche a riguardo del prelievo in deroga che dovrebbe tener conto dei dati forniti dall’Ispra di Bologna per quantificare fino a dove i cacciatori si possono spingere.
Ma in questo caso è la totale assenza di dati a cozzare contro una legge che in tanti definiscono ambigua. Da valutare inoltre la posizione sulla normativa regionale impostata lo scorso anno a protezione della fauna selvatica e a tutela dell’equilibrio ambientale e disciplina dell’attività venatoria.
La possibilità di rivedere questo testo già approvato ha trovato diversi estimatori.A.MAF.

http://www.bresciaoggi.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Deroghe, Lombardia

Leave a Reply


3 + = 4

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.