Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Brescia: la Lega chiede chiarezza su guardie zoofile

| 10 ottobre 2013 | 2 Comments

guardieBrescia: Abuso di potere da parte delle Guardie zoofile? La Lega interviene e chiede chiarezza

Le associazioni venatorie, negli scorsi mesi, hanno accusato le guardie zoofile di abuso di potere. La Lega si è interessata della vicenda e ha chiesto all’assessore provinciale alla sicurezza Mario Maisetti e alll’assessore alla caccia Aurelio Guarneri di chiedere una puntigliosa e precisa interpretazione della legge alle autorità competenti.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

Da mesi interpretando i dubbi condivisi ed i malcontenti rimostrati da alcuni dirigenti delle associazioni venatorie, in merito ad abusi di potere e soprusi da parte di alcune guardie zoofile in ambito venatorio, come Lega Nord abbiamo subito preso a cuore il grave problema ed abbiamo chiesto che l’assessore provinciale alla sicurezza Mario Maisetti e l’assessore alla caccia Aurelio Guarneri si facessero carico di chiedere una puntigliosa e precisa interpretazione della legge alle autorità competenti.

Oggi a distanza di pochi mesi il frutto di determinazione, competenza e tenacia dei due Assessori, ha portato al risultato tanto sperato, quanto legittimamente richiesto, da parte della Lega Nord quanto del mondo venatorio, e cioè di fare chiarezza sui compiti, competenza e ruoli delle guardie zoofile in veste di guardie venatorie volontarie.

È stato ufficialmente confermato dal Ministero degli Interni che le guardie zoofile così come tutte le guardie venatorie volontarie, in occasione dello svolgimento di controlli di vigilanza venatoria, rivestono la qualifica di pubblici ufficiali e non di Polizia Giudiziaria e ribadito altrettanto che l’attività di vigilanza venatoria così come il coordinamento siano da ritenersi in capo alla Provincia (legge 157/1992).

A tale proposito pertanto la Lega Nord con il Segretario Provinciale Paolo Formentini, il neo eletto Responsabile Nazionale Caccia della Lega Nord Marco Bassolini ed il Presidente della Consulta Caccia della Lega Nord Luca Mostarda prendono atto con piacere ed esprimono la massima soddisfazione per il risultato ottenuto dal proficuo lavoro sinergico e pienamente collaborativo fatto con l’Assessore Provinciale alla Sicurezza Mario Maisetti e dall’Assessore Provinciale alla Caccia Aurelio Guarneri.

http://www.bsnews.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Lombardia

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Diego scrive:

    Sarebbe però anche ora che Maisetti applicasse il regolamento provinciale delle guardie volontarie che fu redatto dal suo collega di partito ed ex assessore  Bonomelli.
    Altrimenti come al solito si fanno solo  (:-p)

  2. pino56rm scrive:

    “È stato ufficialmente confermato dal Ministero degli Interni che le guardie zoofile così come tutte le guardie venatorie volontarie, in occasione dello svolgimento di controlli di vigilanza venatoria, rivestono la qualifica di pubblici ufficiali e non di Polizia Giudiziaria e ribadito altrettanto che l’attività di vigilanza venatoria così come il coordinamento siano da ritenersi in capo alla Provincia (legge 157/1992).”
    Quindi le GGVVVV possono semplicemente redigere verbali di constatazione e non, come sento dire da più parti, perquisire o sequestrare o quant’altro.

Leave a Reply


3 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.