Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

L’Arcicaccia a difesa della caccia in Piemonte

| 3 ottobre 2013 | 6 Comments

ArcicacciaL’ARCI CACCIA A DIFESA DELLA CACCIA IN PIEMONTE

È stato presentato oggi dalle associazioni anticaccia (LAC – Lega Abolizione Caccia, Pro Natura) e dal Consigliere Regionale Andrea Stara (Gruppo “Insieme per Bresso”) un ulteriore ricorso al TAR contro il nuovo Calendario Venatorio approvato dalla Giunta Regionale.

Come ARCI Caccia, assieme ad Enalcaccia e Italcaccia, abbiamo già dato l’incarico all’Avv. Prof. Paolo Scaparone di resistere in giudizio contro i ricorrenti.

Abbiamo cercato di coinvolgere tutto il mondo venatorio in questa azione di difesa di tutti i cacciatori e per fare sì che venga garantito con continuità l’esercizio venatorio appena iniziato, ma purtroppo sia la Federcaccia che Libera Caccia ed ANUU non hanno fino ad ora accettato di condividere questa nostra iniziativa.

A fronte del ripetersi degli attacchi al Calendario Venatorio Regionale, appare incomprensibile il fatto di non agire prontamente per tutelare l’attività venatoria in Piemonte.

Riteniamo l’atteggiamento delle suddette associazioni un errore molto grave.

Come ARCI Caccia Regionale, assieme ad Enalcaccia e Italcaccia, abbiamo ritenuto giusto e doveroso assumerci la responsabilità della difesa di tutti i cacciatori piemontesi, al di là dell’appartenenza associativa.

I continui pasticci e gli errori compiuti dalla Giunta Regionale già l’anno scorso, ripetutisi quest’anno, determinano un’incertezza nello svolgimento della caccia in Piemonte e impongono che l’Ente di governo regionale affronti il problema della gestione del patrimonio faunistico e del prelievo venatorio con competenza e serietà, a partire dalla nuova legge, oggi incagliata in Consiglio Regionale.

ARCI Caccia Regionale del Piemonte

Alessandria, 3-10-2013

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , , ,

Category: ANLC, ANUU, Arcicaccia, Enalcaccia, Federcaccia, Italcaccia, Piemonte

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Abbiamo cercato di coinvolgere tutto il mondo venatorio in questa azione di difesa di tutti i cacciatori e per fare sì che venga garantito con continuità l’esercizio venatorio appena iniziato, ma purtroppo sia la Federcaccia che Libera Caccia ed ANUU non hanno fino ad ora accettato di condividere questa nostra iniziativa.
    —————————————————————————————————————-
    Ma chiudetela definitivamente questa caccia. Siamo così distanti tra noi che non c’è più storia . E’ diventata una cosa patetica  e ridicola. Inutile parlare di mancato introito da parte dello Stato, di perdite di posti di lavoro e di “”poltroncine “” . Qui si tratta per lo più di guardare quanto si divertono tutti a prendere per i fondelli le persone oneste . (:n) (:n)

  2. Ezio scrive:

    No comment! :cry:

  3. Giacomo scrive:

    Certo è che qyabdo si èin difficolta si cerca aiuto per avere più forza.  :-D  Anche noi cacciatori stiamo chiedendo l’unione delle associazioni per farne una sola grande e che ci faccia avere i nostri diritti essendo così più incisiva. Purtroppo anche in questo caso le altre associazioni non rispondono a Fidc,Anuu e CPA, che chiedono l’unità  :-?   Salutiaaamo

  4. Ezio scrive:

    Mi pare che in questo specifico caso le cose siano molto semplici.
    Arcicaccia, Enalcaccia e Italcaccia piemontesi hanno dato mandato ad un legale per difendere i cacciatori davanti al TAR a fronte del nuovo ricorso animalista.
    Federcaccia e Liberacaccia piemontesi non hanno aderito all’iniziativa. Lo faranno per conto loro..ad ora comunque non è dato saperlo.
    Un FATTO  è che l’assessore Sacchetto certo non ha come consigliera di fiducia Arcicaccia, anche perchè comunista, come da lui dichiarato agli organi di stampa.
    Un altro FATTO che son due anni che la caccia in Piemonte è diventata una sorta di  chimera.
    Sarà colpa di nessuno…oppure delle solite minoranze rompiscatole e certo mai di chi ha le leve del vapore in mano…come sempre in Italia…per carità, ma tant’è.
     

Leave a Reply


5 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.